Text Size
Venerdì, Novembre 17, 2017
Scienza e Futuro Alma, il telescopio più grande mai costruito dall'uomo

Il punto sulla missione Solar Orbiter, come comunicheremo con le navicelle interstellari e la prima mappa di Ganimede

Lo scudo solare velato di nero d’ossa L’antico pigmento nero derivato da ossa bruciate, usato già più di 30.000 anni fa nelle pitture rupestri, viene ora in soccorso alla tecnologia spaziale. Una...

Basi aliene sulla Luna e l'India

Il 14 Novembre l’India è riuscita a far atterrare una sonda spaziale sulla superficie lunare.La sonda era stata lanciata dal satellite Chandrayaan-1 (dal sanscrito “veicolo lunare”) e giunta ad un ce...

Il progetto ISIS: la grande piramide è una base aliena

Una delle ultime testimonianze della presenza aliena nel passato dell'umanità ci arriva dall Russia. La storia sembrerebbe un falso se non fosse supportato da un filmato che proverebbe la veridicità d...

I 14 robot più strani e innovativi creati finora dagli scienziati

Umani, disumani, super umani: comunque "bestiali", come appena usciti dalle pagine di un catalogo di creature immaginarie, eppure già in mezzo a noi. Ecco i robot del terzo millennio, macchine co...

Jelena Momcilov, la bambina calamita

Jelena Momcilov, 10 anni, è un piccola bambina Serba con una stranissima capacità. Le sue mani sono in grado di attrarre gli oggetti metallici. I medici non si spiegano come possa essere possibil...

Il cargo incenerito, il nuovo rover Curiosity e i 13 segnali dallo spazio

Riempito di spazzatura e lasciato bruciare nel suo rientro in atmosfera. E’ stata questa la fine del cargo giapponese della serie HTV: una fine ingloriosa solo in apparenza perché in realtà tutto si è...

  • Il punto sulla missione Solar Orbiter, come comunicheremo con le navicelle interstellari e la prima mappa di Ganimede


    Publish In: News Astronomia
  • Basi aliene sulla Luna e l'India


    Publish In: Le Prove
  • Il progetto ISIS: la grande piramide è una base aliena


    Publish In: Le Prove
  • I 14 robot più strani e innovativi creati finora dagli scienziati


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Jelena Momcilov, la bambina calamita


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il cargo incenerito, il nuovo rover Curiosity e i 13 segnali dallo spazio


    Publish In: News Astronomia

Alma, il telescopio più grande mai costruito dall'uomo


E' frutto di un'ampia collaborazione internazionale a cui ha partecipato direttamente l'Italia sia per la parte scientifica sia per quella industriale

Il più complesso osservatorio astronomico a terra, l'Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), è stato inaugurato ufficialmente sull'altopiano di Chajnantor, a 5000 metri di altitudine, nel nord del Cile, frutto di un'ampia collaborazione internazionale tra Europa, tramite l'ESO, il Nord America e il Giappone. Al progetto ha partecipato direttamente l'Italia sia per la parte scientifica sia per quella industriale.

“La “M” di ALMA sta per onde millimetriche/submillimetriche, perché ALMA osserva il cosmo in questa parte dello spettro elettromagnetico, con lunghezze d'onda molto più ampie rispetto a quelle del visibile”, ha spiegato Alison Peck, astonomo dell'NRAO che ha partecipato alla fase progettuale dell'osservatorio. “In questa parte dello spettro possiamo osservare la formazione planetaria, studiare l'astrochimica e rivelare la radiazione emessa dalle più distanti galassie, quelle che si formarono nelle fasi primordiali dell'universo”.


Al momento, saranno attive circa un terzo delle 66 radioantenne previste dal progetto, separate al massimo da una distanza di 125 metri, invece che del massimo previsto di 16 chilometri.

“Anche in questa sua prima fase a operatività limitata, ALMA supera in prestazioni tutti gli array per l'osservazione nelle onde submillimetriche: si tratta di una pietra miliare posata grazie al contributo di numerosi scienziati e ingegneri di tutto il mondo”, ha sottolineato Tim de Zeeuw, direttore generale dell'ESO, partner europeo di ALMA.

Negli ultimi mesi, il gruppo di astronomi di ALMA è stato impegnato nella preparazione della prima serie di osservazioni scientifiche, note come Early Science. Uno dei risultati dei testi è la prima immagine ottenuta dal telescopio. con solo 12 antenne, che ritrae le galassie delle Antenne, una coppia di galassie che collidono con forme drasticamente distorte. Le immagini mostrano qualcosa che non può essere visto nel visibile: nubi di gas denso da cui si formeranno nuove stelle.

ALMA potrà accettare solo un centinaio di progetti scientifici per i primi mesi di Early Science dell'osservatorio, ma da tutto il mondo sono arrivate circa 900 proposte. Un numero di richieste nove volte superiore alle possibilità rappresenta un record assoluto per un telescopio.

“Stiamo vivendo un momento storico per la sicenza e in particolare per l'astronomia, e forse anche per l'evoluzione dell'umanità, perché stiamo utilizzando il più grande osservatorio mai costruito”, ha concluso Thijs de Graauw, direttore di ALMA.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit