Text Size
Lunedì, Febbraio 19, 2018
Scienza e Futuro Nella futura interfaccia uomo-macchina useremo i transistor protonici

Lo strano "oggetto" filmato in Olanda

Ufo in Olanda? Non possiamo di certo affermare che lo strano oggetto scuro, ben visibile, sia un disco volante, ospitante chissà quale membro di un civiltà aliena. Ma di certo ciò che mostra è inquien...

Progetto Long Now: l'orologio che durerà 10000 anni

L'Orologio del Lungo Presente e detto anche Orologio dei 10.000 anni, è il progetto di orologio meccanico pensato per tenere il tempo per i prossimi 10.000 anni. Il progetto è parte della Long Now F...

Real mistery: il soldato americano che esce dallo stato invisibile e sale su un carro armato

Durante una missione americana in Iraq un civile del posto riprende qualcosa davvero di insolito. Infatti si vedono prima dei civili che scappano e poi, dopo alcuni minuti, dei carri armati che si a...

L'enorme capacità di memoria del cervello continua a sorprendere gli scienziati

Sopresa: la capacità di memoria del cervello può essere fino a 10 volte maggiore di quanto si pensasse. Sono i risultati di nuovo studio condotto da un gruppo di scienziati del Salk Institute for ...

Ecco il ricercatore che è riuscito a registrare il volto e la voce di uno spirito nel tunnel di Drakelow, Inghilterra.

Dopo anni di ricerche, Anthony Mark, investigatore del paranormale trentenne, è riuscito nel suo intento: catturare l’immagine di un fantasma in un video. L’incontro con lo ‘spirito errante’ ...

L'esplosione di una stella di grandissima massa di 4 miliardi di anni fa, la fusione di due Galassie vista da Hubble e le stelle ai confini della nostra galassia incredibilmente lontane

E’ stato un lampo di raggi gamma lunghissimo, durato quasi sei ore quello avvenuto lo scorso 25 settembre e studiato da un team internazionale di ricercatori guidato da Luigi Piro, dell’INAF. Un’et...

  • Lo strano "oggetto" filmato in Olanda


    Publish In: Le Prove
  • Progetto Long Now: l'orologio che durerà 10000 anni


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Real mistery: il soldato americano che esce dallo stato invisibile e sale su un carro armato


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'enorme capacità di memoria del cervello continua a sorprendere gli scienziati


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Ecco il ricercatore che è riuscito a registrare il volto e la voce di uno spirito nel tunnel di Drakelow, Inghilterra.


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'esplosione di una stella di grandissima massa di 4 miliardi di anni fa, la fusione di due Galassie vista da Hubble e le stelle ai confini della nostra galassia incredibilmente lontane


    Publish In: News Astronomia

Nella futura interfaccia uomo-macchina useremo i transistor protonici

Invece di sfruttare il trasporto di elettroni, il nuovo dispositivo utrilizza una corrente protonica, come avviene nella comunicazione cellulare

In pressoché tutti i dispositivi messi a punto dall'uomo, la comunicazione delle informazioni si basa sul trasporto di elettroni. Negli organismi viventi, questo compito è invece svolto o da ioni o da protoni: sono questi ad aprire e a chiudere i canali nella membrana cellulare per innescare i processi di "pompaggio" verso l'interno e l'esterno della cellula.

Ora un gruppo di ricercatori dell'Università di Washington è riuscito a mettere a punto un transistor che utilizza anch'esso protoni, creando un elemento chiave per la progettazione di dispositivi che possano comunicare direttamente con un organismo vivente.

I dispositivi per interfacciare il corpo umano e le più diverse apparecchiature sono studiati da molto tempo, ma "c'è sempre questo problema, una sfida, a livello di interfaccia: come fa un segnale elettronico a tradursi in un segnale ionico, o viceversa?" ha osservato Marco Rolandi, che con i colleghi firma un articolo pubblicato sulla rivista Nature Communications. "Abbiamo trovato un biomateriale che è molto efficiente nel condurre protoni, e permette di interfacciarsi con i sistemi viventi."

Il dispositivo utilizza una forma modificata del composto chitosano, originariamente estratto dal gladio di calamaro, una struttura vestigiale di quando i calamari possedevano una conchiglia. Il materiale è biocompatibile, è facilmente producibile e può essere riciclato da gusci di granchio e di gladi di calamari scartati dall'industria alimentare.

Il chitosano assorbe l'acqua e forma legami a idrogeno; in tal modo molti protoni sono in grado di saltare da un legame idrogeno a quello successivo.

Il prototipo messo a punto dai ricercatori è un transistor a effetto di campo, delle dimensioni di 5 micron, circa un ventesimo della larghezza di un capello umano.

"Nel nostro dispositivo grandi molecole ispirate alle strutture biologiche possono condurre protoni, e una corrente di protoni può essere accesa e spenta, in un modo che è del tutto analogo a una corrente elettronica di qualsiasi altro transistor a effetto di campo", ha detto Rolandi.

"Ora abbiamo un parallelo protonico dei circuiti elettronici che dobbiamo iniziare a comprenderea fondo", ha detto Rolandi.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit