Text Size
Venerdì, Marzo 22, 2019
Scienza e Futuro Un nuovo passo verso la fusione nucleare. Il controllo delle MHD

La cometa senza testa, i colori pallidi degli asteroidi e tecnologia spaziale per case automobilistiche

Che ci fa una cometa senza testa in mezzo a tanti asteroidi? Se lo sono chiesto per qualche giorno astronomi e appassionati quando, proprio dentro la fascia degli asteroidi tra Marte e Giove, hanno ...

L'enigma irrisolto del popolo più avanzato del X sec AC: il popolo Nok

Nok è il nome di un piccolo villaggio al centro della Nigeria, dove nel 1928 un gruppo di minatori portò alla luce una serie di reperti in terracotta, testimonianza di un’antica civiltà perduta. ...

I superscienziati si riuniscono per risolvere la (ipotetica) fine del mondo

CI SIAMO talmente abituati a vederlo minacciato da un'apocalisse al cinema, che si tratti di disastri climatici, asteroidi giganti o alieni mostruosi, che quasi non ci pare uno scenario possibile...

Il fenomeno straordinario della bassa mortalità conquistata dalla razza umana

La speranza di vita è costantemente aumentata nell’ultimo secolo nella maggior parte dei paesi sviluppati, superando in molti casi gli 80 anni. Si tratta di un sicuro progresso, giustamente sottolin...

Le immagini di una base aliena sulla Luna catturate dalla sonda cinese Chang'e-2

FOTO BASE ALIENA LUNA – Le foto della presunta “Base Aliena”, le cui presunte tracce sarebbero state rinvenute sulla superficie lunare e notate tramite alcune immagini delle sonde cinesi, tengono banc...

L'avvistamento Ufo di massa avvenuto in Australia nel 1966. Il caso di Westall School

  La mattina del 6 aprile 1966 alle 11 circa i ragazzi di una classe della Westall High School (ora Westall Secondary College) si trovavano nel cortile della scuola, dove stavano completando la le...

  • La cometa senza testa, i colori pallidi degli asteroidi e tecnologia spaziale per case automobilistiche


    Publish In: News Astronomia
  • L'enigma irrisolto del popolo più avanzato del X sec AC: il popolo Nok


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • I superscienziati si riuniscono per risolvere la (ipotetica) fine del mondo


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il fenomeno straordinario della bassa mortalità conquistata dalla razza umana


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Le immagini di una base aliena sulla Luna catturate dalla sonda cinese Chang'e-2


    Publish In: Le Prove
  • L'avvistamento Ufo di massa avvenuto in Australia nel 1966. Il caso di Westall School


    Publish In: Le Prove

Un nuovo passo verso la fusione nucleare. Il controllo delle MHD

Le prestazioni dei plasmi ottenuti con il sistema tokamak sono progressivamente migliorate, tanto che ci si aspetta che ITER, la macchina di nuova generazione attualmente in costruzione a Cadarache, in Francia, sia in grado di generare una quantità da energia da fusione nucleare fino a dieci volte superiore a quella necessaria ad accendere e mantenere in funzione la macchina.

Queste prestazioni dipendono dalla possibilità di ottimizzare diverse operazioni, fra cui il confinamento del plasma e il controllo delle instabilità magnetofluidodinamiche (MHD).

In particolare, il mancato tempestivo controllo di queste perturbazioni può determinare lo sviluppo di turbolenze più grandi che, se si verificassero ai bordi del flusso di plasma, possono portare al danneggiamento delle pareti del vano di contenimento del plasma.

Quando però le turbolenze si verificano nella parte centrale del plasma, possono innescare i cosiddetti neoclassical tearing modes (NTM), ossia instabilità resistive che rompono le linee di campo magnetico per poi riconnetterle in modo anomalo, portando alla formazione di "isole" di campo magnetico, che incidono fortemente sulla possibilità di generazione di energia. Queste turbolenze sono innescate da ioni molto energetici, tra cui le particelle alfa (nuclei di elio-4) che si creano in seguito ai processi di fusione.

Un nuovo modo per stabilizzare il plasma nei reattori a fusione

La struttura del Tokamak ITER (Cortesia ITER Organization 2011)

I metodi consolidati per il controllo di queste turbolenze magnetofluidodinamiche consentono un buon controllo dei tempi e dell'ampiezza delle oscillazioni delle MHD, ma sono fortemente "energivori" e riducono altrettanto significativamente l'efficienza del reattore.

Ora un gruppo di ricercatori dell'École Polytechnique Fédérale di Losanna (EPFL) è riuscito a sviluppare un metodo alternativo di controllo delle MHD, descritto in un articolo pubblicato su "Nature Communications" che promette di poter migliorare significativamente la situazione.

I ricercatori hanno sfruttato alcune recenti acquisizioni teoriche sviluppate nell'ambito della magnetofluidodinamica spaziale per mettere a punto sofisticate tecniche di ingegnerizzazione dello spazio delle fasi per applicarle con successo nel Joint European Torus. Manipolando i sistemi ausiliari di riscaldamento degli ioni è infatti possibile creare nuove popolazioni di ioni energetici che possono essere utilizzate per evitare, creando opportune asimmetrie, la formazione di quelle "isole" di campo magnetico generate dalle popolazioni anomale di ioni che si formano spontaneamente, consentendo un funzionamento più sicuro e un rendimento energetico superiore.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit