Text Size
Mercoledì, Luglio 26, 2017
Scienza e Futuro Ecco come riusciremo a vedere anche gli oggetti nascosti dai muri

Al Large Hadron Collider nuovi progressi verso la scoperta del bosone di Higgs

125 GeV: sarebbe questa la massa del bosone di Higgs misurata dai responsabili degli esperimenti ATLAS e CMS dell’acceleratore Large Hadron Collider (LHC) presso il CERN di Ginevra. Il condizional...

Il futuro degli occhiali Smart secondo Microsoft

NON SONO ANCORA arrivati sul mercato, ma i Google Glasses hanno già dei concorrenti. Ultimo tra i brevetti arrivati, ma dal nome pesante, è quello di Microsoft. L'azienda ha depositato alcuni p...

Giappone si prepara per attacco UFO

    TOKIO – Il capo di Stato maggiore delle Forze di autodifesa giapponesi, il ministro Shigeru Ishiba, ha affermato che il Giappone deve prepararsi preventivamente ad un possibile atta...

Le verità nascoste dietro il terremoto in Giappone

Il terremoto che ha colpito il Giappone di magnitudo 8,9 ha provocato un enorme tzunami con onde alte oltre 10 metri e la preoccupante esplosione del reattore N°1 della centrale nucleare di Fukushi...

Presto gli ologrammi saranno proiettati direttamente dagli smartphone

COSE, persone, animali fluttueranno per la stanza, facendo capolino dallo schermo dei nostri telefoni cellulari. Questa sarà la rivoluzione della realtà virtuale. In un futuro non troppo lontano ...

Secondo l'esperto della NASA Kevin Baines, la sonda Voyager 2 potrebbe essere stata modificata dagli alieni per contattarci

Lo scrittore e ricercatore spagnolo Vicente Fuentes, presenta un programma (lingua spagnola) dove viene analizzato quello che è successo nel 2010 in un incidente in cui una la NASA ha ricevuto dalla...

  • Al Large Hadron Collider nuovi progressi verso la scoperta del bosone di Higgs


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il futuro degli occhiali Smart secondo Microsoft


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Giappone si prepara per attacco UFO


    Publish In: Preparativi 2012
  • Le verità nascoste dietro il terremoto in Giappone


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Presto gli ologrammi saranno proiettati direttamente dagli smartphone


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Secondo l'esperto della NASA Kevin Baines, la sonda Voyager 2 potrebbe essere stata modificata dagli alieni per contattarci


    Publish In: Le Prove

Ecco come riusciremo a vedere anche gli oggetti nascosti dai muri

La capacità di vedere oggetti nascosti dietro i muri può rivelarsi essenziale in luoghi pericolosi o inaccessibili, per esempio all'interno di macchinari con parti in movimento, o in zone fortemente contaminate. Ora gli scienziati del Massachusetts Institute of Technology di Cambridge hanno trovato un modo per fare esattamente questo.
I ricercatori sparano un impulso di luce laser verso una parete sul lato opposto della scena nascosta, e registrano il tempo in cui la luce dispersa arriva a una telecamera. I fotoni rimbalzano dalla parete all'oggetto nascosto e poi di nuovo sulla parete, disperdendosi ogni volta, prima che una piccola frazione finisca per raggiunge la telecamera, ciascuna in un tempo leggermente differente. E' questa risoluzione temporale che fornisce la chiave per rivelare la geometria nascosta. La posizione dell'impulso laser da 50 femtosecondi (cioè 50 quadrilioni di secondo) viene inoltre cambiata 60 volte, in modo da ottenere prospettivemultiple della scena nascosta.

"Tutti conosciamo gli echi sonori, ma è possibile sfruttare anche echi di luce", spiega Ramesh Raskar, che guida il Camera Culture Research Group al Media Lab del MIT Lab che ha realizzato lo studio.

Una fotocamera normale può vedere solo gli oggetti che si trovano esattamente di fronte a essa. La luce che raggiunge il sensore da un punto che si trova al di là della linea di vista diretta è troppo diffusa per trasportare informazioni utili sulla scena nascosta, poiché è stata dispersa da riflessioni multiple. La nuova tecnica, descritta oggi su "Nature Communications", risolve il problema mediante l'acquisizione ultraveloce di informazioni sul tempo impiegato da ogni fotone per raggiungere la telecamera. Queste informazioni vengono poi decodificate da un algoritmo di ricostruzione realizzato da uno dei componenti del gruppo, Andreas Velten.

Sfruttare la dispersione

La maggior parte delle tecnologie di imaging ultraveloci puntano ad attenuare gli effetti della dispersione luminosa, concentrandosi solo sui primi fotoni che arrivano al sensore. In questo caso, spiega Raskar, la differenza "è che sfruttiamo la luce dispersa".

La videocamera merita senz'altro la definizione di ultraveloce, poiché è in grado di registrare un'immagine ogni due picosecondi, vale a dire il tempo impiegato dalla luce per viaggiare in soli 0,6 millimetri. Di conseguenza, può registrare la distanza percorsa da ciascun fotone con precisione submillimetrica.

Uno dei principali problemi tecnologici da superare ha riguardato la distinzione delle informazioni provenienti da fotoni che avevano percorso la stessa distanza, e raggiunto la telecamera nella stessa posizione, dopo aver colpito parti diverse della scena nascosta.

Il computer risolve il problema confrontando le immagini generate da posizioni differenti del laser, permettendo quindi una stima delle posizioni possibili dell'oggetto. Mentre fotoni che hanno colpito diverse parti della scena nascosta da una posizione del laser possono essere gli stessi, avranno comunque una distanza totale diversa da un altro punto laser. "La tecnica matematica generale," spiega Raskar, "è simile a quella della tomografia computazionale usata nelle scansioni TAC a raggi X ".

Allo stato attuale, l'intero processo dura diversi minuti, ma i ricercatori sperano in futuro di riuscire a ridurlo a meno di dieci secondi.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit