Text Size
Lunedì, Febbraio 19, 2018
Scienza e Futuro La polarimetria: la nuova tecnica per trovare Pianeti abitabili

Il libero arbitrio esiste o non esiste? La scienza prova a dare una risposta

Quando qualcuno parla di una “domanda a cui la scienza non può rispondere”, ciò che intende realmente è una domanda per cui non vuole una risposta. E' vero, la scienza può essere molto irriverente v...

Il pianeta cometa, missione congiunta per Marte e il più potente raggio x registrato dal satellite Swift

Qualcuno lo ha definito il pianeta cometa, perché proprio come le comete possiede una coda. Il pianeta, di tipo gigante gassoso, orbita attorno a unastella distante da noi 150 anni luce ed era tenu...

La creatura misteriosa filmata in fondo all'Oceano che fa discutere gli scienziati

E' stato filmato nelle profondità oceaniche in una località non definita un misterioso "blob" che sta facendo impazzire la rete. Sono in molti, soprattutto utenti di YouTube e Reddit, a domandarsi...

La complessità della transizione di stato a un altro della materia

La fusione del ghiaccio o l'evaporazione dell'acqua sono tra i processi fisici più comuni e familiari a ognuno di noi. Eppure descrivere dal punto di vista microscopico che cosa succede alla materia...

La provenienza del metano su Marte e lo scontro tra la galassia Andromeda e quella Triangolo

Su Marte c’è metano. Ma da dove venga fuori rimane un mistero che si sta complicando sempre di più. E pensare che sino a poco tempo fa la scoperta di metano nella debole atmosfera marziana era con...

Il continuo problema della spazzatura spaziale, la tempesta monitorata su Saturno e l'immagine da 9 miliardi di pixel del centro della nostra galassia

Ancora una volta torna alla ribalta il problema  della spazzatura spaziale. E ancora una volta per un incidente. Ad agosto un razzo doveva portare  in orbita due satelliti per le telecomunicazioni...

  • Il libero arbitrio esiste o non esiste? La scienza prova a dare una risposta


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il pianeta cometa, missione congiunta per Marte e il più potente raggio x registrato dal satellite Swift


    Publish In: News Astronomia
  • La creatura misteriosa filmata in fondo all'Oceano che fa discutere gli scienziati


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La complessità della transizione di stato a un altro della materia


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La provenienza del metano su Marte e lo scontro tra la galassia Andromeda e quella Triangolo


    Publish In: News Astronomia
  • Il continuo problema della spazzatura spaziale, la tempesta monitorata su Saturno e l'immagine da 9 miliardi di pixel del centro della nostra galassia


    Publish In: News Astronomia

La polarimetria: la nuova tecnica per trovare Pianeti abitabili

È una sorta di gioco di specchi astronomico quello utilizzato dai ricercatori del Very Large Telescope per osservare la Terra come se fosse un pianeta alieno. Infatti, la radiazione solare incide sulla superficie della Terra e ne viene riflessa nello spazio e verso la superficie della Luna. Quest'ultima funge da gigantesco specchio riflettendo nuovamente la luce verso la Terra, da dove può essere osservata con il VLT.

Gli astronomi analizzano quindi la debole luce della Terra alla ricerca di indizi, per esempio alcune combinazioni di gas nell'atmosfera, che sono indicatori della presenza di vita organica; questo metodo definisce la Terra come punto di riferimento per la futura ricerca della vita sui pianeti che si trovano oltre il sistema solare.

Le forme di vita sono difficili da trovare con metodi convenzionali, ma in questo caso gli autori hanno messo a punto un approccio innovativo - descritto in un articolo pubblicato su "Nature" - che risulta più sensibile. Invece di misurare solo quanto è brillante la luce riflessa alle differenti lunghezze d'onda, hanno studiato anche la polarizzazioe della luce, grazie a un approccio denominato spettropolarimetria. Applicando questa tecnica alla luce terrestre osservata con il VLT, nella luce riflessa dalla Terra appare in modo netto la sua "firma" biologica.

“La luce di un esopianeta distante è sovrastata dal bagliore delle stelle intorno a cui orbitano ed è percio difficile da analizzare, è un po' come tentare di studiare un granello di polvere accanto a una lampadina. Ma la luce di un pianeta è polarizzata, mentre la luce della stella non lo è”, ha spiegato Stefano Bagnulo dell'Armagh Observatory, nel Regno Unito. “Per questo le tecniche polarimetriche consentono di cogliere la debole luce riflessa da

un esopianeta in mezzo al balgiore della stella”.

Il gruppo ha studiato sia il colore sia il grado di polarizzazione della luce della Terra dopo la riflessione della Luna, come se la luce provenisse da un esopianeta. Si è così potuto concludere che l'atmosfera terrestre è parzialmente nuvolosa, che parte della sua superficie è occupata dagli oceani e che su di essa è presente della vegetazione. Si sono anche potute rivelare variazioni nella copertura e nella quantità di vegetazione presente in diversi momenti e in diverse regioni della Terra.

“La possibilità di trovare forme di vita al di fuori del sistema solare dipende da due fattori: in primo luogo dal fatto che vi sia effettivamente e in secondo luogo dalla disponibilità delle capacità tecniche per rivelarlo”, ha concluso Enric Palle dell'Instituto de Astrofisica de Canarias a Tenerife, in Spagna. “Questo lavoro è un passo importante verso il raggiuntimento di questo obiettivo”.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit