Text Size
Sabato, Giugno 23, 2018
Scienza e Futuro Scienziati italiani dimostrano che le piante apprendono e ricordano

L'oggetto di dimensioni planetarie in modalità invisibile fotografato da SOHO

L'attenzione degli Ufo verso la nostra stella sembra non volersi fermare, infatti la sonda spaziale SOHO che monitora costantemente il nostro Sole ha ripreso per ben 2 volte un oggetto di forma sfer...

Nightcrawler, il mistero degli esseri filmati in America dall'aspetto inquietante

Vi è una leggenda dei nativi della zona attorno al California Yosemite Park che narra la storia di strane creature, esseri provenienti dalle stelle che vengono descritte come deformi, senza corpo ...

La sonda Voyager 1 oltre il Sistema Solare,la farfalla con ali fatte di stelle e l'immagine spettacolare dello stormo di stelle brillanti

molti falsi allarmi e rinvii, finalmente il momento tanto atteso è arrivato. La navicella della NASA Voyager 1 è ufficialmente il primo veicolo umano a entrare nello spazio interstellare. La...

La nuova teoria sull'origine della Sacra Sindone

Un’esplosione di energia sarebbe all’origine della formazione della Sacra Sindone. E’ciò che emerge da uno studio dal titolo ‘Immagine sulla formazione corporea della Sindone di Torino. Compendio ...

Il video dell'Ufo luminoso filmato a Tarapaca in Cile

L'apparizione di un oggetto volante non identificato ha causato commozione (panico? - ndr.) in Tarapacá nella notte di Giovedi. L'oggetto luminoso visto...

Leonardo Da Vinci e i misteri dell'ultima cena

Leonardo di ser Piero da Vinci (Vinci, 15 aprile 1452 – Amboise, 2 maggio 1519) è stato un artista e scienziato italiano. Uomo d'ingegno e talento universale del Rinascimento italiano, incarnò in pien...

  • L'oggetto di dimensioni planetarie in modalità invisibile fotografato da SOHO


    Publish In: Le Prove
  • Nightcrawler, il mistero degli esseri filmati in America dall'aspetto inquietante


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • La sonda Voyager 1 oltre il Sistema Solare,la farfalla con ali fatte di stelle e l'immagine spettacolare dello stormo di stelle brillanti


    Publish In: News Astronomia
  • La nuova teoria sull'origine della Sacra Sindone


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il video dell'Ufo luminoso filmato a Tarapaca in Cile


    Publish In: Le Prove
  • Leonardo Da Vinci e i misteri dell'ultima cena


    Publish In: Uomini e Misteri

Scienziati italiani dimostrano che le piante apprendono e ricordano

LE PIANTE sono in grado di apprendere e di conservare memoria delle informazioni. Lo dimostra per la prima volta un esperimento realizzato al Laboratorio Internazionale di Neurobiologia Vegetale - Linv dell'Università di Firenze e descritto in un articolo pubblicato sull'ultimo numero della rivista scientifica Oecologia (Experience teaches plants to learn faster and forget slower in environments where it matters").

Stefano Mancuso, responsabile del Linv, assieme ai ricercatori della University of Western Australia Monica Gagliano, Michael Renton e Martial Depczynski, ha sottoposto a stimoli di varia natura alcune piante di Mimosa pudica, un arbusto che chiude le sue foglioline non appena viene disturbato, dimostrando l'abilità di distinguere tra i diversi stimoli e di memorizzare le informazioni per lunghi periodi di tempo.

"La Mimosa pudica è una piccola pianta di origine tropicale, ormai abbastanza comune anche alle nostre latitudini, che è stata a lungo studiata per la sua reazione a stimoli che la disturbano", ha raccontato Stefano Mancuso, associato di Arboricoltura generale e coltivazioni arboree del Dipartimento di Scienze delle produzioni agroalimentari e dell'ambiente dell'ateneo fiorentino. "La sua reazione immediata e visibile ci ha permesso di studiare le risposte a vari tipi di sollecitazioni, sia pericolose, come il contatto con un insetto, che inoffensive", ha aggiunto.

"Abbiamo addestrato le piante a ignorare uno stimolo non pericoloso, la caduta del vaso in cui sono coltivate da un'altezza di 15 centimetri, ripetendo l'esperienza. Dopo alcune ripetizioni - ha spiegato il ricercatore le piante di mimosa non hanno più chiuso le foglie, risparmiando tra l'altro energia. Allevando le piante in due gruppi separati, con disponibilità di luce diverse, è stato possibile dimostrare infatti che quelle coltivate a livelli luminosi inferiori, e quindi con meno energia, apprendono più in fretta di quelle che ne hanno di più. Come se non volessero sprecare risorse. Le piante hanno mantenuto memoria delle esperienze per oltre 40 giorni". E ha concluso: "Dobbiamo ancora capire come e dove i vegetali conservino queste informazioni e come facciano a richiamarle quando è necessario. Per farlo applicheremo ad altri tipi di piante, in particolare quelle carnivore, le tecniche utilizzate per studiare il comportamento degli animali".


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit