Text Size
Lunedì, Agosto 19, 2019
Scienza e Futuro Tramite le nuove osservazioni satellitari è stato risolto il mistero della corona solare

Alma, il telescopio più grande mai costruito dall'uomo

E' frutto di un'ampia collaborazione internazionale a cui ha partecipato direttamente l'Italia sia per la parte scientifica sia per quella industriale Il più complesso osservatorio...

L'incredibile velocità di rotazione della nana bruna J1122+25, la presenza di acqua nel recente passato di Cerere e la nuova scoperta che rende Marte sempre più simile alla Terra

Per la prima volta gli astronomi hanno rilevato quella che potrebbe essere la nana bruna ultra fredda con la velocità di rotazione più elevata. Si tratta di J1122+25 (nome esteso WISEPC J112254.73+2...

I strani volti di Bélmez

Volti di Bélmez (Caras de Bélmez in spagnolo) è il nome dato ad alcuni fenomeni paranormali, presentatisi per la prima volta in una casa di Bélmez de la Moraleda, paesino spagnolo di 3695 anime nella ...

I diamanti di Urano e Nettuno, le due lune gemelle e l'asteroide non intercettato

Diamanti e ancora diamanti, piccoli e grandi, che galleggiano su un oceano di carbonio liquido. Uno scenario da sogno che potrebbe trovarsi all’interno di Urano e Nettuno. Uno scenario ipotizzato do...

Il teologo che già nel medioevo ipotizzava gli Universi paralleli

Chi l’avrebbe detto che in pieno Medioevo, periodo storico non certo aperto alla scienza, sarebbero stati gettati, seppur involontariamente, i semi di una delle teorie oggi più avanzata e dibattut...

L'animazione sospesa è diventata realtà negli USA

NE' VIVI né morti per ben due ore. Dieci pazienti con ferite gravissime da coltello o arma da fuoco, una volta arrivati in ospedale, saranno posti in una condizione definita tecnicamente "animazi...

  • Alma, il telescopio più grande mai costruito dall'uomo


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'incredibile velocità di rotazione della nana bruna J1122+25, la presenza di acqua nel recente passato di Cerere e la nuova scoperta che rende Marte sempre più simile alla Terra


    Publish In: News Astronomia
  • I strani volti di Bélmez


    Publish In: Uomini e Misteri
  • I diamanti di Urano e Nettuno, le due lune gemelle e l'asteroide non intercettato


    Publish In: News Astronomia
  • Il teologo che già nel medioevo ipotizzava gli Universi paralleli


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'animazione sospesa è diventata realtà negli USA


    Publish In: Scienza e Futuro

Tramite le nuove osservazioni satellitari è stato risolto il mistero della corona solare

Le onde di Alfven sono un centinaio di volte più intense di quanto precedentemente stimato, con ampiezze di 20 chilometri al secondo.


Lo strato esterno dell'atmosfera solare, la corona, è 20 volte più caldo della sua superficie, ma finora la ragione di questa enorme differenza non era stata pienamente compresa. Un nuovo studio del National Center for Atmospheric Research (NCAR) ora colma la lacuna, grazie a una serie di rilevazioni da satellite.

Le analisi hanno mostrato infatti come le oscillazioni magnetiche che trasferiscono energia dalla superficie del Sole verso la corona sono molto più vigorose di quanto finora stimato: esse sono sufficientemente energetiche da riscaldare la corona e alimentare il vento solare, un flusso di particelle cariche emesso dal Sole in grado di influenzare l'intero sistema solare.

“Ora comprendiamo in che modo le masse di materiale ad alta temperatura possano fuoriuscire dall'interno del Sole, fornendo energia sufficiente a mantenere la corona a milioni di gradi di temperatura, e a proiettare il vento solare ad alta velocità”, ha commentato Scott McIntosh, ricercatore dell' High Altitude Observatory dell'NCAR e primo autore dello studio pubblicato su Nature. “Questa nuova ricerca ci aiuterà a risolvere misteri cruciali che riguardano l' energia emessa dal Sole in tutto il sistema solare”.

Il flusso di massa ed energia dal Sole influenza in particolare la quantità di radiazione ultravioletta che raggiunge la Terra. Esso alimenta anche i disturbi noti come tempeste geomagnetiche, che possono causare danni a un'ampia gamma di tecnologie, dalle telecomunicazioni alle trasmissioni elettriche.

Il nuovo studio si è focalizzato sul ruolo delle oscillazioni della corona note come onde di Alfven, nella dinamica dell'energia attraverso la corona.

Le onde di Alfven sono così chiamate in omaggio allo scienziato svedese Hannes Alfven, premio Nobel per la fisica nel 1970, che le descrisse nell'ambito dei suoi studi sulla la dinamica  dei fluidi elettricamente conduttori.

Nel 2007, quando sono state osservate direttamente nella corona solare per la prima volta, sono state riconosciute come il meccanismo di trasporto dell'energia verso l'esterno, lungo il campo magnetico del Sole in direzione della corona. Ma le osservazioni del 2007 mostravano ampiezze dell'ordine di 500 metri al secondo, un valore troppo limitato per riscaldare la corona a livelli tali da alimentare il vento solare.

Le nuove osservazioni satellitari invece mostrano che le onde di Alfven sono un centinaio di volte più intense di quanto precedentemente stimato, con ampiezze di 20 chilometri al secondo, sufficienti a riscaldare l'atmosfera estera del Sole fino a milioni di gradi e ad alimentare il vento solare.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit