Text Size
Mercoledì, Gennaio 17, 2018
Scienza e Futuro Costruito il primo motore molecolare elettrico

La strana colonna di Baalbek

Baalbek in Libano è uno dei siti archeologici più importanti del Vicino Oriente, dichiarato nel 1984 Patrimonio dell'Umanità dall' UNESCO. Si trova, in linea d'aria, a circa 65 km ad est di Beirut. Ba...

Come rendersi visibili in tutta la galassia, la firma della materia oscura e la scoperta di nuove stelle più vicine a noi

Siamo sicuri al 100 percento che se mai esistesse una civiltà aliena vorremmo essere trovati? Molto probabilmente sì, visto che uno dei principali obiettivi della comunità scientifica è quella di c...

L'incredibile Ufo avvistato a Brema che ha causato la cancellazione dei voli

Dagli anni ’50 l’esistenza degli Ufo ha inquietato o eccitato (a seconda delle personali reazioni) la fantasia popolare, con tanto di avvistamenti rivelatisi poi delle bufale. Al punto che ormai s...

La sonda autoreplicante di Von Neumann: il probabile metodo futuro che spianerà la strada delle stelle all'umanità

Ormai da diversi anni l'uomo conosce la difficoltà di raggiungere le stelle ed i pianeti, anche quelli più vicini. La soluzione per ovviare al problema non sembra vicino ma una soluzione potrebbe ve...

L'ipotesi dell'energia oscura supera il primo test

Grazie allo strumento SHOES, l'incertezza sulla costante di Hubble è stata ridotta al 3,3 per cento, escludendo l'ipotesi alternativa a quella di una forza repulsiva tra le masse Grazie...

Le foto scattate da google earth che mostrano una base aliena in Antartide ed un Ufo sotterrato nei ghiacci

Nelle foto scattate dal satellite dal colosso mondiale Google, le sorprese non cessano. In un foto satellitare di google earth sull'antartide si vedono delle specie di boccaporti di entrata e di usc...

  • La strana colonna di Baalbek


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Come rendersi visibili in tutta la galassia, la firma della materia oscura e la scoperta di nuove stelle più vicine a noi


    Publish In: News Astronomia
  • L'incredibile Ufo avvistato a Brema che ha causato la cancellazione dei voli


    Publish In: Le Prove
  • La sonda autoreplicante di Von Neumann: il probabile metodo futuro che spianerà la strada delle stelle all'umanità


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • L'ipotesi dell'energia oscura supera il primo test


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Le foto scattate da google earth che mostrano una base aliena in Antartide ed un Ufo sotterrato nei ghiacci


    Publish In: Le Prove

Costruito il primo motore molecolare elettrico

Costituito da una singola molecola, ha un diametro di un solo nanometro

Il primo motore elettrico costituito da una singola molecola è stato realizzato da un gruppo di ricercatori della Tufts University, uno sviluppo che potenzialmente può dare origine a una nuova classe di dispositivi sfruttabili in una vasta serie di applicazioni che vanno dalla medicina all'ingegneria.

Come riferiscono in un articolo pubblicato su Nature Nanotechnology, il motore ha un diametro di appena un nanometro: finora il più piccolo motore elettrico mai realizzato misurava 200 nanometri. Per confronto, lo spessore di un capello umano è di circa 60.000 nanometri.

"Ci sono stati progressi significativi nella costruzione di motori molecolari alimentati dalla luce e da reazioni chimiche, ma questa è la prima volta che è stata dimostrata la possibilità di un motore molecolare elettrico, di fornirgli energia in modo controllato e di fargli fare qualcosa che non sia solo casuale", spiega E. Charles H. Sykes, che ha diretto lo studio.

Sykes e colleghi sono stati in grado di controllare il motore molecolare a energia elettrica sfruttando un microscopio a scansione a effetto tunnel (LT-STM), che utilizza elettroni invece della luce di "vedere" le molecole.

I ricercatori hanno realizzato il motore con una molecola di metil-butil-solfuro collocata su una superficie di rame. Questa molecola contiene atomi di zolfo e idrogeno che si protendono come due bracci, con quatto molecole di carbonio da un lato e una dall'altro, che sono in grado di ruotare libreramente attorno al legame che si fortma fra lo zolfo e il rame.

I ricercatori hanno scoperto che controllando la temperatura della molecola potevano influire direttamente sulla velocità di rotazione. Per tracciare con accuratezza i movimenti del motore, i ricercatori hanno operato a 5 K, ma a temperature più elevate il motore gira molto più velocemente, una circostanza che potrà essere utile nelle applicazioni ma che rende difficile misurare le caratteristiche del motore stesso.

"Una volta che avremo una comprensione migliore delle temperature necessarie per fare funzionare questi motori, ci potrebbero essere concrete applicazioni nel campo dei sensori e dei dispositivi medici che coinvolgono piccoli tubi. A scale piccole l'attrito del liquido contro le pareti del tubo aumenta, e il flusso dei fluidi potrebbe essere reso più agevole rivestendo le pareti dei tubi con questi motori", ha detto Sykes. «Si potrebbero anche creare ingranaggi alle nanoscale."

Nel frattempo i ricercatori intendono sottoporre il loro motore al Guinness World Records.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit