Text Size
Giovedì, Giugno 21, 2018
Scienza e Futuro Il Display multiview 3D autostereoscopico: un altro passo in avanti verso gli schermi 3D senza lenti

Popinga: il profeta della quarta dimensione

Vero figlio della sua epoca, nella quale le geometrie non euclidee e le dimensioni plurime dello spazio alimentavano gli entusiasmi di matematici e fisici e le speculazioni di spiritisti e teosofi,...

X-37B, il drone spaziale segreto americano

È atterrata lo scorso 16 giugno nella base di Vandenberg, a nord ovest di Santa Barbara, (California) la navetta spaziale americana X-37B, in orbita da marzo del 2011 per una missione segreta. Part...

La nebulosa a riflessione Toby Jug, la strana risonanza di Mercurio e la pioggia di diamanti su Saturno e Giove

Il Very Large Telescope (VLT) dell’ESO ha ripreso un’immagine notevolmente dettagliata della Nebulosa della caraffa (chiamata Toby Jug in inglese), una nube di gas e polvere che circonda una stella...

Il mantello dell'invisibilità spaziale, quando la fantascienza diventa realtà

Uno sviluppo interessante nel campo dell'ottica è la proposta, e la successiva messa a punto, di un mantello dell'invisibilità spaziale, ossia di una struttura che può rendere invisibile qualsiasi o...

Il teologo che già nel medioevo ipotizzava gli Universi paralleli

Chi l’avrebbe detto che in pieno Medioevo, periodo storico non certo aperto alla scienza, sarebbero stati gettati, seppur involontariamente, i semi di una delle teorie oggi più avanzata e dibattut...

Le antiche e misteriose grotte di Mustang costruite a diversi metri da terra da antichi popoli in Nepal

Nascoste tra le cime dell’Himalaya, esiste un luogo con circa 10 mila grotte artificiali scavate nella roccia viva a circa 60 metri d’altezza, in una gola così grande da superare di gran lunga il ...

  • Popinga: il profeta della quarta dimensione


    Publish In: Uomini e Misteri
  • X-37B, il drone spaziale segreto americano


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • La nebulosa a riflessione Toby Jug, la strana risonanza di Mercurio e la pioggia di diamanti su Saturno e Giove


    Publish In: News Astronomia
  • Il mantello dell'invisibilità spaziale, quando la fantascienza diventa realtà


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il teologo che già nel medioevo ipotizzava gli Universi paralleli


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Le antiche e misteriose grotte di Mustang costruite a diversi metri da terra da antichi popoli in Nepal


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Il Display multiview 3D autostereoscopico: un altro passo in avanti verso gli schermi 3D senza lenti

Non servono gli occhiali per vedere le immagini tridimensionali prodotte da un nuovo schermo descritto sulle pagine di “Nature” in un articolo firmato da David Fattal, dei Laboratori Hewlett-Packard di Palo Alto, in California. Lo schermo, che sarebbe particolarmente indicato per i dispositivi mobili, sfrutta la capacità dell'ottica diffrattiva di produrre immagini tridimensionali, sia statiche sia in movimento, che possono essere viste da diversi angoli, anche quando lo schermo viene inclinato.

Tutte le tecnologie per creare immagini 3D sviluppate finora devono fare i conti con il fatto che la visione umana è stereoscopica, o più propriamente stereotassica: i due occhi inviano al cervello una stessa scena nel campo visivo osservata da due angolazioni leggermente differenti, poi nel cervello avviene la combinazione delle due stimolazioni che permette una percezione tridimensionale della realtà.

Immagini in 3D da guardare senza occhiali

Logo HP come viene visualizzato dal nuovo display (Cortesia Kar Han Tan)

Quando guardiamo l'immagine proiettata da uno schermo le cose cambiano, perché l'immagine è piatta. Per ritrovare una parvenza di tridimensionalità, le tecnologie per immagini tridimensionali devono proiettare all'occhio destro e all'occhio sinistro due immagini leggermente diverse tra loro, o perché sono polarizzate in modo differente, o perché sono passate attraverso filtri di colori diversi (rosso e verde, tipicamente). Per tutte queste soluzioni è necessario che lo spettatore indossi occhiali speciali, come avviene oggi nei cinema che proiettano film in 3D.

Gli occhiali però sono scomodi in gran parte delle applicazioni, soprattutto se si tratta di dispositivi mobili come smartphone e tablet, che rappresentano attualmente il grosso del mercato dell'elettronica di consumo. Se si vuole farne a meno e sfruttare una tecnologia "autostereoscopica", la funzione degli occhiali deve essere integrata nello stesso schermo, i cui pixel devono avere un controllo direzionale sulla luce emessa, diversamente da quelli degli schermi per immagini bidimensionali, che inviano la luce in ogni direzione. Questa soluzione è già stata adottata nelle tecniche olografiche, che però sono adatte solo a immagini statiche.

Per quelle in movimento sono già in commercio dispositivi in cui l'immagine dello schermo è filtrata da un secondo schermo trasparente costituito da schiere di minuscole lenti che indirizzano la luce in diverse direzioni. Questo tipo di tecnologia però provoca una perdita di qualità e risoluzione delle immagini.

Immagini in 3D da guardare senza occhiali

Microfotografia della superficie del display che mostra i pixel strettamente impacchettati (Albert Jeans)

Fattal e colleghi hanno realizzato un dispositivo, chiamato "Display multiview 3D autostereoscopico", che sembra risolvere molti di questi inconvenienti, perché ottiene l'emissione direzionale della luce senza perdere di risoluzione. Il dispositivo è costituito da un insieme di diodi a emissione di luce, da una sottile guida d'onda e da un reticolo di diffrazione (uno schema di incisioni su uno schermo trasparente in grado di separare le diverse componenti colorate della radiazione luminosa). Il prototipo può inviare la luce in 14 direzioni diverse, ma la struttura può essere ampliata fino ad arrivare a 64 direzioni, con altrettante zone di osservazione. Questo incremento porterebbe a una riduzione della distanza tra due zone al di sotto della distanza media tra i due occhi, rendendo graduale la variazione delle immagini osservate mentre si cambia posizione, un po' come avviene con le immagini olografiche.

La tecnica deve essere ancora sviluppata pienamente. Tuttavia i ricercatori sperano in futuro di poter combinare l'ampio angolo di osservazione della tecnologia multiview con le prestazioni degli attuali schermi ad alta risoluzione e con i bassi costi di produzione dell'elettronica di consumo, in modo da arrivare a una visione 3D adatta ai dispositivi mobili, oltre che all'imaging medicale e all'industria del divertimento.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit