Text Size
Lunedì, Agosto 10, 2020
Scienza e Futuro Il mistero delle chiatte marine tenute nascoste da Google

Il misterioso libro di Dzyan. La storia è davvero come la conosciamo?

Helena Petrovna Blavatsky (nata il 12 Agosto 1831 e morta l'8 Maggio 1891) fu una delle più misteriose donne esoteriche che l'America abbia mai conosciuto, infatti è stato grazie a lei che siamo venut...

Il mistero della geometria frattale presente nell'Universo

Uno dei disegni più ricorsivi in natura è la geometria frattale, ma cos'è esattamente il frattale? Un frattale è un oggetto geometrico che si ripete nella sua struttura allo stesso modo su scale dive...

La prova dell'esistenza di antichi esseri sulla Terra più evoluti, almeno tecnologicamente, di noi. Il codice Igazszolás

Negli ultimi 40 anni, grazie a diversi autori e ricercatori, abbiamo visto che nelle tradizioni e nei testi scritti di tante civiltà sparse sul pianeta esiste traccia di esseri almeno tecnologica...

Marte 500, la missione che porterà l'uomo su Marte

MOSCA – Il “pianeta rosso” è sempre più vicino. Ne sono convinti gli scienziati dell’Istituto per i problemi medico-biologici di Mosca (Imbp), che insieme all’Esa (Agenzia Spaziale europea) lanceranno...

Lo strato caldo sotto la superfice ghiacciata di Encelado, la stella appena nata nella nebulosa Zampa di Gatto e le nuove scoperte sperimentali su Titano

Cosa si nasconde sotto lo strato di ghiaccio al polo Sud di Encelado? La sesta luna di Saturno ospiterebbe un immenso oceano responsabile della formazione di molte delle fessure che “dipingono” la ...

L'intervista a Mario Pincherle sullo Zed della Grande Piramide

I misteri della piramide di Cheope LO ZED Molti archeologi hanno elaborato la teoria che la Piramide di Cheope non sia altro che un “Contenitore”, un involucro a proteggere lo Zed. Le teorie sull...

  • Il misterioso libro di Dzyan. La storia è davvero come la conosciamo?


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il mistero della geometria frattale presente nell'Universo


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La prova dell'esistenza di antichi esseri sulla Terra più evoluti, almeno tecnologicamente, di noi. Il codice Igazszolás


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Marte 500, la missione che porterà l'uomo su Marte


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • Lo strato caldo sotto la superfice ghiacciata di Encelado, la stella appena nata nella nebulosa Zampa di Gatto e le nuove scoperte sperimentali su Titano


    Publish In: News Astronomia
  • L'intervista a Mario Pincherle sullo Zed della Grande Piramide


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Il mistero delle chiatte marine tenute nascoste da Google

DUE ENORMI isole d'acciaio spuntate la settimana scorsa nelle acque statunitensi: una nella baia di San Francisco e l'altra vicino a Portland, lungo la costa del Maine. Si infittisce il mistero intorno alle piattaforme galleggianti di Google, e che siano di Mountain View è una conferma che arriva dopo giorni di dubbi anche su questo. Non si sa di preciso cosa nascondano le due fortezze marine, ma Google ha fatto addirittura firmare un accordo di non divulgazione ad alcuni funzionari del governo degli Usa.

Come riferisce il portavoce della Guardia costiera americana, Barry Bena, almeno un impiegato del suo corpo ha firmato il patto di segretezza con Big G. Lo stesso ha ammesso di aver fatto un ispettore californiano, che hanno voluto restare anonimo.

Intanto il "no comment" di Google dà adito alle più svariate congetture sulla funzione delle due piattaforme, sopra le quali ogni giorno appaiono nuove antenne e nuovi container. Saranno dei negozi galleggianti? Server mobili pronti al trasferimento? Centri di elaborazione dati in caso di catastrofi? L'unica certezza è che Google, nel 2009, aveva brevettato un progetto di 'data center' sull'acqua e le nuove strutture in costruzione assomigliano ai disegni di allora. Ma potrebbero anche essere enormi "backup" per ripristinare i servizi nel caso del terremoto "Big One". O anche delle esclusive vetrine per i Google Glass, quando verranno lanciati.

La tattica della segretezza è ormai uno standard nella Silicon Valley, dove anche la Apple costruisce fortezze lontane dalla civiltà per tenere nascoste le ultime scoperte in fatto di tecnologia. Ma la concitazione intorno alle isole di Google sembra sproporzionata: recinzioni di ferro, guardie di sicurezza, edifici di controllo, e ora anche il patto di non-divulgazione.

Le due isole sono state registrate da una compagnia chiamata By and large Llc, anch'essa irraggiungibile per chiarimenti, che sarebbe collegata a Tim Brandon, a sua volta collegato a Google. Il direttore esecutivo della Commissione per la conservazione e lo sviluppo della baia di San Francisco ha affermato di aver incontrato spesso i rappresentanti di Google per discutere delle piattaforme, ma la compagnia ha rivelato solo che serviranno per "scopi tecnologici in generale", senza nemmeno comunicare se intende spostare le isole o lasciarle dove si trovano ora.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit