Text Size
Mercoledì, Luglio 26, 2017
Scienza e Futuro La prima medusa artificiale

Il velivolo degli antichi egizi del 200 a.c.

Nel 1898 uno strano oggetto alato fu rinvenuto nella tomba di Pa-di-lmen, a Saqqara, in Egitto, datata circa 200 a.C. La nascita dell'aviazione doveva ancora arrivare, quindi, l'oggetto fu semplice...

Linee di Nazca

Le Linee di Nazca sono dei geoglifi, linee tracciate sul terreno, del deserto di Nazca, un altopiano arido che si estende per una cinquantina di chilometri tra le città di Nazca e di Palpa, nel Perù...

James Webb. Il telescopio spaziale che ci permetterà di vedere quasi il momento del Big Bang

Il telescopio spaziale James Webb è stato sviluppato appositamente per migliorare notevolmente l'osservazione nello spettro infrarosso, con l'obiettivo principale di osservare le galassie responsa...

Trovata la prima stella supergigante ibrida, Due pianeti per una stella velocissima e l'immagine più profonda, dettagliata e colorata dell'Univers

Immaginate di dovere identificare che tipo di motore possiede un’automobile, senza sbirciare sotto il cofano, utilizzando solo delle analisi chimiche. Con ogni probabilità, dalla composizione dei ...

L'atlante anatomico del cervello in 3D

Un atlante digitale del cervello, in 3D e ad altissima risoluzione, è stato messo a punto da ricercatori del Forschungszentrum Jülich, in Germania, e della McGill University a Montreal, che lo prese...

Il paese che si salverà nel 2012? E' Bugarach

Se vi volete salvare quando il il mondo finirà nel 2012, esiste solo un paese in tutto il mondo in cui potrete sfuggire all'Apocalisse. Si tratta di Bugarach, un paesino del sud-ovest della Franc...

  • Il velivolo degli antichi egizi del 200 a.c.


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Linee di Nazca


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • James Webb. Il telescopio spaziale che ci permetterà di vedere quasi il momento del Big Bang


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • Trovata la prima stella supergigante ibrida, Due pianeti per una stella velocissima e l'immagine più profonda, dettagliata e colorata dell'Univers


    Publish In: News Astronomia
  • L'atlante anatomico del cervello in 3D


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il paese che si salverà nel 2012? E' Bugarach


    Publish In: Preparativi 2012

La prima medusa artificiale

Silicone e cellule muscolari: sono questi i due elementi fondamentali che costituiscono il medusoide, ovvero una medusa bioingegnerizzata, realizzata dai ricercatori del California Institute of Technology, che firmano in proposito un articolo sulla rivista “Nature Biotechnology”.

Presente sulla Terra da 500 milioni di anni, la medusa è probabilmente l’organismo multi-organo più antico tra quelli conosciuti. Per nuotare spingendo via l’acqua, la medusa sfrutta un muscolo la cui funzione è nei suoi principi basilari molto simile a quella del cuore umano. Questa caratteristica rende la medusa un buon sistema biologico da usare come modello nell’ingegnerizzazione dei tessuti.

E proprio dall’attenta osservazione del movimento della medusa è partito il gruppo di scienziati costituito da Kevin Kit Parker, professore di bioingegneria e fisica applicata della Harvard University, Janna Nawroth, dottorata del California Institute of Technology, e John Dabiri, professore di aeronautica e bioingegneria sempre del California Institute of Technology. Da anni i ricercatori cercano infatti di comprendere gli elementi essenziali che partecipano alla spinta, quali la disposizione dei muscoli, la contrazione del corpo e gli effetti fluidodinamici che rendono funzionale il movimento nell’acqua.

Il medusoide, alter ego bioingegnerizzato della medusa

Immagine del medusoide che nuota in acqua con salinità simile a quella del mare

Il primo passo per la realizzazione pratica di un organismo bioingegnerizzato ha riguardato il test di diversi materiali in grado di imitare il corpo elastico della medusa. Dopo ripetute prove la scelta è caduta sul silicone, materiale che costituisce una sottile membrana con otto tentacoli.

Sulla membrana è stato poi “disegnato”, con l’aiuto di proteine, uno schema simile a quello che si osserva nelle meduse e che è servito da riferimento per la crescita di cellule di tessuto muscolare di ratto. In questo modo, le cellule si sono organizzate in uno schema coerente in grado di contrarsi, in risposta a una tensione elettrica oscillante, e a produrre un movimento dell’acqua simile a quella della medusa: non solo per la spinta ma anche per creare le correnti adatte al nutrimento dell’organismo.

“Siamo rimasti sorpresi nel riuscire a riprodurre un comportamento di movimento e di nutrizione complesso con un numero relativamente limitato di componenti, una base di silicone e alcune cellule animali", ha sottolineato Dabiri.

Il prossimo obiettivo sarà realizzare un organismo bioingegnerizzato in grado anche di percepire gli stimoli dell’ambiente esterno e i propri segnali interni per riuscire, per esempio, ad alimentarsi in modo autonomo.

Video



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit