Text Size
Domenica, Ottobre 20, 2019
Scienza e Futuro Creata la prima batteria nanoscopica

I nuovi calcoli per la fascia di abitabilità dei pianeti, la strana tempesta di Saturno ed il fenomeno precusore delle supernovae IIn

La ricerca di nuovi pianeti abitabili si complica. Va infatti rivista la posizione della cosidetta fascia di abitalità, ovvero la distanza giusta che un pianeta deve avere dalla sua stella per ess...

Il meteorite marziano, nuove scoperte sul Sole e il Blackout su Marte

Torna alla ribalta il meteorite di origine marziana che proverebbe la presenza di forme elementari di vita nel passato del pianeta rosso. ALH 84001, questa la sua sigla, divenne famoso 13 anni fa, q...

Cosa occorre agli astronauti per andare nello spazio

Tutte le missioni spaziali con uomini a bordo richiedono i requisiti minimi per la sopravvivenza degli astronauti, i quali si trovano a vivere in un ambiente ostile come lo spazio. Per questo moti...

I due Ufo che decollavano dalla Luna durante l'eclissi solare

Durante l'eclissi solare, avvenuta parzialmente anche in Italia, molti hanno deciso di filmare l'evento raro. In uno di questi video sono state notate diverse anomalie, infatti durante l'eclissi sol...

Lo scontro galattico immortalato da Hubble, i proiettili di dimensioni planetarie scagliati da un buco nero e lo studio dei pesci per i problemi legati lla microgravità

Solo lo spazio profondo può offrirci delle immagini così mozzafiato, come questa “macchia” luminosa a oltre un miliardo di anni luce di distanza da noi. Si tratta di IRAS 14348-1447, il risultato...

Roberto Giacobbo spiega il 2012

Roberto Giacobbo, noto presentatore televisivo del programma Voyager e appassionato di archeologia, spiega e unisce le varie teorie del 2012 unendo le profezie di varie culture, non assolutamente a co...

  • I nuovi calcoli per la fascia di abitabilità dei pianeti, la strana tempesta di Saturno ed il fenomeno precusore delle supernovae IIn


    Publish In: News Astronomia
  • Il meteorite marziano, nuove scoperte sul Sole e il Blackout su Marte


    Publish In: News Astronomia
  • Cosa occorre agli astronauti per andare nello spazio


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • I due Ufo che decollavano dalla Luna durante l'eclissi solare


    Publish In: Le Prove
  • Lo scontro galattico immortalato da Hubble, i proiettili di dimensioni planetarie scagliati da un buco nero e lo studio dei pesci per i problemi legati lla microgravità


    Publish In: News Astronomia
  • Roberto Giacobbo spiega il 2012


    Publish In: Profezie passate e future

Creata la prima batteria nanoscopica

Il prototipo di una batteria agli ioni di litio delle dimensioni di un nanofilo è stata realizzata da un gruppo di ricercatori della Rice University, che la descrivono in un articolo pubblicato sulla rivista Nano Letters dell'American Chemical Society.

Le batterie sperimentali così ottenute sono alte 50 micron - circa il diametro di un capello umano e quasi invisibile se visti di taglio. Teoricamente, questi dispositivi di accumulo di energia possono essere assemblati in schiere e collegati in modo perfettamente scalabile. Questi dispositivi potrebbero trovare impiego come fonte di alimentazione ricaricabile per le nuove generazioni di strumenti nanoelettronici.

I ricercatori, che si dedicano al progetto da anni, avevano riferito della creazione di una prima nano-batteria lo scorso dicembre. Ora, migliorando la tecnica di produzione sono riusciti a portare il catodi all'interno degli stessi nanofili, affogati in una matrice di ossido di polietilene che funge sia da gel elettrolitico in cui sono immagazzinati ioni litio, sia da isolante fra i vari nanofili.

"L'idea è quella di fabbricare dispositivi di accumulo a nanofili ultrasottili con la separazione tra gli elettrodi a scala nanometrica", ha detto Arava Leela Mohana Reddy, co-autore della ricerca. "Questo influenza il comportamento elettrochimico del dispositivo."

I dispositivi mostrano buona capacità, ma i ricercatori stanno cercando di mettere a punto nuovi materiali che consentano di aumentarne la capacità di carica e scarica, che attualmente diminuisce dopo una ventina di cicli.

"C'è molto da fare per ottimizzare i dispositivi in termini di prestazioni", ha detto l'autore principale dello studio, Sanketh Gowda.

"L'ottimizzazione del separatore polimerico e il suo spessore e l'esplorazione di diversi sistemi di elettrodi potrebbe portare a notevoli miglioramenti."


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit