Text Size
Sabato, Novembre 18, 2017
Scienza e Futuro Ecco come riusciremo a vedere anche gli oggetti nascosti dai muri

Il TR-3A Black Manta. Quando l'uomo cerca di imitare la tecnologia aliena

Il TR-3A Black Manta vanta la reputazione di essere un prototipo spia dei servizi segreti militari degli United States Of America ed è sicuramente un programma "Top Secret" non classificato...

Il susseguirsi di avvistamenti a San Pietroburgo in Russia

Un secondo avvistamento si è verificato a San Pietroburgo, in Russia questa settimana. Il primo avvistamento si è verificato il 9 aprile 2012 ed è stato registrato in video da più testimoni provenie...

Il Display multiview 3D autostereoscopico: un altro passo in avanti verso gli schermi 3D senza lenti

Non servono gli occhiali per vedere le immagini tridimensionali prodotte da un nuovo schermo descritto sulle pagine di “Nature” in un articolo firmato da David Fattal, dei Laboratori Hewlett-Packard ...

L'Ufo segnalato dai TG cinesi

Come sempre più spesso succede, in Cina è stato avvistato e filmato un Ufo durante la notte e la notizia è stata riportata dai notiziari locali, come vedete dal video sotto.

La viaggiatrice del Tempo nel film di Charlie Chaplin

Durante il film muto di Charlie Chaplin "Il circo", datato 1928, viene ripresa una distinta signora che passeggiando parla con in mano quello che per alcuni sembra essere un telefono cellulare. Te...

La forza di gravità e la sua influenza sulla Terra

La gravità è una delle quattro interazioni fondamentali che regolano l'intero universo. In meccanica classica la gravità risulta essere una forza conservativa, detta forza peso, che si manifesta fra c...

  • Il TR-3A Black Manta. Quando l'uomo cerca di imitare la tecnologia aliena


    Publish In: La Nostra Storia
  • Il susseguirsi di avvistamenti a San Pietroburgo in Russia


    Publish In: Le Prove
  • Il Display multiview 3D autostereoscopico: un altro passo in avanti verso gli schermi 3D senza lenti


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'Ufo segnalato dai TG cinesi


    Publish In: Le Prove
  • La viaggiatrice del Tempo nel film di Charlie Chaplin


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La forza di gravità e la sua influenza sulla Terra


    Publish In: L'Universo e il Sistema Solare

Ecco come riusciremo a vedere anche gli oggetti nascosti dai muri

La capacità di vedere oggetti nascosti dietro i muri può rivelarsi essenziale in luoghi pericolosi o inaccessibili, per esempio all'interno di macchinari con parti in movimento, o in zone fortemente contaminate. Ora gli scienziati del Massachusetts Institute of Technology di Cambridge hanno trovato un modo per fare esattamente questo.
I ricercatori sparano un impulso di luce laser verso una parete sul lato opposto della scena nascosta, e registrano il tempo in cui la luce dispersa arriva a una telecamera. I fotoni rimbalzano dalla parete all'oggetto nascosto e poi di nuovo sulla parete, disperdendosi ogni volta, prima che una piccola frazione finisca per raggiunge la telecamera, ciascuna in un tempo leggermente differente. E' questa risoluzione temporale che fornisce la chiave per rivelare la geometria nascosta. La posizione dell'impulso laser da 50 femtosecondi (cioè 50 quadrilioni di secondo) viene inoltre cambiata 60 volte, in modo da ottenere prospettivemultiple della scena nascosta.

"Tutti conosciamo gli echi sonori, ma è possibile sfruttare anche echi di luce", spiega Ramesh Raskar, che guida il Camera Culture Research Group al Media Lab del MIT Lab che ha realizzato lo studio.

Una fotocamera normale può vedere solo gli oggetti che si trovano esattamente di fronte a essa. La luce che raggiunge il sensore da un punto che si trova al di là della linea di vista diretta è troppo diffusa per trasportare informazioni utili sulla scena nascosta, poiché è stata dispersa da riflessioni multiple. La nuova tecnica, descritta oggi su "Nature Communications", risolve il problema mediante l'acquisizione ultraveloce di informazioni sul tempo impiegato da ogni fotone per raggiungere la telecamera. Queste informazioni vengono poi decodificate da un algoritmo di ricostruzione realizzato da uno dei componenti del gruppo, Andreas Velten.

Sfruttare la dispersione

La maggior parte delle tecnologie di imaging ultraveloci puntano ad attenuare gli effetti della dispersione luminosa, concentrandosi solo sui primi fotoni che arrivano al sensore. In questo caso, spiega Raskar, la differenza "è che sfruttiamo la luce dispersa".

La videocamera merita senz'altro la definizione di ultraveloce, poiché è in grado di registrare un'immagine ogni due picosecondi, vale a dire il tempo impiegato dalla luce per viaggiare in soli 0,6 millimetri. Di conseguenza, può registrare la distanza percorsa da ciascun fotone con precisione submillimetrica.

Uno dei principali problemi tecnologici da superare ha riguardato la distinzione delle informazioni provenienti da fotoni che avevano percorso la stessa distanza, e raggiunto la telecamera nella stessa posizione, dopo aver colpito parti diverse della scena nascosta.

Il computer risolve il problema confrontando le immagini generate da posizioni differenti del laser, permettendo quindi una stima delle posizioni possibili dell'oggetto. Mentre fotoni che hanno colpito diverse parti della scena nascosta da una posizione del laser possono essere gli stessi, avranno comunque una distanza totale diversa da un altro punto laser. "La tecnica matematica generale," spiega Raskar, "è simile a quella della tomografia computazionale usata nelle scansioni TAC a raggi X ".

Allo stato attuale, l'intero processo dura diversi minuti, ma i ricercatori sperano in futuro di riuscire a ridurlo a meno di dieci secondi.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit