Text Size
Mercoledì, Novembre 22, 2017
Scienza e Futuro L'atlante anatomico del cervello in 3D

Un ufo enorme, nascosto da una formazione nuvolosa, è apparso in New Messico

Potrebbe essere una scena di guerra dei mondi di Orson Welles '.I residenti di Las Vegas, e il Messico hanno abbandonato le loro case per un incredibile nuvola a forma di UFO apparsa all'orizzonte.A...

Il ghiaccio della Luna,il passato di Marte e la sonda Spirit

Sulla Luna c’è ghiaccio d’acqua in quantità ragguardevoli. E’ la conclusione delle analisi dei dati ottenuti dalla sonda Lunar Crater Observation: poche settimane fa, preceduta da un componente del ...

Il caso dell'avvistamento di Kenneth Arnold e la nascita dell'ufologia

Kenneth A. Arnold fu un pilota privato famoso in quanto è considerato come il primo uomo che ha riportato pubblicamente un avvistamento di UFO ampiamente documentato effettuato negli USA. Il 24 giugn...

La battaglia Ufo di Basilea del 1566

Il 7 agosto 1566 dischi e sfere volanti comparvero in gran numero nel cielo di Basilea e furono osservati in tutto il cantone Svizzero. Un'incisione dell'epoca, conservata alla Biblioteca centrale...

La stella gemella ma più vecchia del Sole, i resti del meteorite che colpì la Russia e la strana gravità di Titano

E’ una stella simile al Sole, quasi una gemella, ma è molto più vecchia. Si trova a circa 250 anni luce di distanza ed è stata individuata grazie al Very Large Telescope in Cile. La stella si sta ...

Il mistero dei 31 messaggi extraterrestri pubblicati dall'NSA

Sì, avete letto bene. Sembrerebbe ufficiale: Gli alieni esistono! L' NSA (National Security Agency) ha rilasciato un file che non lascia dubbi e che rilancia l'ufficilità di altre civiltà aliene nel...

  • Un ufo enorme, nascosto da una formazione nuvolosa, è apparso in New Messico


    Publish In: Le Prove
  • Il ghiaccio della Luna,il passato di Marte e la sonda Spirit


    Publish In: News Astronomia
  • Il caso dell'avvistamento di Kenneth Arnold e la nascita dell'ufologia


    Publish In: La Nostra Storia
  • La battaglia Ufo di Basilea del 1566


    Publish In: Le Prove
  • La stella gemella ma più vecchia del Sole, i resti del meteorite che colpì la Russia e la strana gravità di Titano


    Publish In: News Astronomia
  • Il mistero dei 31 messaggi extraterrestri pubblicati dall'NSA


    Publish In: Le Prove

L'atlante anatomico del cervello in 3D

Un atlante digitale del cervello, in 3D e ad altissima risoluzione, è stato messo a punto da ricercatori del Forschungszentrum Jülich, in Germania, e della McGill University a Montreal, che lo presentano in un articolo pubblicato su “Science”.

La nuova ricostruzione digitale, chiamata BigBRAIN, mette per la prima volta a disposizione della comunità scientifica l'anatomia microscopica del cervello con una risoluzione spaziale di appena 20 micron, a fronte della risoluzione standard di un millimetro offerta dalle immagini standard ottenute con risonanza magnetica, superando di un fattore 50 in ciascuna delle tre dimensioni i più dettagliati atlanti attualmente disponibili.

BigBRAIN, il cervello come non l'avete mai visto

Come sono ottenute le sezioni istologiche: dal cervello, immerso in un blocco di paraffina, vengono asportate con un microtomo sezioni sottilissime.

Grazie alla mappatura tridimensionale della citoarchitettonica del cervello umano, BigBRAIN permetterà di ridefinire con grande dettaglio i circuiti cellulari cerebrali e i singoli livelli e sottolivelli della corteccia: "I famosi atlanti sulla citoarchitettura dei primi anni del XX secolo sono disegni semplificati di un cervello, basati su un'analisi puramente visiva dei modelli di organizzazione cellulare", spiega Katrin Amunts, prima firmataria dell'articolo.

Per realizzare il montaggio in 3D dei dati cn modo da garantire la corretta corrispondenza fra gli elementi delle strutture disperse sulle diverse sezioni istologiche è stato necesario ricorrere alla potenza di calcolo del cluster di computer JUROPA (Jülich Research on Petaflop Architecture) del centro di supercalcolo di Jülich.

BigBRAIN, il cervello come non l'avete mai visto

Un momento della fase di colorazione dei preparati anatomici.

Questo atlante è il primo essenziale passo di un percorso che prevede da un lato la replica del lavoro appena compiuto su altri cervelli umani, per un necessario confronto, e dall'altro un ulteriore affinamento delle tecniche utilizzate per arrivare alla risoluzione di un solo micron, in grado di mettere in evidenza singoli dettagli della morfologia cellulare. In questo modo sarà possibile gettare un ponte fra le ricerche di tipo neuroanatomico e quelle biomolecolari che allo stato attuale faticano ancora a “parlare” fra di loro.

"Abbiamo in programma di integrare i dati sui recettori del cervello umano nel sistema di riferimento fornito dal BigBRAIN", ha infatti dichiarato Karl Zilles, uno dei coordinatori dello studio. “Ma anche le le mappe ad alta risoluzione dei dati quantitativi sulla distribuzione regionale e laminare dei diversi complessi recettoriali. Questo ci permetterà di esplorare il rapporto tra microanatomia corticale e molecole chiave della neurotrasmissione."


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit