Text Size
Venerdì, Dicembre 06, 2019
Scienza e Futuro La luce laser che curva. Le nuove scoperte della scienza

L'acqua dei pianeti solitari vaganti, l'alternativa alla materia oscura e il nuovo telescopio JAMES WEBB

Pianeti solitari che vagano nella nostra galassia. Non sappiamo se esistono ma in teoria nulla vieta che un pianeta venga strappato dal suo sistema solare, ad esempio perché spinto via dalle pertur...

Le misteriose strutture biologiche scoperte in Perù di cui anche la scienza ignora l'origine

Una serie di bizzarre, quanto enigmatiche, strutture biologiche è stata scoperta nella foresta amazzonica del Perù, formazioni molto simili a piccole guglie circondate da staccionate. La prima...

L'allarme degli scienziati: si avvicina l'era dei topi XL

UN inquietante segnale era arrivato poche settimane fa dalla Gran Bretagna. Grossi ratti che, soprattutto nelle regioni meridionali del Paese come Berkshire e Oxfordshire, sembrano immuni a ogni ...

L'ultimo atto di una stella dilaniata da un buco nero, una nuova classe di stelle iperveloci ed i nuovi progetti ambiziosi della NASA

Una sorgente di raggi X si accende misteriosamente nel cielo e dopo qualche anno, altrettanto misteriosamente, scompare. Il luogo è una galassia nana distante circa 800 milioni di anni luce da noi...

Ecco come secondo la scienza potrebbe finire il mondo

Tempeste solari, asteroidi o supervulcano: quale tipo di cataclisma è più probabile che spinga gli esseri umani sull’orlo dell’estinzione? Ecco un excursus con alcune delle più diffuse teorie sul...

La nascita del campo magnetico terrestre, la lente gravitazionale scoperta da una ricercatrice italiana e il più grande ammasso globulare presente nella nostra galassia

Se la vita sul nostro pianeta, almeno come la conosciamo, si è potuta avviare ed evolvere fino ad arrivare allo stato attuale, una buona fetta del merito va sicuramente al campo magnetico terrestr...

  • L'acqua dei pianeti solitari vaganti, l'alternativa alla materia oscura e il nuovo telescopio JAMES WEBB


    Publish In: News Astronomia
  • Le misteriose strutture biologiche scoperte in Perù di cui anche la scienza ignora l'origine


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'allarme degli scienziati: si avvicina l'era dei topi XL


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'ultimo atto di una stella dilaniata da un buco nero, una nuova classe di stelle iperveloci ed i nuovi progetti ambiziosi della NASA


    Publish In: News Astronomia
  • Ecco come secondo la scienza potrebbe finire il mondo


    Publish In: Profezie passate e future
  • La nascita del campo magnetico terrestre, la lente gravitazionale scoperta da una ricercatrice italiana e il più grande ammasso globulare presente nella nostra galassia


    Publish In: News Astronomia

La luce laser che curva. Le nuove scoperte della scienza

Sentendo parlare di raggi di luce che curvano, alcuni penseranno all'effetto di deviazione della luce proveniente dagli angoli più remoti del cosmo e prodotta dalla presenza di grandi masse galattiche, prevista dalla teoria della relatività generale e puntualmente verificata dalle osservazioni astronomiche. Ma questo non è l'unico caso in cui la radiazione elettromagnetica si allontana dal familiare comportamento della propagazione in linea retta: negli ultimi anni, alcuni gruppi di ricerca sono riusciti a produrre in laboratorio luce che segue un cammino curvo.

Gli ultimi risultati in ordine di tempo sono quelli ora pubblicati sulle “Physical Review Letters” in due articoli indipendenti, a firma di un gruppo di ricerca dell’Università della California a Berkeley guidato da Xiang Zhang, e di uno della University of Central Florida guidato da Demetrios Christodoulides.

Utilizzando fasci laser molto simili ma differenti nella lunghezza d'onda (pari, rispettivamente, a 532 e 633 nanometri) i due team hanno ottenuto cammini che deviano dalla loro direzione iniziale di circa 60 gradi,  percorrendo non un cammino circolare, come realizzato in passato, ma cammini più complessi: ellittici o addirittura parabolici.

Le ricerche sui raggi di luce che curvano, in effetti, hanno già dato risultati di un certo rilievo, e risalgono a oltre vent'anni fa. Nel 1979, fu pubblicato un lavoro teorico in cui Michael Berry e Nandor Balazs trovarono un risultato singolare: l’equazione di Schrödinger, a cui devono sottostare le funzioni d'onda in meccanica quantistica, ammette soluzioni in forma di pacchetti d’onda – chiamati pacchetti di Airy – che, pur in assenza di una forza esterna, possono accelerare.

Il risultato rimase sulla carta per anni, fino a uno studio del 2007 in cui proprio Christodoulides dimostrò l’esistenza di un analogo ottico dei pacchetti d’onda di Airy: fasci di luce che non subivano diffrazione anche su lunghe distanze e che erano in grado di curvare, o meglio di accelerare lateralmente. Il successo della ricerca ebbe una vasta eco nella comunità scientifica e già si immaginavano possibili sviluppi nella “micromanipolazione ottica” per deviare a piacimento le onde elettomagnetiche d'importanza terapeutica, che avrebbero potuto trovare applicazione per esempio nel trattamento dei tumori.

Un laser su traiettorie ellittiche e paraboliche

Propagazione parabolica di fasci di Weber (in alto) e fasci di Airy (in basso). A sinistra, le traiettorie previste per via teorica e a destra le dimostrazioni sperimentali

Questo primo risultato fu però ottenuto dalle equazioni che descrivono la propagazione della radiazione elettromagnetica, con una tipica semplificazione, ricavata postulando che le onde siano parassiali, ovvero che le diverse componenti del pacchetto d'onda abbiano vettori d’onda che formano un angolo trascurabile con la direzione di propagazione. Nell’aprile di quest’anno è stato compiuto un ulteriore passo in avanti con la dimostrazione dell’esistenza di una soluzione esatta non parassiale, che implica la possibilità di onde luminose in grado di curvare, seppur costrette su una traiettoria circolare.

Nel primo dei due articoli pubblicati adesso, Zhang e colleghi dimostrano, sia sperimentalmente sia per via teorica, che esistono soluzioni ancora più generali, denominate, rispettivamente, fasci accelerati di Mathieu (che seguono traiettorie ellittiche) e fasci accelerati di Weber (che si propagano su traiettorie paraboliche). Seguendo un impianto teorico totalmente diverso, il gruppo di Christodoulides, dal canto suo, dimostra che esistono fasci bidimensionali che seguono cammini ellittici e che non subiscono diffrazione. Esistono inoltre soluzioni tridimensionali che consentono una propagazione di fronti d’onda sferici che in opportuno condizioni possono curvare.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit