Text Size
Lunedì, Agosto 26, 2019
Scienza e Futuro Il futuro dei giubbotti antiproiettile e dei satelliti è nelle Nanostrutture Resistenti

Il gigantesco Ufo avvistato vicino alla Stazione Spaziale Internazionale

Un enorme oggetto a forma di sigaro è stato documentato ieri 29 Aprile 2016 dallo Skywatcher StreetCap1, attraverso la diretta video (Ustream NASA) dalla Stazione Spaziale Internazionale. L’oggetto...

Swedenborg, lo scienziato veggente che descrisse l'aldilà

Se vi passasse per la mente la curiosità di sapere chi fosse e cosa abbia fatto nella vita un tale svedese di nome Emanuel Swedenborg vissuto a cavallo tra il 1600 e il 1700 vi consiglio di regala...

Il mistero della nave fantasma Mary Celeste

Nel pomeriggio del 5 dicembre 1872 la nave inglese “Dei Gratia” incrociava un brigantino a due alberi che seguiva una rotta erratica nel nord dell'oceano Atlantico, fra le isole Azzorre e la costa d...

I Grigi tipo 1

Grigio "Classico"Altezza: 1.20 circaProvenienza: Sistema Stellare Zeta ReticuliPelle : grigio chiaro, liscia come quella di un delfino. In alcuni casi può apparire grinzosa o più bitorzoluta.Muscolatu...

Il piccolo pianeta scoperto,l'incredibilie energia dei fulmini di Saturno e la galassia simile alla nostra che non dovrebbe esistere

Scoprire un nuovo pianeta mentre se ne sta studiando un altro: è quanto è successo ai ricercatori dell’Università della Florida Centrale. La loro attenzione era puntata su GJ 436b, un pianeta dell...

Ark,la futuristica struttura che ci potrà salvare dalle catastrofi naturali

E se davvero i deserti diventassero padroni del pianeta? E se lo scioglimento dei ghiacci polari ci sommergesse con metri e metri di acqua? Dove potremmo trasferirci per sopravv...

  • Il gigantesco Ufo avvistato vicino alla Stazione Spaziale Internazionale


    Publish In: Le Prove
  • Swedenborg, lo scienziato veggente che descrisse l'aldilà


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il mistero della nave fantasma Mary Celeste


    Publish In: Uomini e Misteri
  • I Grigi tipo 1


    Publish In: Razze Aliene
  • Il piccolo pianeta scoperto,l'incredibilie energia dei fulmini di Saturno e la galassia simile alla nostra che non dovrebbe esistere


    Publish In: News Astronomia
  • Ark,la futuristica struttura che ci potrà salvare dalle catastrofi naturali


    Publish In: Scienza e Futuro

Il futuro dei giubbotti antiproiettile e dei satelliti è nelle Nanostrutture Resistenti

Quanto può resistere un materiale nanostrutturato che viene colpito da un proiettile? Sicuramente molto più dei moderni pannelli di kevlar o di acciaio. Ma le prove di laboratorio convenzionali non sono adatte a caratterizzare questo tipo di materiali.

È per questo che Jae-Hwang Lee del Dipartimento di Scienza e ingegneria dei materiali del Massachusetts Institute of Technology a Cambridge, negli Stati Uniti, ha realizzato un test balistico microscopico, descritto in un articolo pubblicato su "Nature Communications".

Non è solo la sicurezza dei militari o delle forze dell'ordine a essere in gioco quando si parla di materiali antiproiettile. La resistenza a impatti con piccoli oggetti che viaggiano a velocità dell'ordine di 300 metri al secondo interessa un ampio spettro di applicazioni, dalla realizzazione di satelliti e sonde spaziali che devono resistere all'urto dei micrometeoriti fino alle pale dei motori dei velivoli, che devono reggere la collisione con detriti e spesso anche di uccelli.

Nanostrutture ultraresistenti contro proiettili e micrometeoriti 

Ned Thomas, rettore della George R. Brown School of Engineering presso la Rice University, mostra un disco di poliuretano con i proiettili bloccati e sigillati all'interno.


Un notevole passo in avanti nella realizzazione di materiali antiproiettile si è avuto con l'avvento dei materiali compositi, primo fra tutti il kevlar, in grado di offrire il notevole vantaggio della leggerezza rispetto a qualunque lega metallica. Il progresso ulteriore degli ultimi anni è invece legato ai materiali nanostrutturati, grazie alla possibilità di controllare quasi atomo per atomo le caratteristiche microscopiche dei materiali in studio.

La possibilità poi di testare ciò che è stato realizzato in laboratorio ha però forti limitazioni, dovute a un evidente problema di scala dimensionale: un proiettile vero produce un danno da impatto che supera di alcuni ordini di grandezza la reazione microscopica che si vuole verificare.

Lee e colleghi quindi hanno pensato di ricorrere in primo luogo a proiettili miniaturizzati, costituiti da sfere di silice con diametro dell'ordine del micron, che vengono proiettati a grande velocità da un laser di grande potenza contro un copolimero a blocchi realizzato accoppiando una sostanza vetrosa e una gommosa.

Grazie a una tecnica di cattura delle immagini di risoluzione eccezionale - fino a 10 nanometri - si è riusciti a visualizzare l'intero campo d'impatto e a definire nei dettagli i meccanismi di dissipazione dell'energia dell'impatto. Si è riusciti anche a ottenere un primo risultato quantitativo che già potrebbe essere utile nelle applicazioni: la resistenza all'urto può essere aumentata del 30 per cento con un'opportuna orientazione degli strati.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit