Text Size
Domenica, Ottobre 20, 2019
Scienza e Futuro Un nuovo passo verso la fusione nucleare. Il controllo delle MHD

Trovata la prima stella supergigante ibrida, Due pianeti per una stella velocissima e l'immagine più profonda, dettagliata e colorata dell'Univers

Immaginate di dovere identificare che tipo di motore possiede un’automobile, senza sbirciare sotto il cofano, utilizzando solo delle analisi chimiche. Con ogni probabilità, dalla composizione dei ...

Il video dell'Ufo che è atterrato in Giappone

Il filmato qui sotto è considerato dai giapponesi appassionati di UFO come il video più avvincente mai preso in Giappone di quello che potrebbe benissimo essere un veicolo spaziale di origine extrat...

Lo studio sui mini buchi neri,il pianeta sopravvissuto alla sua Stella ed il monitoraggio delle Lune del Sistema Solare

Secondo uno studio dell’Università di Pricenton i mini buchi neri non sarebbero poi così pericolosi. Anche se dovessero colpirci, si limiterebbero ad attraversare la Terra da parte a parte, senza f...

La super tempesta extra solare, la spazzatura spaziale e il telescopio censurato

Una supertempesta su un lontano pianeta extrasolare: un evento individuato per la prima volta grazie a uno strumento che promette importanti risultati. Lo strumento è un nuovo spettrografo montato ...

I segreti Nasa sugli UFO violati da un hacker inglese

 LONDRA. Con la frangetta scura e gli occhi a mandorla, ha l'aria vagamente stranita di Mister Spock. Il che non stona più di tanto, visto che Gary McKinnon, lo hacker che gli Stati Uniti accusano di ...

La prima integrazione tra circuiti nervosi ed elettronici

Una ricerca  mostra che è possibile far crescere i neuriti delle cellule nervose all'interno di sottili nanotubi in materiale semiconduttore a base di silicio e germanio Creare un embrio...

  • Trovata la prima stella supergigante ibrida, Due pianeti per una stella velocissima e l'immagine più profonda, dettagliata e colorata dell'Univers


    Publish In: News Astronomia
  • Il video dell'Ufo che è atterrato in Giappone


    Publish In: Le Prove
  • Lo studio sui mini buchi neri,il pianeta sopravvissuto alla sua Stella ed il monitoraggio delle Lune del Sistema Solare


    Publish In: News Astronomia
  • La super tempesta extra solare, la spazzatura spaziale e il telescopio censurato


    Publish In: News Astronomia
  • I segreti Nasa sugli UFO violati da un hacker inglese


    Publish In: Le Prove
  • La prima integrazione tra circuiti nervosi ed elettronici


    Publish In: Scienza e Futuro

Un nuovo passo verso la fusione nucleare. Il controllo delle MHD

Le prestazioni dei plasmi ottenuti con il sistema tokamak sono progressivamente migliorate, tanto che ci si aspetta che ITER, la macchina di nuova generazione attualmente in costruzione a Cadarache, in Francia, sia in grado di generare una quantità da energia da fusione nucleare fino a dieci volte superiore a quella necessaria ad accendere e mantenere in funzione la macchina.

Queste prestazioni dipendono dalla possibilità di ottimizzare diverse operazioni, fra cui il confinamento del plasma e il controllo delle instabilità magnetofluidodinamiche (MHD).

In particolare, il mancato tempestivo controllo di queste perturbazioni può determinare lo sviluppo di turbolenze più grandi che, se si verificassero ai bordi del flusso di plasma, possono portare al danneggiamento delle pareti del vano di contenimento del plasma.

Quando però le turbolenze si verificano nella parte centrale del plasma, possono innescare i cosiddetti neoclassical tearing modes (NTM), ossia instabilità resistive che rompono le linee di campo magnetico per poi riconnetterle in modo anomalo, portando alla formazione di "isole" di campo magnetico, che incidono fortemente sulla possibilità di generazione di energia. Queste turbolenze sono innescate da ioni molto energetici, tra cui le particelle alfa (nuclei di elio-4) che si creano in seguito ai processi di fusione.

Un nuovo modo per stabilizzare il plasma nei reattori a fusione

La struttura del Tokamak ITER (Cortesia ITER Organization 2011)

I metodi consolidati per il controllo di queste turbolenze magnetofluidodinamiche consentono un buon controllo dei tempi e dell'ampiezza delle oscillazioni delle MHD, ma sono fortemente "energivori" e riducono altrettanto significativamente l'efficienza del reattore.

Ora un gruppo di ricercatori dell'École Polytechnique Fédérale di Losanna (EPFL) è riuscito a sviluppare un metodo alternativo di controllo delle MHD, descritto in un articolo pubblicato su "Nature Communications" che promette di poter migliorare significativamente la situazione.

I ricercatori hanno sfruttato alcune recenti acquisizioni teoriche sviluppate nell'ambito della magnetofluidodinamica spaziale per mettere a punto sofisticate tecniche di ingegnerizzazione dello spazio delle fasi per applicarle con successo nel Joint European Torus. Manipolando i sistemi ausiliari di riscaldamento degli ioni è infatti possibile creare nuove popolazioni di ioni energetici che possono essere utilizzate per evitare, creando opportune asimmetrie, la formazione di quelle "isole" di campo magnetico generate dalle popolazioni anomale di ioni che si formano spontaneamente, consentendo un funzionamento più sicuro e un rendimento energetico superiore.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit