Text Size
Venerdì, Ottobre 18, 2019
Scienza e Futuro Presto gli ologrammi saranno proiettati direttamente dagli smartphone

I misteriosi macchinari giganti dell'antico Egitto

Attratto da quanto prospettato da Petrie, un altro tecnologo esperto nel settore, Cristopher Dunn, ha seguito le indagini e ha redatto, nel 1983, un articolo titolato "Macchinari avanzati nell'An...

Il meteorite marziano, nuove scoperte sul Sole e il Blackout su Marte

Torna alla ribalta il meteorite di origine marziana che proverebbe la presenza di forme elementari di vita nel passato del pianeta rosso. ALH 84001, questa la sua sigla, divenne famoso 13 anni fa, q...

Il mistero della nave fantasma Mary Celeste

Nel pomeriggio del 5 dicembre 1872 la nave inglese “Dei Gratia” incrociava un brigantino a due alberi che seguiva una rotta erratica nel nord dell'oceano Atlantico, fra le isole Azzorre e la costa d...

I Dargos

Zanfretta descrive questi alieni come di pelle verde e increspata, alti quasi tre metri, grandi punte sulla testa e occhi triangolari gialli; egli dichiara che proverrebbero da un pianeta morente ...

Primi passi per costruire strutture nanoscopiche

Tra le applicazioni possibili, vi sono la realizzazione di membrane nanoporose o di strutture a qubit per computer quantistici L'antico sogno di realizzare strutture tridimensionali con u...

Il misterioso volto gigante scoperto in una remota isola del Canada

Un misterioso volto gigante è stato individuato sulla scogliera di una remota isola canadese, parte del Pacific Rim National Park Reserve. In realtà, si tratta di una riscoperta, in quanto l’en...

Presto gli ologrammi saranno proiettati direttamente dagli smartphone

COSE, persone, animali fluttueranno per la stanza, facendo capolino dallo schermo dei nostri telefoni cellulari. Questa sarà la rivoluzione della realtà virtuale. In un futuro non troppo lontano gli smartphone saranno in grado di generare ologrammi. Un balzo tecnologico che si deve a un'idea di una piccola società californiana, Ostendo Technologies.

Qui lavorano 115 persone, tra cui diversi scienziati esperti di nanotecnologie, che hanno realizzato un chip "grande più o meno quanto una tic tac capace di proiettare immagini su uno schermo da 48 pollici", si legge sul Wall Street Journal. Un dispositivo che presto potrebbe arrivare su tutti gli smartphone e che ha un costo contenuto, circa 30 dollari.

Il progetto ha catturato l'interesse di investitori pubblici e privati - tra cui anche la Defence Advanced Research Projects Agency (Darpa), un'agenzia che fa capo all'esercito statunitense -  consentendo a ostendo di raccogliere 128 milioni di dollari: di questi 38 provenienti da fondi governativi per ricerca e sviluppo.

Il capitale è stato impiegato dalla compagnia californiana per realizzare, dopo un lavoro decennale, il Quantum Photonic Imager, un proiettore ad altissima risoluzione: 5000 pixel per pollice (ppi). Una qualità dell'immagine molto elevata, soprattutto se si considera che lo schermo di un moderno smartphone raggiunge solo i 400 ppi.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit