Text Size
Lunedì, Maggio 29, 2017
Scienza e Futuro Dimostrata ufficialmente dagli scienziati l'interfaccia cervello-macchina per azione complesse

Il mistero delle Green Fireballs, le sfere verdi che attirarono le attenzioni dei militari americani

Per Green fireballs (in italiano bolle infuocate verdi) si intende un tipo di oggetti misteriosi che furono avvistati in USA fra il 1948 e il 1951. Gli avvistamenti avvennero principalmente nel Nuov...

Dopo un avvistamento Ufo nasce un ibrido tra un maiale e un alieno in Guatemala

Ha la testa mezzo uomo-mezzo Et 13:01 - In un villaggio del Guatemala, a Santa Cruz El Chol, dopo l'avvistamento di un Ufo, è nato un maialino con una testa a metà tra il volto umano ...

Le enigmatiche tavolette ritrovate a Glozel

In Francia dal 1924 al 1930, nel villaggio di Glozel a sud est di Vichy, sono stati scoperti circa 3000 reperti preistorici, molti dei quali presentano delle misteriose iscrizioni. Si tratta di tav...

Lettera Politico Norvegese

Sono un politico norvegese..Vorrei parlare delle cose difficili che accadranno dal 2008 al 2012. Il governo norvegese sta costruendo basi sotterranee e bunker in numero sempre maggiore.Israele e molti...

L'enorme ufo avvistato da un astronomo nei pressi di Giove

Il filmato che vi mostriamo oggi, riguarda Giove, il più grande pianeta del nostro sistema solare e un UFO, che sembra muoversi, transitando vicino al gigante gassoso. A catturare le immagini, ...

La prima microcamera digitale che imita gli occhi degli insetti

Vedere il mondo con gli occhi di un insetto: lo consente una nuova microcamera digitale realizzata sul modello dell’occhio composto, l'apparato visivo degli artropodi, da un gruppo di ricercatori g...

  • Il mistero delle Green Fireballs, le sfere verdi che attirarono le attenzioni dei militari americani


    Publish In: Le Prove
  • Dopo un avvistamento Ufo nasce un ibrido tra un maiale e un alieno in Guatemala


    Publish In: Le Prove
  • Le enigmatiche tavolette ritrovate a Glozel


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Lettera Politico Norvegese


    Publish In: Preparativi 2012
  • L'enorme ufo avvistato da un astronomo nei pressi di Giove


    Publish In: Le Prove
  • La prima microcamera digitale che imita gli occhi degli insetti


    Publish In: Scienza e Futuro

Dimostrata ufficialmente dagli scienziati l'interfaccia cervello-macchina per azione complesse

La possibilità di creare interfacce cervello-macchina in grado di gestire movimenti complessi, che prevedono una successione articolata di singoli movimenti, è stata dimostrata da un gruppo di ricercatori del Massachusetts Institute of Technology, del Massachusetts General Hospital e della Harvard Medical School che ne riferiscono in un articolo a prima firma Maryam M. Shanechi pubblicato su “Nature Neuroscience”.



Nonostante i progressi compiuti nella creazione di interfacce cervello-macchina, in questo campo ci si è finora concentrati principalmente sulla ricostruzione di azioni semplici, che coinvolgono cioè un solo movimento mirato, per esempio lo spostamento di un cursore su uno schermo verso uno specifico obiettivo o il gesto di afferrare un oggetto. Queste interfacce sono in grado di decodificare la traiettoria continua di un movimento tridimensionale e la localizzazione dell'obiettivo attraverso tecniche di calcolo del feedback ottimale. Tuttavia, in un contesto naturale l'obiettivo è quasi sempre più complesso ed è necessario pianificare un'articolata sequenza di movimenti più semplici da eseguire in ordine e con una corretta tempistica.

Verso un'interfaccia mente-macchina per le azioni complesse

Una delle apparecchiature di interfaccia fra attività cerebrale e macchina attualmente in sperimentazione.

Di fatto, un comportamento sequenziale pianificato è un processo motorio fondamentale nel quale il cervello prevede tutti gli obiettivi di una serie di movimenti già prima del suo inizio. Così, quando si solleva una tazza per portarla alle labbra, normalmente la pianificazione motoria del gesto viene completata prima di mettere in esecuzione le sue singole componenti.

In questo studio Shanechi e colleghi hanno cercato di individuare il modo in cui i diversi sotto-obiettivi programmati di un movimento sequenziale sono coerentemente codificati coinvolgendo la memoria di lavoro in una popolazione di neuroni della corteccia premotoria, per determinare se l'attività registrata contemporaneamente in diversi singoli neuroni potesse essere usata per decodificare con precisione e in tempo reale l'intera pianificazione della sequenza di movimenti.

I ricercatori hanno addestrato due macachi rhesus a eseguire un compito in cui sul monitor di un computer venivano presentati due obiettivi in sequenza mentre veniva registrata l'attività di 281 neuroni rappresentativi delle popolazioni neuronali della corteccia premotoria dorsale e dell'area motoria supplementare. Attraverso lo sviluppo di una serie di modelli, i ricercatori sono riusciti così a identificare varie sottopopolazioni che rispondevano in modo caratteristico al movimento relativo al primo obiettivo e al secondo obiettivo e quindi a identificare lo schema di modifica dell'attività neuronale corrispondente alla prefigurazione dell'azione complessiva. 

Anche se il compito proposto aveva solo due componenti, ed era quindi molto semplice - scrivono gli autori – l'esperimento ha dimostrato che è possibile isolare e decodificare in tempo reale le informazioni relative a tutti gli elementi della sequenza di movimenti che sta per essere eseguita, aprendo quindi in prospettiva la possibilità di progettare interfacce cervello-macchina in grado di svolgere efficacemente compiti complessi.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit