Text Size
Domenica, Maggio 27, 2018
Scienza e Futuro Il mistero delle chiatte marine tenute nascoste da Google

Usare il suono per far lievitare gli oggetti. La nuova frontiera degli ologrammi acustici

UN GRUPPO di ricercatori del Max Planck Institute è riuscito a muovere oggetti a distanza con particolari onde sonore. Spostare oggetti senza toccarli è un traguardo per il quale da tempo lavorano...

Gli ultimi avvistamenti Ufo analizzati dal programma inglese "this morning"

Eliminato dalla ripetizione normale iPlayer. Questo video contiene diversi filmati UFO e la testimone Bridgette Barclay ed un acceso dibattito tra Gary Heseltine e d il Professor Chris French di Cop...

Il misterioso oggetto avvistato nei pressi di Giove

Di recente uno strano oggetto è stato avvistato nei pressi di Giove. Il misterioso oggetto fotografato è di proporzioni enormi ed ha una strana struttura a forma di 8, inoltre, osservando le foto, s...

L'ultima immagine della montagna sprofondata inviata da New Horizons, il pianeta simile a Tatooine di star wars e la nuova mappa della materia oscura

Ogni giorno una nuova emozione con New Horizons e sarà così ancora per molti mesi. La sonda della NASA (lanciata nove anni fa alla volta di Plutone) invia dati e immagini uniche che ci fanno conos...

Parte ufficialmente la caccia agli "Ufo" in Brasile

Parte ufficialmente la caccia agli "Ufo" in Brasile. A fronte dei continui avvistamenti che continuano ad avvenire in diverse parti del globo alcuni governi vogliono saperne di più infatti, il go...

Fuente Magna. Prove della presenza dei sumeri nell'America del sud

Uno dei reperti archeologici più controversi dell’intera America è la Fuente Magna, detta anche Vaso Fuente, un grande vaso di pietra, simile ad un recipiente per effettuare libagioni, battesimi ...

  • Usare il suono per far lievitare gli oggetti. La nuova frontiera degli ologrammi acustici


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Gli ultimi avvistamenti Ufo analizzati dal programma inglese "this morning"


    Publish In: Le Prove
  • Il misterioso oggetto avvistato nei pressi di Giove


    Publish In: Le Prove
  • L'ultima immagine della montagna sprofondata inviata da New Horizons, il pianeta simile a Tatooine di star wars e la nuova mappa della materia oscura


    Publish In: News Astronomia
  • Parte ufficialmente la caccia agli "Ufo" in Brasile


    Publish In: Le Prove
  • Fuente Magna. Prove della presenza dei sumeri nell'America del sud


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Il mistero delle chiatte marine tenute nascoste da Google

DUE ENORMI isole d'acciaio spuntate la settimana scorsa nelle acque statunitensi: una nella baia di San Francisco e l'altra vicino a Portland, lungo la costa del Maine. Si infittisce il mistero intorno alle piattaforme galleggianti di Google, e che siano di Mountain View è una conferma che arriva dopo giorni di dubbi anche su questo. Non si sa di preciso cosa nascondano le due fortezze marine, ma Google ha fatto addirittura firmare un accordo di non divulgazione ad alcuni funzionari del governo degli Usa.

Come riferisce il portavoce della Guardia costiera americana, Barry Bena, almeno un impiegato del suo corpo ha firmato il patto di segretezza con Big G. Lo stesso ha ammesso di aver fatto un ispettore californiano, che hanno voluto restare anonimo.

Intanto il "no comment" di Google dà adito alle più svariate congetture sulla funzione delle due piattaforme, sopra le quali ogni giorno appaiono nuove antenne e nuovi container. Saranno dei negozi galleggianti? Server mobili pronti al trasferimento? Centri di elaborazione dati in caso di catastrofi? L'unica certezza è che Google, nel 2009, aveva brevettato un progetto di 'data center' sull'acqua e le nuove strutture in costruzione assomigliano ai disegni di allora. Ma potrebbero anche essere enormi "backup" per ripristinare i servizi nel caso del terremoto "Big One". O anche delle esclusive vetrine per i Google Glass, quando verranno lanciati.

La tattica della segretezza è ormai uno standard nella Silicon Valley, dove anche la Apple costruisce fortezze lontane dalla civiltà per tenere nascoste le ultime scoperte in fatto di tecnologia. Ma la concitazione intorno alle isole di Google sembra sproporzionata: recinzioni di ferro, guardie di sicurezza, edifici di controllo, e ora anche il patto di non-divulgazione.

Le due isole sono state registrate da una compagnia chiamata By and large Llc, anch'essa irraggiungibile per chiarimenti, che sarebbe collegata a Tim Brandon, a sua volta collegato a Google. Il direttore esecutivo della Commissione per la conservazione e lo sviluppo della baia di San Francisco ha affermato di aver incontrato spesso i rappresentanti di Google per discutere delle piattaforme, ma la compagnia ha rivelato solo che serviranno per "scopi tecnologici in generale", senza nemmeno comunicare se intende spostare le isole o lasciarle dove si trovano ora.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit