Text Size
Lunedì, Ottobre 14, 2019
Scienza e Futuro Un altro piccolo passo in avanti verso il Teletrasporto

La misteriosa origine dei monoliti di Asuka in Giappone

Asuka affonda le sue origini nel periodo della storia giapponese definito Jidai Kofun (250-552 d.C.), caratterizzato dalla realizzazione di numerosi tumuli funerari. La zona è conosciuta anche...

L'ufo gigante a forma sferica fotografato sopra Richmond, Missouri, Stati Uniti

Il 24 Giugno 2014 un testimone è riuscito a scattare una serie di fotografie su degli Ufo che stazionavano in pieno giorno a Richmond che si trova a Missouri negli Stati Uniti. Le foto, come potrete...

La foto dell'UFO scattata dal satellite Rosetta sulla cometa Comet 67P Churymov Gerasimenko

Il fenomeno Ufo ancora non cessa di stupire infatti l'ultimo più strano avvistamento è avvenuto sulla cometa che stava monitorando il satellite europeo ROSETTA chiamato Comet 67P Churymov Gerasimenk...

Il progetto SyNapse,il primo cervello elettronico è già realtà

Un circuito che imita le funzioni del sistema nervoso: è il progetto SyNapse, appena presentato da Ibm. I futuri sistemi cognitivi rivoluzioneranno la scienza grazie a una capacità di calcolo e memo...

Alma, il telescopio più grande mai costruito dall'uomo

E' frutto di un'ampia collaborazione internazionale a cui ha partecipato direttamente l'Italia sia per la parte scientifica sia per quella industriale Il più complesso osservatorio...

Il batterio che vive nell'arsenico, le stelle comete di Dicembre e i problemi della sonda Akatsuki

Arsenico per noi significa veleno. Ma in un lago della California ci sarebbe un batterio che nell’arsenico non solo ci vive, ma forse lo assimila per sostenere la sua crescita. Una scoperta sorpren...

  • La misteriosa origine dei monoliti di Asuka in Giappone


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • L'ufo gigante a forma sferica fotografato sopra Richmond, Missouri, Stati Uniti


    Publish In: Le Prove
  • La foto dell'UFO scattata dal satellite Rosetta sulla cometa Comet 67P Churymov Gerasimenko


    Publish In: Le Prove
  • Il progetto SyNapse,il primo cervello elettronico è già realtà


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Alma, il telescopio più grande mai costruito dall'uomo


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il batterio che vive nell'arsenico, le stelle comete di Dicembre e i problemi della sonda Akatsuki


    Publish In: News Astronomia

Un altro piccolo passo in avanti verso il Teletrasporto

Volendo interpretare gli eventi in termini di competizione internazionale, si potrebbe dire che la Cina si sta facendo sotto ma la vecchia Europa non ha  intenzione di cedere il suo primato.

Da La Palma a Tenerife, nuovo record di distanza per il teletrasporto

Vista dell'orizzonte dell'isola di La Palma, nelle Canarie, dove il team di Zeilinger ha stabilito il primato di distanza per il teletrasposto quantistico.

Qualche giorno fa, infatti, alcuni ricercatori cinesi della University of Science and Technology of China di Shanghai diretti da Jian-Wei Pan hanno pubblicato su arXiv un articolo in cui annunciano di aver completato con successo un esperimento di teletrasporto di uno stato quantistico di fotoni su una distanza di circa 100 chilometri, superando di due ordini di grandezza il precedente primato.

Da La Palma a Tenerife, nuovo record di distanza per il teletrasporto

Pochi giorni dopo, tuttavia, il 17 maggio, il gruppo dell’Università di Vienna guidato da Anton Zeilinger, uno dei pionieri di questo particolare campo di ricerca, ha replicato, sempre su arXiv, con una distanza di 143 chilometri, superando così i colleghi di Shanghai.

Alla base degli esperimenti sul teletrasporto quantistico vi è l’ormai noto fenomeno dell’entanglement, per il quale due particelle opportunamente preparate (convenzionalmente indicate come “A” e “B” o con i nomignoli Alice e Bob) stabiliscono una correlazione di natura quantistica che si mantiene anche allontanandole a una distanza virtualmente arbitraria.

Una misurazione condotta su una delle due fa collassare il suo stato quantistico su un valore definito, e lo stesso avviene per la particella lontana, come se ci fosse una misteriosa interazione istantanea a distanza (spooky action at a distance, come la definì Albert Einstein, che propose per primo il paradosso di questa comunicazione, passato alla storia come “Paradosso EPR”, da un famoso articolo del 1935 scritto con Boris Podolski e Nathan Rosen).

Alla fine degli anni novanta, grazie ai pionieristici studi di Francesco De Martini dell'Università «La Sapienza» di Roma e di Anton Zeilinger, allora all’Università di Innsbruck, la realtà del teletrasporto è stata dimostrata sperimentalmente. Da ciò è nato un fertile filone di ricerca che ha portato a diversi successi, tra cui quello annunciato dallo stesso Pan nel 2010 su una distanza di 16 chilometri. Tuttavia, il risultato era di scarsa applicazione pratica a causa della necessità di preparare i due fotoni entangled in uno spazio molto limitato e non esteso.

Per superare questa limitazione, Pan ha introdotto “Charlie”, un intermediario in grado di preparare due fotoni nello stato entangled a una certa distanza, grazie all’invio di un fascio di luce ultravioletta attraverso un cristallo di bario, riuscendo così a teletrasportare lo stato del fotone Alice verso Bob da una sponda all’altra di un lago con una percentuale di successo dell’80 per cento. Misurata la distanza, fanno appunto 97 chilometri in linea d’aria.

L’esperimento di Zeilinger si è svolto invece nelle Isole Canarie. Sfruttando nuove tecnologie, quali un’innovativa fonte di fotoni entangled e di rivelatori di fotoni singoli a rumore ultra-basso, e superando notevoli difficoltà meteorologiche, il gruppo è riuscito a portare a buon fine il teletrasporto dall'isola di La Palma a quella di Tenerife, che distano tra loro 147 chilometri.

Se i risultati annunciati da Pan e Zeilinger saranno confermati dalla peer review (arXiv, infatti, è un archivio informatico a disposizione della comunità scientifica, ma gli studi pubblicati non sono sottoposti a revisione), e superata quindi ufficialmente la barriera dei 100 chilometri, s’intravede la possibilità di estendere i test utilizzando i satelliti artificiali in orbita. E, guardando più oltre, di stabilire finalmente le basi per tecnologie di comunicazione quantistica di uso pratico.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit