Text Size
Mercoledì, Agosto 12, 2020
Scienza e Futuro Secondo la scienza si può trovare vita extraterrestre tramite lo scambio di "bit"

Il mistero delle Green Fireballs, le sfere verdi che attirarono le attenzioni dei militari americani

Per Green fireballs (in italiano bolle infuocate verdi) si intende un tipo di oggetti misteriosi che furono avvistati in USA fra il 1948 e il 1951. Gli avvistamenti avvennero principalmente nel Nuov...

L'ultimo atto di una stella dilaniata da un buco nero, una nuova classe di stelle iperveloci ed i nuovi progetti ambiziosi della NASA

Una sorgente di raggi X si accende misteriosamente nel cielo e dopo qualche anno, altrettanto misteriosamente, scompare. Il luogo è una galassia nana distante circa 800 milioni di anni luce da noi...

Le misteriose strutture biologiche scoperte in Perù di cui anche la scienza ignora l'origine

Una serie di bizzarre, quanto enigmatiche, strutture biologiche è stata scoperta nella foresta amazzonica del Perù, formazioni molto simili a piccole guglie circondate da staccionate. La prima...

La presenza di vapore acqueo in un esopianeta,Michio Kaku e la conferma delle sue teorie dei multiversi e la scoperta di una galassia in miniatura

Gli studi sui pianeti extrasolari non sono mirati solamente alla ricerca di una “Terra 2.0″ ovvero un pianeta roccioso simile al nostro che orbiti attorno a una stella simile al Sole a una distan...

La viaggiatrice del Tempo nel film di Charlie Chaplin

Durante il film muto di Charlie Chaplin "Il circo", datato 1928, viene ripresa una distinta signora che passeggiando parla con in mano quello che per alcuni sembra essere un telefono cellulare. Te...

La nebulosa a riflessione Toby Jug, la strana risonanza di Mercurio e la pioggia di diamanti su Saturno e Giove

Il Very Large Telescope (VLT) dell’ESO ha ripreso un’immagine notevolmente dettagliata della Nebulosa della caraffa (chiamata Toby Jug in inglese), una nube di gas e polvere che circonda una stella...

  • Il mistero delle Green Fireballs, le sfere verdi che attirarono le attenzioni dei militari americani


    Publish In: Le Prove
  • L'ultimo atto di una stella dilaniata da un buco nero, una nuova classe di stelle iperveloci ed i nuovi progetti ambiziosi della NASA


    Publish In: News Astronomia
  • Le misteriose strutture biologiche scoperte in Perù di cui anche la scienza ignora l'origine


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La presenza di vapore acqueo in un esopianeta,Michio Kaku e la conferma delle sue teorie dei multiversi e la scoperta di una galassia in miniatura


    Publish In: News Astronomia
  • La viaggiatrice del Tempo nel film di Charlie Chaplin


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La nebulosa a riflessione Toby Jug, la strana risonanza di Mercurio e la pioggia di diamanti su Saturno e Giove


    Publish In: News Astronomia

Secondo la scienza si può trovare vita extraterrestre tramite lo scambio di "bit"

Che cosa s'intende realmente quando si parla di “vita nell'universo”? E quale probabilità abbiamo di scoprirne nuove forme? Sono questi gli interrogativi alla base di un articolo apparso sulla rivista “PLoS Biology” a firma di Gerald Joyce, dello Scripps Research Institute di La Jolla in California.

Grazie ai progressi delle tecniche di osservazione astronomica, negli ultimi anni si sono moltiplicate le scoperte di pianeti extrasolari, alcuni dei quali sono stati classificati come orbitanti in “zone di abitabilità”, cioè a una distanza dalla loro stella che rende le temperature favorevoli allo sviluppo della vita, o come pianeti “di tipo terrestre”, in cui le condizioni sarebbero ancora più simili a quelle del nostro pianeta. Questo ha portato molti, tra gli scienziati come nel grande pubblico, a ritenere più vicina la scoperta di forme biologiche aliene, o almeno più concreta la possibilità di verificare in modo sperimentale alcune ipotesi.


C'è un'altra vita nell'universo? Questione di bit

Ma quante sono le reali probabilità che un pianeta roccioso dal clima temperato generi forme viventi? “La vita si autoriproduce, trasmette informazione ereditabile alla progenie e segue le leggi dell'evoluzione darwiniana basata sulla selezione naturale”, scrive Joyce, elencando le caratteristiche fondamentali della vita come la conosciamo.

Se però si vuole uscire da questo schema per concepire la possibilità di forme alternative, occorre approdare a un concetto più astratto, considerando la trasmissione tra le generazioni di bit d’informazione ereditabile e l’origine di questo processo.

Secondo Joyce, una nuova forma vivente può emergere in due modi: da una già esistente oppure da una chimica di base. In questo secondo caso, una forma di vita si autorganizzerebbe in un “sistema in grado di generare bit”, così come è avvenuto sulla Terra, in cui da una zuppa primordiale di composti chimici in un ambiente acquoso si formarono molecole autoreplicanti che poi mutarono ed evolsero.

A questo punto, si pone un’altra domanda: qual è il numero minimo di bit necessari per dare origine all’ereditabilità e alla possibilità di accrescere il pool di bit disponibili? Dipende dalla natura del sistema che evolve e dall’ambiente in cui è inserito.


Per verificare sperimentalmente queste ipotesi, il laboratorio di Joyce recentemente ha realizzato e descritto un sistema chimico non biologico che evolve secondo le leggi darwiniane in modo autosostenuto (ovvero: tutti i bit d’informazione necessari all’evoluzione sono parte del sistema che evolve).


C'è un'altra vita nell'universo? Questione di bit

Si tratta di coppie di enzimi a RNA, in cui ogni membro di una coppia sintetizza la sintesi dell’altro legando tra loro coppie di substrati oligonucleotidici: poiché ciascuno di questi elementi può adottare migliaia di diverse composizioni potenziali, il loro legame può dare vita a milioni di combinazioni differenti. A loro volta, queste combinazioni possono autoreplicarsi e trasmettere informazioni alla propria progenie. Le varianti che si replicano in modo più efficiente dominano la popolazione finché non nascono nuove e più vantaggiose varianti che soppiantano i predecessori in una battaglia darwiniana senza fine per la sopravvivenza.

La popolazione di enzimi a RNA costituisce un sistema genetico di sintesi ma non è una nuova forma di vita, sottolinea Joyce: essa infatti evolve sulla base di 84 bit totali solo un quarto circa dei quali rappresenta la sua “memoria molecolare” mentre i bit restanti – la maggioranza – sono presi a prestito. Potrebbe essere quindi questo rapporto a definire la “vera” vita: un rapporto almeno 50-50 tra i bit ereditabili e quelli richiesti per una piena funzionalità del sistema.


"Io penso che gli esseri umani si sentano soli, e desiderino altre forme viventi nell'universo," conclude Joyce, "ma il desiderio non basta. Forse la prima vera alternativa alla biologia terrestre sarà scoperta in un pianeta extraterrestre o in una roccia marziana. Più probabilmente, sarà il prodotto di una specie intelligente che ha scoperto i principi dell'evoluzione darwiniana e imparato a progettare sistemi chimici capaci di generare autonomamente bit". Una specie, insomma, come la specie umana.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit