Text Size
Lunedì, Agosto 19, 2019
Scienza e Futuro La prima fotocamera digitale da 50.000 megapixel

Un altro passo verso l'immortalità. Topi di laboratorio ringiovaniti artificialmente

Il tempo è tornato indietro, per un gruppo di topolini del Salk Insitute in California. Dopo essere diventati anziani, gli scienziati sono riusciti a farli ringiovanire. L’estensione della loro v...

La forza di gravità e la sua influenza sulla Terra

La gravità è una delle quattro interazioni fondamentali che regolano l'intero universo. In meccanica classica la gravità risulta essere una forza conservativa, detta forza peso, che si manifesta fra c...

Cattura balistica: un altro modo per raggiungere Marte

Portare un'astronave su Marte è un'impresa piuttosto difficoltosa. I costi di trasporto possono arrivare a centinaia di milioni di dollari, anche sfruttando le finestre di lancio degli allineamenti...

Ancora esperimenti sui Neutrini,la spaventosa tempesta di Saturno e lo studio del satellite Iperione

Neutrini: caso ancora aperto I neutrini continuano a viaggiare più veloci della luce. La conferma viene dopo nuovi test e sempre da parte dei ricercatori che lo scorso settembre avevano dato la ...

I poteri della mente: la Telecinesi

La Telecinesi fa parte della numerosa serie di manifestazioni classificate nella parapsicologia, ma si manifesta anche in altri ambiti che non sono sempre naturali:Telecinesi, ovvero muovere la materi...

La banda larga anche nello spazio, il pianeta extrasolare ricco di acqua ed il cambiamento del vento interstellare

La banda larga sta per raggiungere anche la Luna. In questi giorni è previsto il lancio di LADEE, uan sonda della NASA capace di trasmettere verso la Terra un segnale laser molto speciale. Il lase...

  • Un altro passo verso l'immortalità. Topi di laboratorio ringiovaniti artificialmente


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La forza di gravità e la sua influenza sulla Terra


    Publish In: L'Universo e il Sistema Solare
  • Cattura balistica: un altro modo per raggiungere Marte


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Ancora esperimenti sui Neutrini,la spaventosa tempesta di Saturno e lo studio del satellite Iperione


    Publish In: News Astronomia
  • I poteri della mente: la Telecinesi


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La banda larga anche nello spazio, il pianeta extrasolare ricco di acqua ed il cambiamento del vento interstellare


    Publish In: News Astronomia

La prima fotocamera digitale da 50.000 megapixel

Un prototipo di fotocamera in grado di creare immagini con un dettaglio senza precedenti grazie alla sincronizzazione di 98 piccole telecamere è stato realizzato da ingegneri della Duke University e dell'Università dell'Arizona. La descrizione della tecnica utilizzata per raggiungere questa capacità di ripresa è descritta in un articolo pubblicato su “Nature”.

La nuova fotocamera – chiamata AWARE-2 – ha un angolo di ripresa orizzontale di 120° ed è in grado di catturare fino a 50 gigapixel di dati, vale a dire 50.000 megapixel, contro gli 8-40 megapixel che possono raggiungere le macchine fotografiche in commercio.

Allo stato attuale, il prototipo, realizzato grazie al sostegno finanziario della Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), è tutt’altro che maneggevole, dato che ha un ingombro di 75 × 75 × 50 centimetri, ma i ricercatori ritengono che entro cinque anni, grazie alla progressiva miniaturizzazione dei circuiti, macchine fotografiche e telecamere a gigapixel dovrebbero essere pronte per il commercio.

La superfotocamera a gigapixel che riprende i dettagli più piccoli

Immagine del traffico in una rotatoria ripresa da AWARE-2. Gli inserti sono amplificati digitalmente di un fattore 13.

Ciascuna delle microcamere acquisisce informazioni da una zona specifica del campo visivo", ha spiegato David Brady, uno dei progettisti di AWARE-2. "Un processore del computer mette insieme tutte queste informazioni in una singola immagine molto dettagliata. In molti casi la fotocamera può catturare immagini di particolari che i fotografi non possono vedere, ma che si possono notare in seguito quando viene visualizzata l'immagine."

"Tradizionalmente, per migliorare le fotografie si aggiungevano ulteriori lenti all'ottica, ma in questo modo si aumentava la complessità della macchina", ha spiegato Michael Gehm, altro progettista di AWARE-2. "Questo non è un ostacolo che riguarda solo gli esperti che si interessano di imaging. I supercomputer devono affrontare lo stesso problema: i loro processori diventano sempre più complicati, ma a un certo punto la complessità arriva a un punto di saturazione, che si traduce in un costo proibitivo."

"Invece di puntare su ottiche sempre più complesse, il nostro approccio sfrutta una serie parallela di elementi elettronici", ha detto Gehm. "Un normale obiettivo raccoglie la luce e la indirizza alle microcamere che lo circondano, proprio come una rete di computer indirizza i file alle postazioni di lavoro individuali. Ciascuna di esse ha una differente prospettiva e lavora su un piccolo pezzo del problema. Successivamente sistemiamo il tutto con una sovrapposizione, in modo da non far mancare nulla."


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit