Text Size
Lunedì, Luglio 24, 2017
Scienza e Futuro Alma, il telescopio più grande mai costruito dall'uomo

Aerei provano ad intercettare un Ufo in volo a Nuova Zagora in Bulgaria

Le immagini che vi presentiamo sono sensazionali e mostrano un’azione di scramble e conseguente tentativo di intercettazione da parte di due caccia da combattimento bulgari nei confronti di un UFO....

Sts-114, la missione Nasa che riconobbe ufficialmente un Ufo

STS-114 è il codice della missione spaziale svolta dallo Space Shuttle Discovery a partire dal 26 luglio2005. I media di tutto il mondo hanno dato molto risalto a questa missione, perché è stata la p...

Il sistema binario studiato al millisecondo,le nuove immagini del misterioso esagono di Saturno e la spettrografia dell'Universo primordiale

Un astrofisico e un appassionato di astronomia hanno unito le forze per rivelare dettagli intriganti di una particolare pulsar al millisecondo chiamata PSR J1723−2837. Questa pulsar fa parte di un ...

Nikola Tesla ed i segnali radio alieni

Secondo Tesla, sulla Terra vivono da millenni creature di un altro pianeta; infiltrate tra noi, controllerebbero eventi e persone per guidare secondo un piano preciso l'evoluzione dell'umanità. S...

Tutti sulla Luna, discordie con la Nasa e i pianeti che sembrano ingrassare

“Stiamo per tornare tutti sulla Luna”. Con queste parole la NASA ha commentato il lancio del razzo Atlas 5 con a bordo due sonde che potrebbero decidere il futuro della colonizzazione spaziale. La pri...

Mistero Satelliti Pioneer anni '70

 Sono state lanciate agli inizi degli anni '70. E tutti si aspettavano che le sonde Pioneer avrebbero rivoluzionato le nostre conoscenze sul sistema solare e oltre, lanciandosi nel cuore del misterios...

  • Aerei provano ad intercettare un Ufo in volo a Nuova Zagora in Bulgaria


    Publish In: Le Prove
  • Sts-114, la missione Nasa che riconobbe ufficialmente un Ufo


    Publish In: Le Prove
  • Il sistema binario studiato al millisecondo,le nuove immagini del misterioso esagono di Saturno e la spettrografia dell'Universo primordiale


    Publish In: News Astronomia
  • Nikola Tesla ed i segnali radio alieni


    Publish In: Le Prove
  • Tutti sulla Luna, discordie con la Nasa e i pianeti che sembrano ingrassare


    Publish In: News Astronomia
  • Mistero Satelliti Pioneer anni '70


    Publish In: Tecnologia Spaziale

Alma, il telescopio più grande mai costruito dall'uomo


E' frutto di un'ampia collaborazione internazionale a cui ha partecipato direttamente l'Italia sia per la parte scientifica sia per quella industriale

Il più complesso osservatorio astronomico a terra, l'Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), è stato inaugurato ufficialmente sull'altopiano di Chajnantor, a 5000 metri di altitudine, nel nord del Cile, frutto di un'ampia collaborazione internazionale tra Europa, tramite l'ESO, il Nord America e il Giappone. Al progetto ha partecipato direttamente l'Italia sia per la parte scientifica sia per quella industriale.

“La “M” di ALMA sta per onde millimetriche/submillimetriche, perché ALMA osserva il cosmo in questa parte dello spettro elettromagnetico, con lunghezze d'onda molto più ampie rispetto a quelle del visibile”, ha spiegato Alison Peck, astonomo dell'NRAO che ha partecipato alla fase progettuale dell'osservatorio. “In questa parte dello spettro possiamo osservare la formazione planetaria, studiare l'astrochimica e rivelare la radiazione emessa dalle più distanti galassie, quelle che si formarono nelle fasi primordiali dell'universo”.


Al momento, saranno attive circa un terzo delle 66 radioantenne previste dal progetto, separate al massimo da una distanza di 125 metri, invece che del massimo previsto di 16 chilometri.

“Anche in questa sua prima fase a operatività limitata, ALMA supera in prestazioni tutti gli array per l'osservazione nelle onde submillimetriche: si tratta di una pietra miliare posata grazie al contributo di numerosi scienziati e ingegneri di tutto il mondo”, ha sottolineato Tim de Zeeuw, direttore generale dell'ESO, partner europeo di ALMA.

Negli ultimi mesi, il gruppo di astronomi di ALMA è stato impegnato nella preparazione della prima serie di osservazioni scientifiche, note come Early Science. Uno dei risultati dei testi è la prima immagine ottenuta dal telescopio. con solo 12 antenne, che ritrae le galassie delle Antenne, una coppia di galassie che collidono con forme drasticamente distorte. Le immagini mostrano qualcosa che non può essere visto nel visibile: nubi di gas denso da cui si formeranno nuove stelle.

ALMA potrà accettare solo un centinaio di progetti scientifici per i primi mesi di Early Science dell'osservatorio, ma da tutto il mondo sono arrivate circa 900 proposte. Un numero di richieste nove volte superiore alle possibilità rappresenta un record assoluto per un telescopio.

“Stiamo vivendo un momento storico per la sicenza e in particolare per l'astronomia, e forse anche per l'evoluzione dell'umanità, perché stiamo utilizzando il più grande osservatorio mai costruito”, ha concluso Thijs de Graauw, direttore di ALMA.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit