Text Size
Lunedì, Agosto 19, 2019
Scienza e Futuro Costruito il primo motore molecolare elettrico

I giganteschi flussi di particelle cariche della nostra galassia, consigli per vedere il cielo di Gennaio ed il successo cinese della missione spaziale Chang’e 2

Che il centro della Via Lattea, la nostra Galassia, fosse alquanto turbolento era ben noto da tempo. Ma non che da quelle zone fuoriuscissero giganteschi flussi  di particelle cariche, veri e prop...

L'arca di Noah,uno dei più avanzati progetti al mondo di urbanistica ecosostenibile

Un team di architetti e designer americani rivisita il concetto di Arca di Noè e progetta un’immensa città galleggiante, ecologica autosufficiente e dotata di ogni comfort, in grado di mettere in sa...

Il mistero ancora irrisolto del guerriero di Capestrano

Nel lontano settembre del 1934, il signor Michele Castagna sta lavorando la sua terra non lontano da Capestrano, in Abruzzo. L’uomo non immagina di stare per diventare il protagonista di una dell...

I futuri muscoli artificiali saranno costruiti con le fibre polimeriche

Protesi ed esoscheletri degni di Terminator o Robocop potrebbero presto essere realizzati a costi contenuti e con l'ulteriore vantaggio di non pesare troppo. A dimostrarlo è un gruppo di ingegneri d...

Il video dell'Ufo ripreso dalla polizia britannica sul quotidiano The Sun

Secondo il quotidiano inglese The Sun, una pattuglia di Polizia, composta da due agenti, sono stati testimoni dell’avvistamento di un misterioso oggetto volante a forma di sigaro, avvenuto il 13 Se...

Nella giungla di Chiapas in Messico l'incredibile avvistamento di un ufo a forma di rombo

La regione messicana del Chiapas è famosa per i suoi siti archeologici, come ad esempio quello di Palenque o il sito archeologico di Bonampak, che si trova nella giungla, in provincia di Usumacinta...

  • I giganteschi flussi di particelle cariche della nostra galassia, consigli per vedere il cielo di Gennaio ed il successo cinese della missione spaziale Chang’e 2


    Publish In: News Astronomia
  • L'arca di Noah,uno dei più avanzati progetti al mondo di urbanistica ecosostenibile


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il mistero ancora irrisolto del guerriero di Capestrano


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • I futuri muscoli artificiali saranno costruiti con le fibre polimeriche


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il video dell'Ufo ripreso dalla polizia britannica sul quotidiano The Sun


    Publish In: Le Prove
  • Nella giungla di Chiapas in Messico l'incredibile avvistamento di un ufo a forma di rombo


    Publish In: Le Prove

Costruito il primo motore molecolare elettrico

Costituito da una singola molecola, ha un diametro di un solo nanometro

Il primo motore elettrico costituito da una singola molecola è stato realizzato da un gruppo di ricercatori della Tufts University, uno sviluppo che potenzialmente può dare origine a una nuova classe di dispositivi sfruttabili in una vasta serie di applicazioni che vanno dalla medicina all'ingegneria.

Come riferiscono in un articolo pubblicato su Nature Nanotechnology, il motore ha un diametro di appena un nanometro: finora il più piccolo motore elettrico mai realizzato misurava 200 nanometri. Per confronto, lo spessore di un capello umano è di circa 60.000 nanometri.

"Ci sono stati progressi significativi nella costruzione di motori molecolari alimentati dalla luce e da reazioni chimiche, ma questa è la prima volta che è stata dimostrata la possibilità di un motore molecolare elettrico, di fornirgli energia in modo controllato e di fargli fare qualcosa che non sia solo casuale", spiega E. Charles H. Sykes, che ha diretto lo studio.

Sykes e colleghi sono stati in grado di controllare il motore molecolare a energia elettrica sfruttando un microscopio a scansione a effetto tunnel (LT-STM), che utilizza elettroni invece della luce di "vedere" le molecole.

I ricercatori hanno realizzato il motore con una molecola di metil-butil-solfuro collocata su una superficie di rame. Questa molecola contiene atomi di zolfo e idrogeno che si protendono come due bracci, con quatto molecole di carbonio da un lato e una dall'altro, che sono in grado di ruotare libreramente attorno al legame che si fortma fra lo zolfo e il rame.

I ricercatori hanno scoperto che controllando la temperatura della molecola potevano influire direttamente sulla velocità di rotazione. Per tracciare con accuratezza i movimenti del motore, i ricercatori hanno operato a 5 K, ma a temperature più elevate il motore gira molto più velocemente, una circostanza che potrà essere utile nelle applicazioni ma che rende difficile misurare le caratteristiche del motore stesso.

"Una volta che avremo una comprensione migliore delle temperature necessarie per fare funzionare questi motori, ci potrebbero essere concrete applicazioni nel campo dei sensori e dei dispositivi medici che coinvolgono piccoli tubi. A scale piccole l'attrito del liquido contro le pareti del tubo aumenta, e il flusso dei fluidi potrebbe essere reso più agevole rivestendo le pareti dei tubi con questi motori", ha detto Sykes. «Si potrebbero anche creare ingranaggi alle nanoscale."

Nel frattempo i ricercatori intendono sottoporre il loro motore al Guinness World Records.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit