Text Size
Domenica, Settembre 24, 2017
Scienza e Futuro Come assemblare un computer biologico

Gli ottimi risultati delle neuroprotesi elettriche "intelligenti"

Il movimento delle zampe posteriori di ratti paralizzati può essere ripristinato con una serie di impulsi elettrici trasmessi tramite elettrodi al sistema nervoso degli animali:lo ha dimostrato uno...

Hoia Baciu: il mistero della foresta rumena tra fantasmi, alieni, viaggi nel tempo e altro...

Hoia Baciu è una foresta che si trova al confine settentrionale della Romania, alla periferia di quel gioiello policulturale che è il comune di Cluj Napoca, nel cuore  della regione della Transilva...

Le rocce perfettamente scolpite fotografate da Curiosity su Marte

La nuova immagine registrata dalla MastCam del Curiosity Rover, ovvero la SOL 1448,  mostra uno strano oggetto con angoli definiti e linee rette, mezzo sepolto nel terreno. È questa la prova finale ...

Dalla Siria fino all'Arabia Saudita, il mistero delle "ruote di pietra"

Vengono considerate dagli archeologi come la versione mediorientale delle Linee di Nazca, i famosi pittogrammi giganti tracciati sul suolo del deserto del Perù. Gli archeologi impegnati nello ...

Avvistamento di una nave aliena nei pressi di Mercurio

È un oggetto enorme, delle dimensioni di un pianeta. È apparso sui monitor degli astronomi intenti ad analizzare le sequenze di un’espulsione di massa coronale diretta verso Mercurio. La sequenza è ...

L'enigma della collezione di oltre trecento petrosfere in Costa Rica. Chi le ha realizzate e perchè?

Uno dei misteri più difficili da decifrare è stato scoperto in Costa Rica, sull’Isla del Caño. Nel 1930, la United Fruit Company era intenta a piantare numerosi alberi di banane nella regione, ...

  • Gli ottimi risultati delle neuroprotesi elettriche "intelligenti"


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Hoia Baciu: il mistero della foresta rumena tra fantasmi, alieni, viaggi nel tempo e altro...


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Le rocce perfettamente scolpite fotografate da Curiosity su Marte


    Publish In: Le Prove
  • Dalla Siria fino all'Arabia Saudita, il mistero delle "ruote di pietra"


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Avvistamento di una nave aliena nei pressi di Mercurio


    Publish In: Le Prove
  • L'enigma della collezione di oltre trecento petrosfere in Costa Rica. Chi le ha realizzate e perchè?


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Come assemblare un computer biologico

La possibilità di utilizzare batteri e filamenti di DNA come componenti modulari di un circuito apre le porte all'elaborazione digitale biologica dell'informazione

Componenti modulari per la costruzione di nuovi dispositivi digitali batterici e a DNA sono stati ottenuti da un gruppo di ricercatori dell'Imperial College di Londra, che ne danno notizia in un articolo pubblicato su Nature Communications. In particolare, lo studio ha mostrato l'effettiva possibilità di creare e assemblare porte logiche - gli elementi di base di qualsiasi circuito destinato all'elaborazione digitale dell'informazione - sfruttando batteri (E. coli) e filamenti di DNA.

Precedenti ricerche avevano già mostrato che è possibile creare porte logiche biologiche, ma l'attuale ricerca ha dimostrato che è possibile costruirle in modo che si comportino in modo del tutto simile a quello dei corrispettivi circuiti elettronici e, soprattutto, che è possibile farlo in modo perfettamente modulare: le nuove porte biologiche possono essere agevolmente collegate permettendo l'assemblaggio di processori biologici complessi. I ricercatori sono infatti riusciti a mostrare come le porte logiche biologiche possano essere collegate tra loro per formare componenti più complessi in un modo simile a quello dei componenti elettronici, a partire dalla combinazione di una porta "NOT" con una porta "AND" per ottenere il più complesso operatore "NAND".

"Le porte logiche sono gli elementi costitutivi fondamentali dei circuiti in silicio su cui si basa la nostra epoca digitale. Senza di loro, non siamo in grado di elaborare l'informazione digitale. Ora che abbiamo dimostrato che possiamo replicare queste parti utilizzando batteri e DNA, speriamo che il nostro lavoro possa condurre a una nuova generazione di processori biologici, le cui applicazioni all'elaborazione delle informazioni potrebbero essere importanti quanto i loro equivalenti elettronici", ha detto Richard Kitney.

In futuro, dispositivi di questo tipo potrebbero essere utilizzati come sensori iniettati nel flusso sanguigno per rilevare la presenza di placche aterosclerotiche, individuare e distruggere cellule tumorali, rilasciare farmaci, oppure essere impiegati per la rilevazione di inquinanti nell'ambiente.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
www.prestitionline.it
jeux gratuit