Text Size
Lunedì, Ottobre 16, 2017
Scienza e Futuro Gli elettroni allo stato liquido nel grafene

Bob Dean e la sua ipotesi sull'origine della razza umana

Gli alieni ci scrutano. Robert Dean, ex membro della Nasa ed ex sergente maggiore nella Nato, pare non avere dubbi. Dean, che quest'estate ha tenuto un convegno in Calabria, non ha esitato a dire...

Boyd Bushman, lo scienziato che lavorò nell'Area 51 su tecnologia aliena

Stanno circolando in questi giorni le rivelazioni su UFO e Area 51 fatte “in punto di morte” da Boyd Bushman, un rinomato scienziato che per conto di Lockheed Martin avrebbe eseguito dei test su ogge...

In futuro gli Hard Disk avranno 5 dimensioni

Un tempo erano i floppy disk. Poi sono arrivati cd-rom, dvd e blu-ray. E infine è stata la volta delle velocissime memorie allo stato solido (per non parlare del cloud storage e degli attesiss...

L'esplosione del razzo Falcon 9 di Spacex,l'apparizione delle prime stelle dell'Universo ed i problemi legati all'ipotetica orbita del IX pianeta

È arrivata la conferma di SpaceX via Twitter: c’è stata un’esplosione sulla piattaforma di lancio al Kennedy Space Center in Florida, dove l’azienda di Elon Musk stava preparando il lancio di un sat...

Benjamin Solari Parravicini. L'uomo che disegnava il futuro

L'11 Settembre del 2001 l'umanità rimase commossa per un avvenimento inaspettato dalle caratteristiche orrende. In un attentato, le torri gemelle di New York furono colpite da aerei di l...

Il triangolo del Nevada. L'area con più avvistamenti Ufo in assoluto

Una delle ultime scoperte in fatto di Ufo è la strana concentrazione di avvistamenti che avvengono in California vicino l'area 51 ma che si estende in un perimetro preciso fino al Nevada difatti  chia...

  • Bob Dean e la sua ipotesi sull'origine della razza umana


    Publish In: La Nostra Storia
  • Boyd Bushman, lo scienziato che lavorò nell'Area 51 su tecnologia aliena


    Publish In: Le Prove
  • In futuro gli Hard Disk avranno 5 dimensioni


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'esplosione del razzo Falcon 9 di Spacex,l'apparizione delle prime stelle dell'Universo ed i problemi legati all'ipotetica orbita del IX pianeta


    Publish In: News Astronomia
  • Benjamin Solari Parravicini. L'uomo che disegnava il futuro


    Publish In: Profezie passate e future
  • Il triangolo del Nevada. L'area con più avvistamenti Ufo in assoluto


    Publish In: Le Prove

Gli elettroni allo stato liquido nel grafene

Nel grafene a doppio strato purissimo è possibile osservare fasi "liquide" degli elettroni che promettono di avere importanti ricadute applicative e teoriche

Una forma insolita di comportamento degli elettroni nel grafene è stato osservato da un gruppo di ricercatori delle Università di Manchester, di Lancaster, di Nijmegen e Mosca - coordinati da Andre Geim e Kostya Novoselov, i vincitori del premio Nobel per la fisica del 2010 proprio per i loro studi sul grafene - che ne riferiscono in un articolo pubblicato su Science.

Nella maggior parte dei materiali conduttori, le correnti sono costituite da elettroni che si muovono liberamente come in un gas, indipendentemente l'uno dall'altro, un po' come una folla di persone che si spostano in una piazza affollata. A basse temperature, tuttavia, è possibile osservare delle fasi "liquide" degli elettroni, nelle quali il loro moto è coordinato, come quello di persone che camminano in gruppo. Questo comportamento fluido viene tuttavia facilmente distrutto dalle minuscole imperfezioni presenti nel reticolo cristallino del conduttore.

Nella loro ricerca, grazie alla realizzazione di strutture di grafene a doppio strato di altissima qualità preparate con un procedimento di deposizione a vuoto, i ricercatori sono ora riusciti a eliminare questi meccanismi di disturbo amplificando gli effetti di interazione fra elettroni.

In questo modo hanno potuto osservare e misurare le proprietà della corrente che fluiva nella struttura, rilevandone le singolari caratteristiche: essa non solo si comportava come un liquido ma anche, per certi aspetti, come un cristallo o, per la precisione, come un liquido "nematico".

La ragione di questa proprietà elettronica unica è che in questo materiale le quasiparticelle (le coppie di elettroni e lacune) che trasportano la corrente elettrica sono molto diverse da quelle di altri metalli, in quanto possiedono una simmetria chirale simile a quella che si osserva tra particelle e antiparticelle in fisica delle alte energie.

Il significato di questo tipo di scoperta sia dal punto di vista applicativo sia dal punto di vista teorico è illustrato in un articolo che verrà pubblicato sul numero di settembre di Le Scienze nel quale Vittorio Pellegrini e Marco Polini - ricercatori del National Enterprise for nano-Science and nanoTechnology (NEST) del CNR di Pisa e della Scuola normale superiore di Pisa - parlano anche dei loro studi che mirano a riprodurre la struttura del grafene in altri materiali, in modo da ottenere - fra l'altro- i simulatori quantistici immaginati da Richard Feynman, che permetterebbero di emulare le più complesse e affascinanti fasi della materia, con ulteriori importanti ricadute tecnologiche.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit