Text Size
Domenica, Ottobre 20, 2019
Scienza e Futuro La scienza afferma:la vita nell'Universo potrebbe essersi sviluppata prima di quanto pensiamo

L'incidente di Dalnegorsk. Il misterioso caso dell'Ufo che precipitò in Russia

  Il 29 gennaio 1986 alle 20,00 circa gli abitanti di Dal'negorsk, città situata nella parte dell'estremo oriente russo, vicino al confine con la Cina, hanno visto in cielo una palla rossastra, gr...

La cometa che potrebbe colpire Marte, l'oceano di acqua salata di Europa e la cometa visibile C/2011 L4 Pan-STARRS

Una cometa potrebbe colpire Marte nel 2014. Ma attenzione: la probabilità è bassissima, appena lo 0,1%. Secondo gli ultimi calcoli sembra infatti che la cometa si limiterà a passare vicino al pian...

Il mistero che ancora avvolge il "nono pianeta", il velocissimo sciame meteorico delle Eta Aquaridi ed il buco nero 660 mln più pesante del Sole

Risale a gennaio di quest’anno la notizia della scoperta, da parte di un team di scienziati del Caltech, della possibile esistenza di un nono pianeta, soprannominato appunto Planet Nine. Secondo i ...

Cosa sognano i ciechi congeniti? Novità e nuovi misteri dalla scienza

I sogni dei non vedenti sono identici ai nostri: soggetti a colori e in movimento, figure umane, paesaggi naturali. È quanto hanno scoperto i ricercatori del Laboratorio del sonno della Facoltà di M...

La luce dei buchi neri, le sonde Cluster e il vento solare e la sonda MAVEN in rotta per Marte

I confini di un buco nero possono emettere luce: a ipotizzarlo fu il celebre scienziato Stephen Hawking nel 1974. Ora un esperimento condotto da ricercatori italiani sembra dargli ragione. Sia l’ip...

La prima protesi metallica'? E' dell'antico Egitto

Il museo Rosacruciano di San Josè in California conserva una delle collezioni di mummie piu' straordinarie del mondo. Le sue sei mummie, nell'Agosto 1995, hanno richiamato un team di scienziati dal...

  • L'incidente di Dalnegorsk. Il misterioso caso dell'Ufo che precipitò in Russia


    Publish In: Le Prove
  • La cometa che potrebbe colpire Marte, l'oceano di acqua salata di Europa e la cometa visibile C/2011 L4 Pan-STARRS


    Publish In: News Astronomia
  • Il mistero che ancora avvolge il "nono pianeta", il velocissimo sciame meteorico delle Eta Aquaridi ed il buco nero 660 mln più pesante del Sole


    Publish In: News Astronomia
  • Cosa sognano i ciechi congeniti? Novità e nuovi misteri dalla scienza


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La luce dei buchi neri, le sonde Cluster e il vento solare e la sonda MAVEN in rotta per Marte


    Publish In: News Astronomia
  • La prima protesi metallica'? E' dell'antico Egitto


    Publish In: Oopart Archeomisteri

La scienza afferma:la vita nell'Universo potrebbe essersi sviluppata prima di quanto pensiamo

FORME di vita aliena potrebbero essere state ospitata, subito dopo il Big Bang, da alcuni pianeti non appartenenti al Sistema Solare. Un evento avvenuto ben 13,8 miliardi di anni fa, si parla quindi di un’epoca di gran lunga precedente a quella della vita sulla Terra, comparsa alcuni miliardi di anni dopo. Non è uno scherzo, ma un’ipotesi scientifica che scaturisce da un nuovo studio, condotto
dall’astrofisico Abraham Loeb del Dipartimento di Astronomia all’Università di Harvard, negli Stati Uniti.

Nello studio, pubblicato su arXiv, lo scienziato illustra come soltanto pochi milioni di anni dopo il Big Bang, l’esplosione con cui ha avuto inizio l’universo, la temperatura fosse compresa tra 0 e 100 gradi centigradi: essa avrebbe permesso ad eventuali pianeti primordiali, composti di roccia, di essere dotati di acqua liquida e dunque di poter essere abitabili. E il tutto indipendentemente dalla loro distanza dalla stella madre (che per noi è il Sole): infatti, mentre tradizionalmente, parlando di origine della vita nell’universo, ci si riferisce a pianeti che si trovano in ‘zone abitabili’, che si trovano intorno a stelle, al contrario in questo caso non è così.

Ma come è possibile risalire al valore di questa temperatura? Agli scienziati viene in aiuto la radiazione cosmica di fondo (CMB), che, un po’ come un’impronta del Big Bang, è la luce residua, prodotta dall’esplosione iniziale, che permea tutto l’universo. In generale, nell’istante successivo al Big Bang, l’universo era caldissimo e molto denso e, al passare del tempo, si espandeva e si raffreddava: conseguentemente diminuiva anche la temperatura della radiazione cosmica, oggi prossima allo zero assoluto. In un ben determinato periodo, però, la temperatura della CMB risultava compresa tra 273 e 373 gradi Kelvin, l’equivalente del nostro intervallo da 0 a 100 gradi centigradi. Ed è in questo lasso di tempo che Abraham Loeb ipotizza, nel caso in cui vi fossero stati dei pianeti rocciosi, la presenza di una zona abitabile, con acqua e temperature che avrebbero consentito la vita. E dunque l’ipotesi si sposta a qualche forma di vita aliena, dato che si parla di altri pianeti.

15 milioni di anni dopo il Big Bang, "quando l’universo aveva 15 milioni di anni" – un’età giovanissima – "la radiazione cosmica di fondo aveva la stessa temperatura che si rileva in un giorno caldo d’estate sulla Terra", ha affermato Loeb su space.com. "Se a quell’epoca esistevano pianeti rocciosi, la radiazione CMB avrebbe potuto tenere calda la loro superficie anche se questi non si fossero trovati nella zona abitabile intorno alla propria stella". Infatti, uno degli aspetti da non dimenticare è che secondo il modello cosmologico standard, la prima stella si è formata decine di milioni di anni dopo il Big Bang, dunque in un periodo successivo a quello cui lo scienziato si riferisce, in assenza di elementi chimici pesanti, che sono i responsabili della formazione dei pianeti rocciosi.

Questa teoria porta a supporre che subito dopo il Big Bang non esistessero pianeti rocciosi. Ma c’è un’altra possibilità, come riporta space.com: l’autore dello studio parla di rare "isole" di materia, molto dense, in cui si sarebbero originate stelle massive e dalla vita breve. E proprio l’esplosione di queste stelle avrebbe potuto produrre elementi chimici pesanti, da cui sarebbero nati poi i pianeti rocciosi, fino ad allora inesistenti. Insomma, lo studio di Loeb apre nuove prospettive di ricerca rispetto a possibili forme di vita agli albori del nostro universo.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit