Text Size
Lunedì, Febbraio 19, 2018
Scienza e Futuro L'atlante anatomico del cervello in 3D

Dashi-Dorgio Itighilov. Il mistero del Lama non morto

I non-morti appartengono alla tradizione della letteratura e del cinema horror, e soprattutto al regno della fantasia: ma non è il caso del Lama buddista russo Dashi-Dorgio Itighilov, sepolto nel...

I fantasmi della metropolitana di Londra

La metropolitana di Londra (inglese: London Underground) è la più antica rete metropolitananewyorkese, la seconda al mondo per estensione, è dotata di 368 km di rete, anche se sono in corso dei lavori...

Il crash Ufo avvenuto e ripreso a Manitoba in Canada

Misteriose luci sono stati avvistate su Jackhead Booking Manitoba, in Canada la settimana scorsa. Ricercatori UFO sospettano che ci sia stato un incidente UFO in Lake Winnipeg in quanto delle forze ...

Il futuro oscuro del nostro Universo

Se il modello standard della fisica delle particelle è corretto, e se la massa del Bosone di Higgs è quella misurata grazie agli esperimenti del Large Hadron Collider (LHC) del CERN di Ginevra, allo...

Il meteorite caduto sulla Luna, il record dei rover su Marte e la nebulosa M57 ricreata in 3D

Un lampo di luce sulla Luna, così luminoso da essere visibile anche da terra a occhio nudo. E’ comparso lo scorso 17 marzo, ma è stato scoperto solo il mese dopo guardando un video. Esiste infatti...

L'origine del misterioso suono che minaccia l'esistenza degli Inuit in Canada

Quello che sembrava una leggenda dei mari, ora è diventato oggetto di una ricerca da parte dei militari canadesi. Nei dintorni di Nunavut (Canada), da alcuni mesi si racconta di un suono misterio...

  • Dashi-Dorgio Itighilov. Il mistero del Lama non morto


    Publish In: Uomini e Misteri
  • I fantasmi della metropolitana di Londra


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il crash Ufo avvenuto e ripreso a Manitoba in Canada


    Publish In: Le Prove
  • Il futuro oscuro del nostro Universo


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il meteorite caduto sulla Luna, il record dei rover su Marte e la nebulosa M57 ricreata in 3D


    Publish In: News Astronomia
  • L'origine del misterioso suono che minaccia l'esistenza degli Inuit in Canada


    Publish In: Uomini e Misteri

L'atlante anatomico del cervello in 3D

Un atlante digitale del cervello, in 3D e ad altissima risoluzione, è stato messo a punto da ricercatori del Forschungszentrum Jülich, in Germania, e della McGill University a Montreal, che lo presentano in un articolo pubblicato su “Science”.

La nuova ricostruzione digitale, chiamata BigBRAIN, mette per la prima volta a disposizione della comunità scientifica l'anatomia microscopica del cervello con una risoluzione spaziale di appena 20 micron, a fronte della risoluzione standard di un millimetro offerta dalle immagini standard ottenute con risonanza magnetica, superando di un fattore 50 in ciascuna delle tre dimensioni i più dettagliati atlanti attualmente disponibili.

BigBRAIN, il cervello come non l'avete mai visto

Come sono ottenute le sezioni istologiche: dal cervello, immerso in un blocco di paraffina, vengono asportate con un microtomo sezioni sottilissime.

Grazie alla mappatura tridimensionale della citoarchitettonica del cervello umano, BigBRAIN permetterà di ridefinire con grande dettaglio i circuiti cellulari cerebrali e i singoli livelli e sottolivelli della corteccia: "I famosi atlanti sulla citoarchitettura dei primi anni del XX secolo sono disegni semplificati di un cervello, basati su un'analisi puramente visiva dei modelli di organizzazione cellulare", spiega Katrin Amunts, prima firmataria dell'articolo.

Per realizzare il montaggio in 3D dei dati cn modo da garantire la corretta corrispondenza fra gli elementi delle strutture disperse sulle diverse sezioni istologiche è stato necesario ricorrere alla potenza di calcolo del cluster di computer JUROPA (Jülich Research on Petaflop Architecture) del centro di supercalcolo di Jülich.

BigBRAIN, il cervello come non l'avete mai visto

Un momento della fase di colorazione dei preparati anatomici.

Questo atlante è il primo essenziale passo di un percorso che prevede da un lato la replica del lavoro appena compiuto su altri cervelli umani, per un necessario confronto, e dall'altro un ulteriore affinamento delle tecniche utilizzate per arrivare alla risoluzione di un solo micron, in grado di mettere in evidenza singoli dettagli della morfologia cellulare. In questo modo sarà possibile gettare un ponte fra le ricerche di tipo neuroanatomico e quelle biomolecolari che allo stato attuale faticano ancora a “parlare” fra di loro.

"Abbiamo in programma di integrare i dati sui recettori del cervello umano nel sistema di riferimento fornito dal BigBRAIN", ha infatti dichiarato Karl Zilles, uno dei coordinatori dello studio. “Ma anche le le mappe ad alta risoluzione dei dati quantitativi sulla distribuzione regionale e laminare dei diversi complessi recettoriali. Questo ci permetterà di esplorare il rapporto tra microanatomia corticale e molecole chiave della neurotrasmissione."


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit