Text Size
Martedì, Marzo 09, 2021
Scienza e Futuro La polarimetria: la nuova tecnica per trovare Pianeti abitabili

L'importanza dei filamenti stellari, la strana storia di Vesta ed il possibile ritorno in funzione del telescopio spaziale Kepler

La distribuzione in massa delle stelle è chiamata Funzione Iniziale di Massa (IMF è l’acronimo inglese) ed è una caratteristica importante di tutte le galassie, non solo della nostra. Derivare la ...

La moneta del 1600 con inciso sopra un Ufo

ROMA – Ufo su moneta del 1600? Secondo quanto riportato dal DailyMail, un ufologo è convinto di aver trovato un disegno inciso su una moneta francese del XVII secolo, che riprodurrebbe un disco vola...

L'enigma della materia non visibile, la rapida formazione di Marte e la conclusione della missione di Spirit

Un altro giallo spaziale ha trovato soluzione. Al centro del caso: la luce delle stelle. Analizzandola, gli astronomi ottengono numerose informazioni. Compresa la certezza che in molti casi, lungo ...

Trovata la prima stella supergigante ibrida, Due pianeti per una stella velocissima e l'immagine più profonda, dettagliata e colorata dell'Univers

Immaginate di dovere identificare che tipo di motore possiede un’automobile, senza sbirciare sotto il cofano, utilizzando solo delle analisi chimiche. Con ogni probabilità, dalla composizione dei ...

La ricerca su grande scala dell'Energia Oscura, il lampo avvistato su Giove ed i pianeti al centro della Via Lattea

Vinca il migliore, e speriamo sopratutto che almeno uno dei due contendenti vinca qualcosa. Due survey (progetti di osservazione astronomica su grande scala) stanno per partire, in competizione...

L'acqua di Marte, il passaggio dai raggi x alle onde radio di una Pulsar e la prima mappa delle nuvole di un esopianeta

Cento giorni a scavare, spazzare, annusare e scrutare un piccolo fazzoletto di suolo marziano. Questo è stato l’inizio della missione di Curiosity, il rover della NASA, subito dopo il suo arrivo s...

  • L'importanza dei filamenti stellari, la strana storia di Vesta ed il possibile ritorno in funzione del telescopio spaziale Kepler


    Publish In: News Astronomia
  • La moneta del 1600 con inciso sopra un Ufo


    Publish In: Le Prove
  • L'enigma della materia non visibile, la rapida formazione di Marte e la conclusione della missione di Spirit


    Publish In: News Astronomia
  • Trovata la prima stella supergigante ibrida, Due pianeti per una stella velocissima e l'immagine più profonda, dettagliata e colorata dell'Univers


    Publish In: News Astronomia
  • La ricerca su grande scala dell'Energia Oscura, il lampo avvistato su Giove ed i pianeti al centro della Via Lattea


    Publish In: News Astronomia
  • L'acqua di Marte, il passaggio dai raggi x alle onde radio di una Pulsar e la prima mappa delle nuvole di un esopianeta


    Publish In: News Astronomia

La polarimetria: la nuova tecnica per trovare Pianeti abitabili

È una sorta di gioco di specchi astronomico quello utilizzato dai ricercatori del Very Large Telescope per osservare la Terra come se fosse un pianeta alieno. Infatti, la radiazione solare incide sulla superficie della Terra e ne viene riflessa nello spazio e verso la superficie della Luna. Quest'ultima funge da gigantesco specchio riflettendo nuovamente la luce verso la Terra, da dove può essere osservata con il VLT.

Gli astronomi analizzano quindi la debole luce della Terra alla ricerca di indizi, per esempio alcune combinazioni di gas nell'atmosfera, che sono indicatori della presenza di vita organica; questo metodo definisce la Terra come punto di riferimento per la futura ricerca della vita sui pianeti che si trovano oltre il sistema solare.

Le forme di vita sono difficili da trovare con metodi convenzionali, ma in questo caso gli autori hanno messo a punto un approccio innovativo - descritto in un articolo pubblicato su "Nature" - che risulta più sensibile. Invece di misurare solo quanto è brillante la luce riflessa alle differenti lunghezze d'onda, hanno studiato anche la polarizzazioe della luce, grazie a un approccio denominato spettropolarimetria. Applicando questa tecnica alla luce terrestre osservata con il VLT, nella luce riflessa dalla Terra appare in modo netto la sua "firma" biologica.

“La luce di un esopianeta distante è sovrastata dal bagliore delle stelle intorno a cui orbitano ed è percio difficile da analizzare, è un po' come tentare di studiare un granello di polvere accanto a una lampadina. Ma la luce di un pianeta è polarizzata, mentre la luce della stella non lo è”, ha spiegato Stefano Bagnulo dell'Armagh Observatory, nel Regno Unito. “Per questo le tecniche polarimetriche consentono di cogliere la debole luce riflessa da

un esopianeta in mezzo al balgiore della stella”.

Il gruppo ha studiato sia il colore sia il grado di polarizzazione della luce della Terra dopo la riflessione della Luna, come se la luce provenisse da un esopianeta. Si è così potuto concludere che l'atmosfera terrestre è parzialmente nuvolosa, che parte della sua superficie è occupata dagli oceani e che su di essa è presente della vegetazione. Si sono anche potute rivelare variazioni nella copertura e nella quantità di vegetazione presente in diversi momenti e in diverse regioni della Terra.

“La possibilità di trovare forme di vita al di fuori del sistema solare dipende da due fattori: in primo luogo dal fatto che vi sia effettivamente e in secondo luogo dalla disponibilità delle capacità tecniche per rivelarlo”, ha concluso Enric Palle dell'Instituto de Astrofisica de Canarias a Tenerife, in Spagna. “Questo lavoro è un passo importante verso il raggiuntimento di questo obiettivo”.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit