Text Size
Domenica, Luglio 05, 2020
Scienza e Futuro Alma, il telescopio più grande mai costruito dall'uomo

L'enigma della sciamana dall’occhio d’oro. La protesi di 5.000 anni fa

Era alta una spanna più delle altre donne e non passava inosservata. Aveva tra i venticinque e i trent'anni, la fronte un po' sfuggente, il mento deciso e la pelle bruna. Si vedeva che era straniera...

Gli articoli più letti nel 2014

Il 2014 è stato un anno interessante e nel ringraziarvi di averci seguito, noi dello staff di Videomisteri, vi proponiamo di seguito gli articoli che sono stati più seguiti nel 2014. Buona navigazio...

L'esplosione di una stella di grandissima massa di 4 miliardi di anni fa, la fusione di due Galassie vista da Hubble e le stelle ai confini della nostra galassia incredibilmente lontane

E’ stato un lampo di raggi gamma lunghissimo, durato quasi sei ore quello avvenuto lo scorso 25 settembre e studiato da un team internazionale di ricercatori guidato da Luigi Piro, dell’INAF. Un’et...

Dimostrata ufficialmente dagli scienziati l'interfaccia cervello-macchina per azione complesse

La possibilità di creare interfacce cervello-macchina in grado di gestire movimenti complessi, che prevedono una successione articolata di singoli movimenti, è stata dimostrata da un gruppo di ricer...

Dopo 10 anni di successi Skype pensa alle chiamate in 3D

DIECI ANNI spaccati. Era infatti il 29 agosto del 2003 quando Niklas Zennström e Janus Friis hanno tirato fuori dal cilindro il software che è diventato un vero e proprio pezzo di vita per più di ...

L'ipotesi dell'energia oscura supera il primo test

Grazie allo strumento SHOES, l'incertezza sulla costante di Hubble è stata ridotta al 3,3 per cento, escludendo l'ipotesi alternativa a quella di una forza repulsiva tra le masse Grazie...

  • L'enigma della sciamana dall’occhio d’oro. La protesi di 5.000 anni fa


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Gli articoli più letti nel 2014


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • L'esplosione di una stella di grandissima massa di 4 miliardi di anni fa, la fusione di due Galassie vista da Hubble e le stelle ai confini della nostra galassia incredibilmente lontane


    Publish In: News Astronomia
  • Dimostrata ufficialmente dagli scienziati l'interfaccia cervello-macchina per azione complesse


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Dopo 10 anni di successi Skype pensa alle chiamate in 3D


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'ipotesi dell'energia oscura supera il primo test


    Publish In: Scienza e Futuro

Alma, il telescopio più grande mai costruito dall'uomo


E' frutto di un'ampia collaborazione internazionale a cui ha partecipato direttamente l'Italia sia per la parte scientifica sia per quella industriale

Il più complesso osservatorio astronomico a terra, l'Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), è stato inaugurato ufficialmente sull'altopiano di Chajnantor, a 5000 metri di altitudine, nel nord del Cile, frutto di un'ampia collaborazione internazionale tra Europa, tramite l'ESO, il Nord America e il Giappone. Al progetto ha partecipato direttamente l'Italia sia per la parte scientifica sia per quella industriale.

“La “M” di ALMA sta per onde millimetriche/submillimetriche, perché ALMA osserva il cosmo in questa parte dello spettro elettromagnetico, con lunghezze d'onda molto più ampie rispetto a quelle del visibile”, ha spiegato Alison Peck, astonomo dell'NRAO che ha partecipato alla fase progettuale dell'osservatorio. “In questa parte dello spettro possiamo osservare la formazione planetaria, studiare l'astrochimica e rivelare la radiazione emessa dalle più distanti galassie, quelle che si formarono nelle fasi primordiali dell'universo”.


Al momento, saranno attive circa un terzo delle 66 radioantenne previste dal progetto, separate al massimo da una distanza di 125 metri, invece che del massimo previsto di 16 chilometri.

“Anche in questa sua prima fase a operatività limitata, ALMA supera in prestazioni tutti gli array per l'osservazione nelle onde submillimetriche: si tratta di una pietra miliare posata grazie al contributo di numerosi scienziati e ingegneri di tutto il mondo”, ha sottolineato Tim de Zeeuw, direttore generale dell'ESO, partner europeo di ALMA.

Negli ultimi mesi, il gruppo di astronomi di ALMA è stato impegnato nella preparazione della prima serie di osservazioni scientifiche, note come Early Science. Uno dei risultati dei testi è la prima immagine ottenuta dal telescopio. con solo 12 antenne, che ritrae le galassie delle Antenne, una coppia di galassie che collidono con forme drasticamente distorte. Le immagini mostrano qualcosa che non può essere visto nel visibile: nubi di gas denso da cui si formeranno nuove stelle.

ALMA potrà accettare solo un centinaio di progetti scientifici per i primi mesi di Early Science dell'osservatorio, ma da tutto il mondo sono arrivate circa 900 proposte. Un numero di richieste nove volte superiore alle possibilità rappresenta un record assoluto per un telescopio.

“Stiamo vivendo un momento storico per la sicenza e in particolare per l'astronomia, e forse anche per l'evoluzione dell'umanità, perché stiamo utilizzando il più grande osservatorio mai costruito”, ha concluso Thijs de Graauw, direttore di ALMA.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit