Text Size
Mercoledì, Agosto 12, 2020
Scienza e Futuro Quanto è grande esattamente il nostro Universo? La scienza risponde

Il contrasto tra la matematica ed i ricordi

Matematica e ricordi non vanno d’accordo. O almeno, così è per una struttura cerebrale detta corteccia posteromediale (PMC), una regione che ha un ruolo fondamentale nelle attività introspettive e c...

Il più grande ammasso di Galassie che mette in difficoltà gli astronomi,il panorama simile alla Terra di Titano e il modulo spaziale gonfiabile "beam" realizzato dalla Nasa

E’ il più grande insieme di galassie mai individuato finora e mette in dubbio uno dei fondamenti della cosmologia moderna: il principio cosmologico. Andiamo con ordine: il gruppo è molto lontano e...

Hoia Baciu: il mistero della foresta rumena tra fantasmi, alieni, viaggi nel tempo e altro...

Hoia Baciu è una foresta che si trova al confine settentrionale della Romania, alla periferia di quel gioiello policulturale che è il comune di Cluj Napoca, nel cuore  della regione della Transilva...

Raymond Kurzweil e il backup del cervello

Raymond Kurzweil RAY Kurzweil porta un cognome che si può leggere sulle tastiere durante i concerti rock, sul Wall Street Journal, accanto alla definizione "genio sempre al lavoro", o su Fo...

La conoscenza quantistica dei pettirossi che sorprende gli scienziati

La capacità degli uccelli di far riferimento al campo magnetico terrestre per orientarsi nelle loro migrazioni ha sempre affascinato naturalisti e fisici. Diversi studi hanno posto in r...

Mars One: la missione che porterà l'uomo su Marte nel 2023

Tra undici anni potrebbe essere realtà: un gruppo di professionisti e sognatori ha messo a punto il progetto Mars One che prevede la possibilità di inviare i primi quattro uomini sul Marte nel 202...

  • Il contrasto tra la matematica ed i ricordi


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il più grande ammasso di Galassie che mette in difficoltà gli astronomi,il panorama simile alla Terra di Titano e il modulo spaziale gonfiabile "beam" realizzato dalla Nasa


    Publish In: News Astronomia
  • Hoia Baciu: il mistero della foresta rumena tra fantasmi, alieni, viaggi nel tempo e altro...


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Raymond Kurzweil e il backup del cervello


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La conoscenza quantistica dei pettirossi che sorprende gli scienziati


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Mars One: la missione che porterà l'uomo su Marte nel 2023


    Publish In: Scienza e Futuro

Quanto è grande esattamente il nostro Universo? La scienza risponde

Domanda: se osserviamo una galassia lontana nata appena 700 milioni di anni dopo il big bang, a che distanza si trova ora la galassia in questione rispetto alla Terra, usando come unità di misura l'anno luce, ovvero la distanza percorsa in un anno dalla radiazione elettromagnetica nel vuoto?

Risposta: beh, sappiamo che l'universo è vecchio di 13,8 miliardi di anni, sappiamo che la galassia è nata appena 700 milioni di anni dopo la nascita dell'universo, quindi basta fare una sottrazione, cioè 13,8 meno 0,7, cioè 13,1. La nostra galassia è lontana 13,1 miliardi di anni luce.

Risposta sbagliata. La nostra galassia ora è molto, ma molto più lontana. Quanto? Circa 30 miliardi di anni luce. Come è possibile? Come può la galassia trovarsi a una distanza maggiore da quella percorsa dalla sua luce nell'arco di tempo impiegato per arrivare fino a noi?

Facciamo un passo indietro. Anzi laterale. Immaginiamo di essere in una stanza, poggiati a una parete. Sulla parete di fronte c'è una lampada. Possiamo misurare la distanza tra noi e la lampada con un metro, e quindi esprimerla in centimetri o multipli, per esempio. Basta srotolare il nostro metro tra i due punti (lampada e parete opposta) e il gioco è fatto. Oppure possiamo misurarla basandoci sul tempo che impiega un fotone emesso dalla lampada ad arrivare fino a noi. In questo secondo caso, che per inciso è alla base dei distanziometri laser che si trovano comunemente in commercio, facciamo un ragionamento uguale a quello appena usato per la galassia: misuriamo una distanza in base alla radiazione elettromagnetica.

Ma allora perché nel caso della galassia il risultato del ragionamento, assai intuitivo, è sbagliato?

Nel caso della stanza misuriamo lo spazio tra noi e la lampada qui ed ora, o meglio: il tempo che impiega il fascio laser a coprire la distanza è irrisorio, vista la velocità della luce nell'aria, poco più piccola di quella nel vuoto che è quasi 300.000 chilometri al secondo. Ma quando consideriamo scale temporali come quella dell'età del cosmo la faccenda cambia radicalmente, a causa di una caratteristica del cosmo stesso che diventa fondamentale nel calcolo delle distanze degli oggetti lontani dalla Terra, insieme ad altri parametri grazie a cui abbiamo un'idea di come è nato e come si evolve l'universo.

Alla fine degli anni venti, l'astronomo statunitense Edwin Hubble scoprì che l'universo si espande, osservando che le altre galassie si stanno allontanando dalla nostra. Questa espansione avviene a un tasso di 67,3 chilometri al secondo per megaparsec, la cosiddetta costante di Hubble, in base ai risultati più recenti ottenuti dal satellite Planck dell'Agenzia spaziale europea.

Come hanno scritto in un articolo su "Le Scienze" Adam G. Riess e Michael S. Turner, pionieri delle ricerche sulla storia dell'espansione dell'universo: "Hubble notò, inoltre, che le galassie più distanti si allontanano più velocemente di quelle vicine, in accordo con quella che ora è nota come legge di Hubble (la velocità relativa è uguale alla distanza moltiplicata per la costante di Hubble). Considerata nel contesto della teoria della relatività generale di Einstein, la legge di Hubble è un'espressione dell'espansione uniforme dello spazio, che è poi un semplice ingrandirsi delle dimensioni dell'universo."

Ricapitolando, l'espansione del cosmo è un espansione dello spazio.

Tutto questo ha un'implicazione enorme per i fotoni che emette la nostra galassia lontana. Mentre viaggiano verso di noi, lo spazio si espande, stirando la distanza che devono coprire per arrivare fino ai rivelatori che ci permettono di rilevarli qui sulla Terra o con gli strumenti in orbita.

Per quanto possa sembrare un rompicapo difficile, o al limite privo di soluzione, in realtà è possibile operare il calcolo di questo stiramento, e quindi anche della distanza effettiva qui e ora della galassia lontana. In questo calcolo vanno considerati anche altri importanti parametri cosmologici e i passaggi non sono affatto facili. Chi volesse approfondire la questione può leggere questo studio pubblicato su "The Astrophysical Journal", in cui è possibile seguire nel dettaglio il calcolo del raggio attuale dell'universo osservabile. Il risultato è di 45,7 miliardi di anni luce.  

Ecco quindi che la nostra galassia lontana 30 miliardi di anni luce non contraddice alcuna legge della fisica. Solo l'intuizione.

(Per inciso, se ancora pensate che non sia vero, leggete questo comunicato stampa in cui la galassia dell'esempio esiste davvero e gli stessi ricercatori che l'hanno scoperta spiegano che è lontana circa 30 miliardi di anni luce.)


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit