Text Size
Giovedì, Aprile 26, 2018
Scienza e Futuro Un nuovo passo verso la fusione nucleare. Il controllo delle MHD

Gas intergalattico, le nuove fotocamere spaziali e l'ultimo saluto allo Shuttle

Materia oscura ed energia oscura: insieme costituiscono il 95% dell’Universo.Solo il rimanente 5% è dato da protoni, neutroni ed elettroni, la cosiddetta materia ordinaria di cui sono fatti stelle ...

L' incredibile resistenza del DNA alle dure condizioni del volo spaziale

La presenza di DNA in campioni provenienti dallo spazio è un indicatore prezioso per chi deve stabilire la presenza di forme di vita extrarrestre. Ma potrebbe resistere alle sollecitazioni di un via...

Il crash Ufo avvenuto e ripreso a Manitoba in Canada

Misteriose luci sono stati avvistate su Jackhead Booking Manitoba, in Canada la settimana scorsa. Ricercatori UFO sospettano che ci sia stato un incidente UFO in Lake Winnipeg in quanto delle forze ...

Il dito e la mano fossile di 100 milioni di anni

Homo "Cambrianensis"... Vi starete di certo chiedendo cosa possa significare questo termine, la risposta è ovvia: niente! Nello studio delle ere geologiche si definisce "cambriano" lo strato in cui ...

Il piccolo asteroide che sfiorerà la Terra, il superammasso di Galassie dove ci troviano noi stessi e lo strano comportamento della magnetosfera

Un “piccolo” asteroide, soprannominato 2014 RC, passerà molto vicino alla Terra domenica prossima, 7 settembre, ma non ci saranno rischi per il nostro pianeta. Al momento del massimo avvicinamento,...

I raggi cosmici da sorgenti galattiche, la galassia nana più distante mai analizzata e la nube a 8 mila anni luce da noi scoperta da Hubble

La maggior parte dei raggi cosmici che rileviamo da Terra sono stati prodotti in epoche relativamente recenti all’interno di ammassi di stelle vicini a noi. Questo è ciò che affermano i risultati ...

  • Gas intergalattico, le nuove fotocamere spaziali e l'ultimo saluto allo Shuttle


    Publish In: News Astronomia
  • L' incredibile resistenza del DNA alle dure condizioni del volo spaziale


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il crash Ufo avvenuto e ripreso a Manitoba in Canada


    Publish In: Le Prove
  • Il dito e la mano fossile di 100 milioni di anni


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Il piccolo asteroide che sfiorerà la Terra, il superammasso di Galassie dove ci troviano noi stessi e lo strano comportamento della magnetosfera


    Publish In: News Astronomia
  • I raggi cosmici da sorgenti galattiche, la galassia nana più distante mai analizzata e la nube a 8 mila anni luce da noi scoperta da Hubble


    Publish In: News Astronomia

Un nuovo passo verso la fusione nucleare. Il controllo delle MHD

Le prestazioni dei plasmi ottenuti con il sistema tokamak sono progressivamente migliorate, tanto che ci si aspetta che ITER, la macchina di nuova generazione attualmente in costruzione a Cadarache, in Francia, sia in grado di generare una quantità da energia da fusione nucleare fino a dieci volte superiore a quella necessaria ad accendere e mantenere in funzione la macchina.

Queste prestazioni dipendono dalla possibilità di ottimizzare diverse operazioni, fra cui il confinamento del plasma e il controllo delle instabilità magnetofluidodinamiche (MHD).

In particolare, il mancato tempestivo controllo di queste perturbazioni può determinare lo sviluppo di turbolenze più grandi che, se si verificassero ai bordi del flusso di plasma, possono portare al danneggiamento delle pareti del vano di contenimento del plasma.

Quando però le turbolenze si verificano nella parte centrale del plasma, possono innescare i cosiddetti neoclassical tearing modes (NTM), ossia instabilità resistive che rompono le linee di campo magnetico per poi riconnetterle in modo anomalo, portando alla formazione di "isole" di campo magnetico, che incidono fortemente sulla possibilità di generazione di energia. Queste turbolenze sono innescate da ioni molto energetici, tra cui le particelle alfa (nuclei di elio-4) che si creano in seguito ai processi di fusione.

Un nuovo modo per stabilizzare il plasma nei reattori a fusione

La struttura del Tokamak ITER (Cortesia ITER Organization 2011)

I metodi consolidati per il controllo di queste turbolenze magnetofluidodinamiche consentono un buon controllo dei tempi e dell'ampiezza delle oscillazioni delle MHD, ma sono fortemente "energivori" e riducono altrettanto significativamente l'efficienza del reattore.

Ora un gruppo di ricercatori dell'École Polytechnique Fédérale di Losanna (EPFL) è riuscito a sviluppare un metodo alternativo di controllo delle MHD, descritto in un articolo pubblicato su "Nature Communications" che promette di poter migliorare significativamente la situazione.

I ricercatori hanno sfruttato alcune recenti acquisizioni teoriche sviluppate nell'ambito della magnetofluidodinamica spaziale per mettere a punto sofisticate tecniche di ingegnerizzazione dello spazio delle fasi per applicarle con successo nel Joint European Torus. Manipolando i sistemi ausiliari di riscaldamento degli ioni è infatti possibile creare nuove popolazioni di ioni energetici che possono essere utilizzate per evitare, creando opportune asimmetrie, la formazione di quelle "isole" di campo magnetico generate dalle popolazioni anomale di ioni che si formano spontaneamente, consentendo un funzionamento più sicuro e un rendimento energetico superiore.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit