Text Size
Lunedì, Maggio 22, 2017
Scienza e Futuro L'animazione sospesa è diventata realtà negli USA

Viaggiare nello spazio con le Vele Solari. Un progetto possibile

Le vele solari (chiamate anche vele fotoniche, specialmente quando utilizzano sorgenti di luce diverse dal Sole) sono una forma di propulsione spaziale che sfrutta la pressione di radiazione. Il me...

Gli Ufo ripresi a Melbourne in Australia

Nel video seguente girato a Melbourne in Australia viene mostrato come in una normale ripresa notturna della durata di un ora diversi oggetti vengono inquadrati mentre compiono strane manovre nello ...

Secondo la scienza si può trovare vita extraterrestre tramite lo scambio di "bit"

Che cosa s'intende realmente quando si parla di “vita nell'universo”? E quale probabilità abbiamo di scoprirne nuove forme? Sono questi gli interrogativi alla base di un articolo apparso sulla rivis...

Ecco la foto che dimostra che i fantasmi esistono

Questa volta nemmeno lo zaino protonico dell’Acchiappafantasmi Dan Aykroyd avrebbe potuto fare qualcosa di fronte alla figura in abito di corte apparsa come per magia dietro alle sbarre di una fin...

L'enigma della materia non visibile, la rapida formazione di Marte e la conclusione della missione di Spirit

Un altro giallo spaziale ha trovato soluzione. Al centro del caso: la luce delle stelle. Analizzandola, gli astronomi ottengono numerose informazioni. Compresa la certezza che in molti casi, lungo ...

Roberto Giacobbo spiega il 2012

Roberto Giacobbo, noto presentatore televisivo del programma Voyager e appassionato di archeologia, spiega e unisce le varie teorie del 2012 unendo le profezie di varie culture, non assolutamente a co...

  • Viaggiare nello spazio con le Vele Solari. Un progetto possibile


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • Gli Ufo ripresi a Melbourne in Australia


    Publish In: Le Prove
  • Secondo la scienza si può trovare vita extraterrestre tramite lo scambio di "bit"


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Ecco la foto che dimostra che i fantasmi esistono


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'enigma della materia non visibile, la rapida formazione di Marte e la conclusione della missione di Spirit


    Publish In: News Astronomia
  • Roberto Giacobbo spiega il 2012


    Publish In: Profezie passate e future

L'animazione sospesa è diventata realtà negli USA

NE' VIVI né morti per ben due ore. Dieci pazienti con ferite gravissime da coltello o arma da fuoco, una volta arrivati in ospedale, saranno posti in una condizione definita tecnicamente "animazione sospesa". Questo consentirà ai chirurghi di guadagnare tempo prezioso per poterli operare e poi riattivare tutte le loro funzioni vitali. Il professore che la sta sperimentando racconta la tecnica a Repubblica.it

Anche se sembra quasi di leggere una sceneggiatura di fantascienza, questa tecnica sarà effettivamente messa in pratica al Presbyterian Hospital UPMC di Pittsburgh, in Pennsylvania, negli Stati Uniti. Qui è iniziata da pochi giorni una sperimentazione condotta dal dottor Samuel Tisherman, che racconta: "Come chirurgo ho lavorato al pronto soccorso operando persone con gravi traumi per vent'anni. Ho visto pazienti morire quando avrebbero potuto essere salvati semplicemente se avessimo avuto un po' più di tempo per controllare la loro perdita di sangue e operarli".

Quando al cervello non arriva abbastanza plasma a causa di un arresto cardiaco, o perché nel corpo ne rimane ben poco, bastano infatti pochi minuti per subire danni irreversibili che possono portare alla morte. "Oltre al mio lavoro al pronto soccorso, sono stato coinvolto nei più recenti studi sugli alti livelli di ipotermia raggiunta da alcuni pazienti che non avevano subito arresti cardiaci post traumatici", continua Tisherman, "ho potuto così studiare i potenziali benefici dell'abbassamento della temperatura corporea che si possono applicare negli ospedali".

Ai pazienti che arriveranno al trauma center del Presbyterian Hospital in condizioni estremamente critiche, con una probabilità di sopravvivere non superiore al 7%, il chirurgo effettuerà un drenaggio completo del sangue che sarà sostituito da una soluzione salina fredda. Questo liquido iniettato nelle loro vene dovrebbe abbassarne rapidamente la temperatura, fino a circa 10 gradi, e fermare così quasi completamente le loro attività cellulari, incluse quelle cerebrali. Dunque a questo punto nessun battito di cuore, nessun respiro, nessun pensiero, e per centoventi minuti i pazienti potranno essere definiti clinicamente morti.

Tisherman parla di tutta questa prima fase come "la più difficile", proprio perché è quella veramente "diversa rispetto a come operiamo normalmente", per questo "deve cominciare il prima possibile" spiega il chirurgo che non nasconde un dubbio: "Quanto la sostituzione del sangue con il liquido freddo riuscirà ad abbassare in modo efficace la temperatura corporea dei degenti resta un punto di domanda".

I vantaggi del raffreddamento per gli esseri umani, ipotermia indotta, in campo medico sono noti da decenni. Con una temperatura normale, circa 37 gradi centigradi, le cellule hanno bisogno di un apporto di ossigeno regolare per poter produrre energia. Se però il cuore smette di battere e il sangue cessa di scorrere, il cervello ha un'autonomia di 5 minuti circa prima di subire danni irreversibili. A temperature più basse invece le cellule richiedono meno ossigeno per sopravvivere, perché le reazioni chimiche al loro interno rallentano. Questo spiega ad esempio il motivo per cui alcune persone salvate dall'annegamento in laghi ghiacciati a volte possono essere rianimate dopo più di mezz'ora senza respirare.

Spesso i medici, prima di un intervento chirurgico al cuore o al cervello, abbassano la temperatura corporea dei pazienti con impacchi di ghiaccio e facendo circolare il loro sangue attraverso un sistema di raffreddamento esterno. Così possono guadagnare fino a 45 minuti per l'operazione. Questo processo però richiede tempo e pianificazione, due elementi inconciliabili con le condizioni di alcuni pazienti che sono in punto di morte, come chi ha subito pugnalate o colpi di arma da fuoco.

"E' difficile prevederlo", chiarisce Tisherman, "ma se per questi pazienti riusciremo ad aumentare le probabilità di sopravvivenza dal 7% al 15% o magari al 20% sarà per noi un grande successo". La tecnica che userà il chirurgo è stata già sperimentata con i suini, nel 2002, dal team del dottor Hasan Alam alla University of Michigan Hospital. L'esperimento ha avuto successo. Dopo il periodo di prova al Presbyterian Hospital, i risultati ottenuti saranno comparati con quelli di altri dieci degenti nelle stesse condizioni che non hanno beneficiato della nuova tecnica. Poi sarà ulteriormente migliorata e testata.

"Se riusciremo a consolidare questo metodo potrebbe essere adottato da altri trauma center", conclude Tisherman, "inoltre una volta perfezionata anche la strumentazione e i fluidi utilizzati magari saremo in grado di usarlo anche fuori dagli ospedali e l'Esercito americano potrebbe essere interessato".

Fonte: repubblica.it


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit