Text Size
Martedì, Maggio 30, 2017
Scienza e Futuro Nella futura interfaccia uomo-macchina useremo i transistor protonici

Il mistero dei sarcofagi giganti a Saqqara in Egitto

Situato sulla riva ovest del Nilo, a circa 30 km a sud de Il Cairo, si trova il sito di Saqqara, una delle aree funerarie più antiche e vaste di tutto l’antico Egitto. Sull’immensa necropoli t...

Le Piramidi in Bosnia

Diciamolo subito: anche se in questo viaggio parleremo di Piramidi, non siamo in Egitto. Alle mie spalle scorre infatti  la vita intensa della gente di Sarajevo. Sembra incredibile, ma solo pochi anni...

Storie di reincarnazione:il misterioso caso di Shanti Devi

Tra i fatti più clamorosi e meglio documentati a sostegno della reincarnazione, spicca il caso di Shanti Devi, riportato dal noto giornalista Svedese, Sture Lonnerstrad nel libro “Il Ritorno di Shan...

L'incredibile video della Nasa che riprende un essere alieno nello spazio aperto

Nel seguente incredibile filmato viene ripreso dalle telecamere della NASA della Stazione Spaziale Internazionale una strana entità,simile ad un pesce o ad un invertrebato che sembra attraversare se...

Invertiti i processi di invecchiamento, primi passi verso l'immortalità

Per la prima volta un gruppo di ricercatori del Dana-Farber Cancer Institute è riuscito a invertire parzialmente, in un gruppo di topi, i danni degenerativi correlati all'età, osservando u...

Archivi sugli Ufo aperti adesso anche in Nuova Zelanda

Roma, 22 dic. In Nuova Zelanda sono ora disponibili i file, compilati dalle autorità militari, in materia di avvistamenti degli Ufo. I documenti, si legge sul sito della Bbc, abbracciano un periodo ch...

  • Il mistero dei sarcofagi giganti a Saqqara in Egitto


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Le Piramidi in Bosnia


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Storie di reincarnazione:il misterioso caso di Shanti Devi


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'incredibile video della Nasa che riprende un essere alieno nello spazio aperto


    Publish In: Le Prove
  • Invertiti i processi di invecchiamento, primi passi verso l'immortalità


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Archivi sugli Ufo aperti adesso anche in Nuova Zelanda


    Publish In: Le Prove

Nella futura interfaccia uomo-macchina useremo i transistor protonici

Invece di sfruttare il trasporto di elettroni, il nuovo dispositivo utrilizza una corrente protonica, come avviene nella comunicazione cellulare

In pressoché tutti i dispositivi messi a punto dall'uomo, la comunicazione delle informazioni si basa sul trasporto di elettroni. Negli organismi viventi, questo compito è invece svolto o da ioni o da protoni: sono questi ad aprire e a chiudere i canali nella membrana cellulare per innescare i processi di "pompaggio" verso l'interno e l'esterno della cellula.

Ora un gruppo di ricercatori dell'Università di Washington è riuscito a mettere a punto un transistor che utilizza anch'esso protoni, creando un elemento chiave per la progettazione di dispositivi che possano comunicare direttamente con un organismo vivente.

I dispositivi per interfacciare il corpo umano e le più diverse apparecchiature sono studiati da molto tempo, ma "c'è sempre questo problema, una sfida, a livello di interfaccia: come fa un segnale elettronico a tradursi in un segnale ionico, o viceversa?" ha osservato Marco Rolandi, che con i colleghi firma un articolo pubblicato sulla rivista Nature Communications. "Abbiamo trovato un biomateriale che è molto efficiente nel condurre protoni, e permette di interfacciarsi con i sistemi viventi."

Il dispositivo utilizza una forma modificata del composto chitosano, originariamente estratto dal gladio di calamaro, una struttura vestigiale di quando i calamari possedevano una conchiglia. Il materiale è biocompatibile, è facilmente producibile e può essere riciclato da gusci di granchio e di gladi di calamari scartati dall'industria alimentare.

Il chitosano assorbe l'acqua e forma legami a idrogeno; in tal modo molti protoni sono in grado di saltare da un legame idrogeno a quello successivo.

Il prototipo messo a punto dai ricercatori è un transistor a effetto di campo, delle dimensioni di 5 micron, circa un ventesimo della larghezza di un capello umano.

"Nel nostro dispositivo grandi molecole ispirate alle strutture biologiche possono condurre protoni, e una corrente di protoni può essere accesa e spenta, in un modo che è del tutto analogo a una corrente elettronica di qualsiasi altro transistor a effetto di campo", ha detto Rolandi.

"Ora abbiamo un parallelo protonico dei circuiti elettronici che dobbiamo iniziare a comprenderea fondo", ha detto Rolandi.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit