Text Size
Martedì, Marzo 02, 2021
Scienza e Futuro Il mistero dell'antico campo magnetico della Luna

Un altro passo verso l'immortalità. Topi di laboratorio ringiovaniti artificialmente

Il tempo è tornato indietro, per un gruppo di topolini del Salk Insitute in California. Dopo essere diventati anziani, gli scienziati sono riusciti a farli ringiovanire. L’estensione della loro v...

Il ritardo magnetico del Sole, la scoperta di 19 asteroidi vicini e il cielo controllato dalla Nasa

Dopo un periodo di calma durato più del previsto, il Sole sta entrando nella nuova fase di massima attività. Sono però rimasti i dubbi sul perché di questo ritardo che, va detto, non è stato né il ...

Tre Ufo in formazione filmati mentre sorvolano Quebec in Canada

In Quebec, in Canada mentre dei viaggiatori percorrevano l'autastrada, hanno notato qualcosa di insolito nel cielo ed hanno ben pensato di filmarlo. Nei cieli canadesi, in quel momento, stavano pass...

Gli ufo fotografati nel 1941 nell'artico da un sottomarino americano

Fotografie di un UFO, anzi tecnicamente un USO (oggetti sottomarini non identificati), scattate da un sottomarino della marina militare USA nel 1971? È il nuovo giallo a sfondo ufologico che tiene b...

Benjamin Solari Parravicini. L'uomo che disegnava il futuro

L'11 Settembre del 2001 l'umanità rimase commossa per un avvenimento inaspettato dalle caratteristiche orrende. In un attentato, le torri gemelle di New York furono colpite da aerei di l...

Nuove scoperte sull'asteroide Scheila, la stella con due braccia e il festival della scienza

In questo numero: risolto il caso dell'asteroide che sembra una cometa. E ancora: la stella con le braccia e l'astrofisica al Festival della Scienza  

  • Un altro passo verso l'immortalità. Topi di laboratorio ringiovaniti artificialmente


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il ritardo magnetico del Sole, la scoperta di 19 asteroidi vicini e il cielo controllato dalla Nasa


    Publish In: News Astronomia
  • Tre Ufo in formazione filmati mentre sorvolano Quebec in Canada


    Publish In: Le Prove
  • Gli ufo fotografati nel 1941 nell'artico da un sottomarino americano


    Publish In: Le Prove
  • Benjamin Solari Parravicini. L'uomo che disegnava il futuro


    Publish In: Profezie passate e future
  • Nuove scoperte sull'asteroide Scheila, la stella con due braccia e il festival della scienza


    Publish In: News Astronomia

Il mistero dell'antico campo magnetico della Luna


A differenza della Terra, la Luna non possiede un campo magnetico; tuttavia, come è stato rilevato fin dalle prime missioni Apollo sul nostro satellite, sulla sua superficie sono presenti rocce magnetizzate. L’enigma di questa presenza potrebbe essere ora finalmente dissolto da una ipotesi sviluppata da ricercatori dell’Università della California a Santa Cruz e del California Institute of Technology, ora descritta in un articolo pubblicato sulla rivista “Nature”.

La geodinamo che genera il campo magnetico terrestre è alimentata dal calore del nucleo interno, che determina movimenti complessi nel fluido costituito da ferro fuso del nucleo esterno. La Luna, però, è troppo piccola per supportare questo tipo di dinamo, spiega Christina Dwyer, che ha partecipato allo studio, e deve quindi esserci stato un meccanismo alternativo.

All'inizio della sua storia, la Luna, che continua anche oggi ad allontanarsi progressivamente dalla Terra, orbitava intorno alla Terra a una distanza molto inferiore a quella odierna. A distanza ravvicinata, le interazioni di marea tra la Terra e la Luna avrebbero fatto sì che il mantello del nostro satellite ruotasse in modo leggermente diverso da quello del suo nucleo. Proprio questo movimento differenziale avrebbe indotto nel nucleo un rimescolamento in grado, almeno stando alle previsioni teoriche, di dar luogo a una dinamo magnetica.

"Mentre gira su se stessa, la Luna oscilla un poco in quello che si chiama moto di precessione. Ma il nucleo è liquido e non compie esattamente la stessa precessione. Così il mantello nel suo andirivieni rispetto al nucleo, ne ‘solleva’ delle parti", ha spiegato Francis Nimmo, che ha diretto la ricerca, richiamando l’immagine di un impasto per torta sbattuto con un cucchiaio in una terrina.

Secondo i calcoli dei ricercatori, una dinamo lunare di questo tipo avrebbe potuto funzionare per almeno un miliardo di anni: “Più la Luna si allontana, più lenta diventa l'agitazione indotta, fino a che a certo punto la dinamo lunare si spegne", ha detto la Dwyer.

"Una delle cose belle del nostro modello è proprio che spiega come una dinamo lunare avrebbe potuto durare per un miliardo di anni", ha detto Nimmo. "Inoltre fa previsioni su come la forza del campo dovrebbe essere cambiata nel corso del tempo, così da essere potenzialmente verificabile disponendo di un numero sufficiente di osservazioni paleomagnetiche".


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit