Text Size
Lunedì, Luglio 06, 2020
Scienza e Futuro La polarimetria: la nuova tecnica per trovare Pianeti abitabili

Le creature spaziali filmate dalla Nasa

In alcuni filmati della Nasa, resi pubblici solo ultimamente, ci sono delle immagini di fenomeni che definire strani è davvero poca cosa. Il video in questione è stato girato da dentro lo Space Shuttl...

Le misteriose luci di Cerere registrate dalla sonda Dawn

E’ una vicenda avvolta da un po’ di mistero e in questi giorni ha tenuto banco nella rete Internet. Ma tra poco, per la precisione dal 6 marzo in poi, potremmo saperne di più. Mi riferisco alle du...

L'enigma dell'antico manufatto ritrovato in Egitto che mostra gli avanzati livelli tenologici del passato

Negli ultimi anni, numerose scoperte di enigmatici artefatti hanno portato un numero sempre crescente di studiosi a sostenere che gli antichi egizi erano forniti di conoscenze tecnologiche molto p...

I nuovi dati sulla velocità dei neutrini,i risultati delle analisi della polvere di Hayabusa ed il numero dei Pianeti vagabondi

Più veloci della luce solo per pochi mesi. E’ quanto accaduto ai famosi neutrini sparati dal CERN di Ginevra verso i laboratori del Gran Sasso. Lo scorso settembre il clamoroso annuncio che i neut...

Nel 2015 pagheremo tramite smartphone

ROMA - Nel giro di quattro anni negli Stati Uniti le carte di credito staranno ai pagamenti come il vinile sta alla musica: ad affermarlo è la CNN, in un'inchiesta che parte dai dati di una soci...

L'incontro tra il buco nero e la grande nube,la cometa Lovejoy e gli astromateriali persi della Nasa

  Per il buco nero gigante al centro della nostra Galassia è tempo di risvegliarsi e prepararsi per un pasto inatteso. Una grande nube di gas ci sta finendo dentro ma prima sarà ridotta in tanti l...

  • Le creature spaziali filmate dalla Nasa


    Publish In: Le Prove
  • Le misteriose luci di Cerere registrate dalla sonda Dawn


    Publish In: Le Prove
  • L'enigma dell'antico manufatto ritrovato in Egitto che mostra gli avanzati livelli tenologici del passato


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • I nuovi dati sulla velocità dei neutrini,i risultati delle analisi della polvere di Hayabusa ed il numero dei Pianeti vagabondi


    Publish In: News Astronomia
  • Nel 2015 pagheremo tramite smartphone


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'incontro tra il buco nero e la grande nube,la cometa Lovejoy e gli astromateriali persi della Nasa


    Publish In: News Astronomia

La polarimetria: la nuova tecnica per trovare Pianeti abitabili

È una sorta di gioco di specchi astronomico quello utilizzato dai ricercatori del Very Large Telescope per osservare la Terra come se fosse un pianeta alieno. Infatti, la radiazione solare incide sulla superficie della Terra e ne viene riflessa nello spazio e verso la superficie della Luna. Quest'ultima funge da gigantesco specchio riflettendo nuovamente la luce verso la Terra, da dove può essere osservata con il VLT.

Gli astronomi analizzano quindi la debole luce della Terra alla ricerca di indizi, per esempio alcune combinazioni di gas nell'atmosfera, che sono indicatori della presenza di vita organica; questo metodo definisce la Terra come punto di riferimento per la futura ricerca della vita sui pianeti che si trovano oltre il sistema solare.

Le forme di vita sono difficili da trovare con metodi convenzionali, ma in questo caso gli autori hanno messo a punto un approccio innovativo - descritto in un articolo pubblicato su "Nature" - che risulta più sensibile. Invece di misurare solo quanto è brillante la luce riflessa alle differenti lunghezze d'onda, hanno studiato anche la polarizzazioe della luce, grazie a un approccio denominato spettropolarimetria. Applicando questa tecnica alla luce terrestre osservata con il VLT, nella luce riflessa dalla Terra appare in modo netto la sua "firma" biologica.

“La luce di un esopianeta distante è sovrastata dal bagliore delle stelle intorno a cui orbitano ed è percio difficile da analizzare, è un po' come tentare di studiare un granello di polvere accanto a una lampadina. Ma la luce di un pianeta è polarizzata, mentre la luce della stella non lo è”, ha spiegato Stefano Bagnulo dell'Armagh Observatory, nel Regno Unito. “Per questo le tecniche polarimetriche consentono di cogliere la debole luce riflessa da

un esopianeta in mezzo al balgiore della stella”.

Il gruppo ha studiato sia il colore sia il grado di polarizzazione della luce della Terra dopo la riflessione della Luna, come se la luce provenisse da un esopianeta. Si è così potuto concludere che l'atmosfera terrestre è parzialmente nuvolosa, che parte della sua superficie è occupata dagli oceani e che su di essa è presente della vegetazione. Si sono anche potute rivelare variazioni nella copertura e nella quantità di vegetazione presente in diversi momenti e in diverse regioni della Terra.

“La possibilità di trovare forme di vita al di fuori del sistema solare dipende da due fattori: in primo luogo dal fatto che vi sia effettivamente e in secondo luogo dalla disponibilità delle capacità tecniche per rivelarlo”, ha concluso Enric Palle dell'Instituto de Astrofisica de Canarias a Tenerife, in Spagna. “Questo lavoro è un passo importante verso il raggiuntimento di questo obiettivo”.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit