Text Size
Mercoledì, Luglio 26, 2017
Scienza e Futuro La polarimetria: la nuova tecnica per trovare Pianeti abitabili

Costruzione aliena nella Via Lattea? Scienziati ipotizzano una Sfera di Dyson

UNA STRANA LUCE arriva da KIC 8462852, una stella proprio sopra la via Lattea, in mezzo alle costellazioni del Cigno e della Lira, a 1481 anni luce da noi. Così strana che dopo averla osservata a...

Nettuno e Plutone

Il pianeta Nettuno compie una rivoluzione attorno al Sole in circa 164,79 anni. Con una massa pari a circa 17 volte quella terrestre ed una densità media di 1,64 volte quella dell'acqua, Nettuno è i...

Il progetto misterioso denominato HAARP

Uno dei progetti più controversi degli Stati Uniti è senza dubbio la gigantesca antenna chiamata HAARP. HAARP è l'abbreviazione di High Frequency Active Auroral Research Program, un'installazione ci...

L'Ufo uscito dalle profondità del mare in Puerto Rico

Un Ufo è stato avvistato e fotografato in Puerto Rico da dei testimoni che stavano attraversando in un volo di linea la zona. L'incredibile Ufo era di colore argenteo e emetteva luci di vari colori ...

I diamanti di Urano e Nettuno, le due lune gemelle e l'asteroide non intercettato

Diamanti e ancora diamanti, piccoli e grandi, che galleggiano su un oceano di carbonio liquido. Uno scenario da sogno che potrebbe trovarsi all’interno di Urano e Nettuno. Uno scenario ipotizzato do...

L'incredibile foto storica del cavallo col buco

Questa storia ha dell'incredibile: è stata pubblicata sul numero 195 di Focus, ma la riprendiamo qui, per chi se la fosse persa.Questa fotografia, tratta dall'Archivio Gallino, è stata inviata alla re...

La polarimetria: la nuova tecnica per trovare Pianeti abitabili

È una sorta di gioco di specchi astronomico quello utilizzato dai ricercatori del Very Large Telescope per osservare la Terra come se fosse un pianeta alieno. Infatti, la radiazione solare incide sulla superficie della Terra e ne viene riflessa nello spazio e verso la superficie della Luna. Quest'ultima funge da gigantesco specchio riflettendo nuovamente la luce verso la Terra, da dove può essere osservata con il VLT.

Gli astronomi analizzano quindi la debole luce della Terra alla ricerca di indizi, per esempio alcune combinazioni di gas nell'atmosfera, che sono indicatori della presenza di vita organica; questo metodo definisce la Terra come punto di riferimento per la futura ricerca della vita sui pianeti che si trovano oltre il sistema solare.

Le forme di vita sono difficili da trovare con metodi convenzionali, ma in questo caso gli autori hanno messo a punto un approccio innovativo - descritto in un articolo pubblicato su "Nature" - che risulta più sensibile. Invece di misurare solo quanto è brillante la luce riflessa alle differenti lunghezze d'onda, hanno studiato anche la polarizzazioe della luce, grazie a un approccio denominato spettropolarimetria. Applicando questa tecnica alla luce terrestre osservata con il VLT, nella luce riflessa dalla Terra appare in modo netto la sua "firma" biologica.

“La luce di un esopianeta distante è sovrastata dal bagliore delle stelle intorno a cui orbitano ed è percio difficile da analizzare, è un po' come tentare di studiare un granello di polvere accanto a una lampadina. Ma la luce di un pianeta è polarizzata, mentre la luce della stella non lo è”, ha spiegato Stefano Bagnulo dell'Armagh Observatory, nel Regno Unito. “Per questo le tecniche polarimetriche consentono di cogliere la debole luce riflessa da

un esopianeta in mezzo al balgiore della stella”.

Il gruppo ha studiato sia il colore sia il grado di polarizzazione della luce della Terra dopo la riflessione della Luna, come se la luce provenisse da un esopianeta. Si è così potuto concludere che l'atmosfera terrestre è parzialmente nuvolosa, che parte della sua superficie è occupata dagli oceani e che su di essa è presente della vegetazione. Si sono anche potute rivelare variazioni nella copertura e nella quantità di vegetazione presente in diversi momenti e in diverse regioni della Terra.

“La possibilità di trovare forme di vita al di fuori del sistema solare dipende da due fattori: in primo luogo dal fatto che vi sia effettivamente e in secondo luogo dalla disponibilità delle capacità tecniche per rivelarlo”, ha concluso Enric Palle dell'Instituto de Astrofisica de Canarias a Tenerife, in Spagna. “Questo lavoro è un passo importante verso il raggiuntimento di questo obiettivo”.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit