Text Size
Lunedì, Agosto 19, 2019
Scienza e Futuro Il nuovo nanocomposto per catturare l'energia solare

I Vimana e un'antica esplosione nucleare

  La protoufologia è quella branca dell’ufologia che studia la possibilità che, anticamente, la Terra sia stata visitata da razze aliene. Che le interferenze con civilt...

Il prima passo scientifico alla crezione di una chimera. La nascita del primo embrione umano-maiale

PER la prima volta in laboratorio è stato sviluppato un embrione che è parte maiale e parte umano. L'esperimento, pubblicato sulla rivista scientifica Cell, è stato portato a termine da un team di ...

Le sorprese astronomiche rivelate dalla sonda Genesis,l'oceano di lava della luna IO e la scelta del progetto spaziale al Discovery Program

Sole e pianeti rocciosi come il nostro sono più diversi di quanto credevamo. Ce lo dicono le analisi di alcune particelle emesse dal Sole raccolte dalla sonda Genesis. Analisi che hanno rivelato un...

La stella più grande finora conosciuta, impatto di meteorite in Egitto e la nuova teoria del buco nero

E’ la stella più grande finora conosciuta. Al suo confronto il Sole appare come una biglia. La stella dista da noi 22mila anni luce e si trova all’interno di un ammasso contenente altre stelle giga...

Ghiaccio sulla Luna, Internet Interplanetario e i Pianeti in coppia

Il ghiaccio d’acqua sulla Luna per ora non si trova. La notizia giunge dall’Agenzia Spaziale Giapponese, dopo le analisi dei dati raccolti dalla sonda Kaguya. Poco meno di un mese fa, la sonda si era ...

I Grigi tipo 3

GRIGIO ALTO Altezza: 1.75-1.80 circa Pelle: grigio chiaro, oppure giallina diafana, a volte bianca, liscia o grinzosa. Muscolatura: esile, asciutta, l'ipotonicità muscolare è messa ancora più...

  • I Vimana e un'antica esplosione nucleare


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Il prima passo scientifico alla crezione di una chimera. La nascita del primo embrione umano-maiale


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Le sorprese astronomiche rivelate dalla sonda Genesis,l'oceano di lava della luna IO e la scelta del progetto spaziale al Discovery Program


    Publish In: News Astronomia
  • La stella più grande finora conosciuta, impatto di meteorite in Egitto e la nuova teoria del buco nero


    Publish In: News Astronomia
  • Ghiaccio sulla Luna, Internet Interplanetario e i Pianeti in coppia


    Publish In: News Astronomia
  • I Grigi tipo 3


    Publish In: Razze Aliene

Il nuovo nanocomposto per catturare l'energia solare

Il nuovo composto è più economico di quello contenente rutenio, ma consente una densità di energia stoccata 10.000 volte più alta

Un'innovativa applicazione dei nanotubi di carbonio sviluppata da un gruppo di ricercatori del MIT potrebbe rappresentare un approccio totalmente nuovo per immagazzinare l'energia solare.

Conservare l'energia in forma chimica, invece che convertirla in elettricità o conservarne direttamente il calore un un contenitore isolato, ha numerosi vantaggi, poiché consente di riutilizzarla anche molto tempo dopo, senza sprechi significativi.

L'immagazzinamento termochimico ha luogo quando una molecola cambia la sua struttura in risposta all'esposizione alla radiazione solare e rimane stabile in tale forma indefinitamente. Quando stimolata da un catalizzatore, da una variazione di temperatura o di luce, essa può rapidamente ritornare alla forma originaria rilasciando l' energia immagazinata.

Il problema con questo approccio è che le sostanze chimiche finora utilizzate per la conversione e l'immagazzinamento si degradano in pochi cicli o comprendono l'elemento rutenio, che è raro e costoso.

L'anno passato, Jeffrey Grossman mostrò in linea teorica come il composto fulvalene dirutenio fosse il miglior composto chimico per l'immagazzinamento reversibile dell'energia solare, poiché non si degrada col passare dei cicli. Pur non essendo direttamente utilizzabile a fini pratici, il risultato ha permesso una migliore comprensione del processo che ha consentito a sua volta ulteriori ricerche in questo campo.

Ora, Alexie Kolpak, allievo di Grossman, è arrivato a un risultato sorprendente, pubblicato sulla versione online della rivista Nano Letters, utilizzando nanotubi di carbonio, piccole strutture tubolari in carbonio puro, in combinazione con un composto denominato azobenzene. Le molecole risultati mostrano proprietà prima non raggiungibili, come ha spiegato Grossman.

Non solo questo nuovo composto è più economico di quello contenente rutenio, ma consente una densità di energia stoccata 10.000 volte più alta, avvicinandosi a quella delle batterie a ioni di litio attualmente utilizzate nell'elettronica di consumo.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit