Text Size
Giovedì, Gennaio 28, 2021
Scienza e Futuro La scienza afferma:la vita nell'Universo potrebbe essersi sviluppata prima di quanto pensiamo

Gli ottimi risultati delle neuroprotesi elettriche "intelligenti"

Il movimento delle zampe posteriori di ratti paralizzati può essere ripristinato con una serie di impulsi elettrici trasmessi tramite elettrodi al sistema nervoso degli animali:lo ha dimostrato uno...

Il continuo problema della spazzatura spaziale, la tempesta monitorata su Saturno e l'immagine da 9 miliardi di pixel del centro della nostra galassia

Ancora una volta torna alla ribalta il problema  della spazzatura spaziale. E ancora una volta per un incidente. Ad agosto un razzo doveva portare  in orbita due satelliti per le telecomunicazioni...

La fusione dei buchi neri nati dalla stessa stella, la posizione stimata per il Pianeta X nel nostro Sistema Solare ed i primi piani per mandare un lander sulla luna Europa

I due buchi neri, la cui fusione (coalescenza, come dicono gli addetti ai lavori) ha dato origine alla brevissima onda gravitazionale rilevata da LIGO il 14 settembre 2015, potrebbero essersi origin...

Le pitture rupestri di antichi visitatori alieni in Italia e Algeria

Le incisioni rupestri della Val Camonica (sito UNESCO n° 94, Arte rupestre della Valcamonica) costituiscono una delle più ampie collezioni di petroglifi preistorici del mond...

Il primo sbarco umano su un asteroide, i due asteroidi vicinissimi alla Terra e il Moon Watch Party

A Obama piace l’idea di far sbarcare i primi uomini su un asteroide entro il 2025. E la NASA risponde che si può fare, a patto di avere a disposizione le nuove capsule Orion. Per i tecnici dell’age...

L' Ufo a forma di sigaro fotografato mentre sorvola i cieli marziani

Un' altra misteriosa sequenza di immagini è stata registrata dal Mars Curiosity su Marte vicino al monte Sharp dove, ad un certo punto, passa nel cielo un grosso oggetto di forma cilindrica, tipo l'...

  • Gli ottimi risultati delle neuroprotesi elettriche "intelligenti"


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il continuo problema della spazzatura spaziale, la tempesta monitorata su Saturno e l'immagine da 9 miliardi di pixel del centro della nostra galassia


    Publish In: News Astronomia
  • La fusione dei buchi neri nati dalla stessa stella, la posizione stimata per il Pianeta X nel nostro Sistema Solare ed i primi piani per mandare un lander sulla luna Europa


    Publish In: News Astronomia
  • Le pitture rupestri di antichi visitatori alieni in Italia e Algeria


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Il primo sbarco umano su un asteroide, i due asteroidi vicinissimi alla Terra e il Moon Watch Party


    Publish In: News Astronomia
  • L' Ufo a forma di sigaro fotografato mentre sorvola i cieli marziani


    Publish In: Le Prove

La scienza afferma:la vita nell'Universo potrebbe essersi sviluppata prima di quanto pensiamo

FORME di vita aliena potrebbero essere state ospitata, subito dopo il Big Bang, da alcuni pianeti non appartenenti al Sistema Solare. Un evento avvenuto ben 13,8 miliardi di anni fa, si parla quindi di un’epoca di gran lunga precedente a quella della vita sulla Terra, comparsa alcuni miliardi di anni dopo. Non è uno scherzo, ma un’ipotesi scientifica che scaturisce da un nuovo studio, condotto
dall’astrofisico Abraham Loeb del Dipartimento di Astronomia all’Università di Harvard, negli Stati Uniti.

Nello studio, pubblicato su arXiv, lo scienziato illustra come soltanto pochi milioni di anni dopo il Big Bang, l’esplosione con cui ha avuto inizio l’universo, la temperatura fosse compresa tra 0 e 100 gradi centigradi: essa avrebbe permesso ad eventuali pianeti primordiali, composti di roccia, di essere dotati di acqua liquida e dunque di poter essere abitabili. E il tutto indipendentemente dalla loro distanza dalla stella madre (che per noi è il Sole): infatti, mentre tradizionalmente, parlando di origine della vita nell’universo, ci si riferisce a pianeti che si trovano in ‘zone abitabili’, che si trovano intorno a stelle, al contrario in questo caso non è così.

Ma come è possibile risalire al valore di questa temperatura? Agli scienziati viene in aiuto la radiazione cosmica di fondo (CMB), che, un po’ come un’impronta del Big Bang, è la luce residua, prodotta dall’esplosione iniziale, che permea tutto l’universo. In generale, nell’istante successivo al Big Bang, l’universo era caldissimo e molto denso e, al passare del tempo, si espandeva e si raffreddava: conseguentemente diminuiva anche la temperatura della radiazione cosmica, oggi prossima allo zero assoluto. In un ben determinato periodo, però, la temperatura della CMB risultava compresa tra 273 e 373 gradi Kelvin, l’equivalente del nostro intervallo da 0 a 100 gradi centigradi. Ed è in questo lasso di tempo che Abraham Loeb ipotizza, nel caso in cui vi fossero stati dei pianeti rocciosi, la presenza di una zona abitabile, con acqua e temperature che avrebbero consentito la vita. E dunque l’ipotesi si sposta a qualche forma di vita aliena, dato che si parla di altri pianeti.

15 milioni di anni dopo il Big Bang, "quando l’universo aveva 15 milioni di anni" – un’età giovanissima – "la radiazione cosmica di fondo aveva la stessa temperatura che si rileva in un giorno caldo d’estate sulla Terra", ha affermato Loeb su space.com. "Se a quell’epoca esistevano pianeti rocciosi, la radiazione CMB avrebbe potuto tenere calda la loro superficie anche se questi non si fossero trovati nella zona abitabile intorno alla propria stella". Infatti, uno degli aspetti da non dimenticare è che secondo il modello cosmologico standard, la prima stella si è formata decine di milioni di anni dopo il Big Bang, dunque in un periodo successivo a quello cui lo scienziato si riferisce, in assenza di elementi chimici pesanti, che sono i responsabili della formazione dei pianeti rocciosi.

Questa teoria porta a supporre che subito dopo il Big Bang non esistessero pianeti rocciosi. Ma c’è un’altra possibilità, come riporta space.com: l’autore dello studio parla di rare "isole" di materia, molto dense, in cui si sarebbero originate stelle massive e dalla vita breve. E proprio l’esplosione di queste stelle avrebbe potuto produrre elementi chimici pesanti, da cui sarebbero nati poi i pianeti rocciosi, fino ad allora inesistenti. Insomma, lo studio di Loeb apre nuove prospettive di ricerca rispetto a possibili forme di vita agli albori del nostro universo.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit