Text Size
Sabato, Maggio 30, 2020
Scienza e Futuro Il micromotore alimentato dal vapore acqueo

La galassia più luminosa dell'Universo, la stella più strana finora osservata e la correlazione tra i raggi gamma e la materia oscura

Grazie ad una serie di osservazioni condotte con il satellite della NASA WISE (Wide-field Infrared Survey Explorer) gli astronomi hanno scoperto una galassia davvero distante la cui luminosità è pari ...

Gas intergalattico, le nuove fotocamere spaziali e l'ultimo saluto allo Shuttle

Materia oscura ed energia oscura: insieme costituiscono il 95% dell’Universo.Solo il rimanente 5% è dato da protoni, neutroni ed elettroni, la cosiddetta materia ordinaria di cui sono fatti stelle ...

Nel vicino futuro verremo salvati dagli scarafaggi

North Carolina, (TMNews) – “Oddio che schifo, schiaccia quella bestiaccia!” E’ questa la reazione più comune quando si vede uno scarafaggio. In realtà prima di uccidere questi insetti bisognerebbe...

Aumentare gli astronauti sulla ISS, novità sul pianeta Kepler 19-b ed i brillamenti solari più intensi

Ora che gli shuttle sono andati in pensione che ne sarà degli astronauti della NASA? Aumenteranno. La risposta può sembrare contraddittoria e alla NASA non tutti sono d'accordo. Eppure secondo un r...

La misteriosa origine dei monoliti di Asuka in Giappone

Asuka affonda le sue origini nel periodo della storia giapponese definito Jidai Kofun (250-552 d.C.), caratterizzato dalla realizzazione di numerosi tumuli funerari. La zona è conosciuta anche...

L'incredibile Ufo fotografato da Google e visibile su Google Maps a Jacksonville in Texas

Una cosa strana appare quando si cerca Jacksonville in Texas con Google Maps. Se si seleziona street view e guardate ntorno a voi vedrete un oggetto insolito galleggiante con una forma familiare. ...

  • La galassia più luminosa dell'Universo, la stella più strana finora osservata e la correlazione tra i raggi gamma e la materia oscura


    Publish In: News Astronomia
  • Gas intergalattico, le nuove fotocamere spaziali e l'ultimo saluto allo Shuttle


    Publish In: News Astronomia
  • Nel vicino futuro verremo salvati dagli scarafaggi


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Aumentare gli astronauti sulla ISS, novità sul pianeta Kepler 19-b ed i brillamenti solari più intensi


    Publish In: News Astronomia
  • La misteriosa origine dei monoliti di Asuka in Giappone


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • L'incredibile Ufo fotografato da Google e visibile su Google Maps a Jacksonville in Texas


    Publish In: Le Prove

Il micromotore alimentato dal vapore acqueo

Un micromotore alimentato dal vapore acqueo

Un film polimerico in grado di muoversi, accartocciandosi e distendendosi ripetutamente, e di generare elettricità sfruttando il vapore acqueo presente nell'ambiente è stato realizzato da un gruppo di ricercatori del Massachusetts Institute of Technology, diretti da Mingming Ma, che ne riferisce in un articolo pubblicato su “Science”.

Nel creare il nuovo materiale, Ma e colleghi si sono ispirati alla struttura a rete del derma animale, in cui le rigide fibre di collagene rinforzano una rete elastica di microfibrille composte dalla proteina elastina per formare un materiale robusto e flessibile. Il film che hanno progettato, e che ha uno spessore di soli 20 micrometri, è costituito da una rete intrecciata di due polimeri dalle caratteristiche differenti. Uno dei polimeri, il polipirrolo (PPy), forma una matrice rigida ma flessibile che serve da supporto strutturale, mentre l'altro polimero, il poliolo-borato, è un gel che si gonfia quando assorbe acqua. In presenza di un gradiente di umidità nell'ambiente, ovvero di variazioni di concentrazione di molecole d'acqua, la combinazione delle differenti caratteristiche dei due polimeri trasforma il nuovo materiale in un attuatore efficace, ovvero in un dispositivo che trasforma una forma di energia in un'altra.

Se la pellicola viene collocata su di un piano umido, il polipirrolo assorbe l'umidità, deformando tutta la struttura. In questo modo però la superficie della pellicola si allontana dal piano umido e inizia a cedere l'umidità accumulata all'ambiente, tornando a distendersi e avvicinandosi nuovamente al piano umido. A questo punto, la pellicola comincerà nuovamente a deformarsi e grazie a questo fenomeno ciclico, se lasciata libera, inizierà a spostarsi sul piano. Queste contrazioni e distensioni alternate possono anche essere sfruttate per trasformare la pellicola nell'attuatore di un'apparecchiatura, così da muovere per esempio l'arto meccanico di un minirobot.

Come attuatore il nuovo materiale dimostra di avere una grande efficienza: un frammento di pellicola del peso di 25 milligrammi può sollevare un carico pari a 380 volte il suo peso, o può essere usato come “nastro” trasportatore, spostando un carico pari a dieci volte il suo peso.

In alternativa, l'energia meccanica generata dal materiale può anche essere convertita in energia elettrica mediante accoppiamento del film polimerico con un materiale piezoelettrico, che converte stress meccanici in una carica elettrica. Questo sistema può generare una potenza media di 5,6 nanowatt, che possono essere usati in dispositivi microelettronici, per esempio sensori di temperatura e umidità. A una scala ancora più piccola, il film potrebbe alimentare sistemi microelettromeccanici, o MEM, per la nanoelettronica.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit