Text Size
Martedì, Maggio 30, 2017
Scienza e Futuro La fotocamera più piccola del mondo

La supernova esplosa nel 1006 che illuminò la Terra, la quasi luna di Plutone e la cometa in avvicinamento scoperta da due russi

Ciò che rimane della supernova esplosa nel 1006 a causa della collisione di due nane bianche Per molti giorni, circa un millennio fa, è stato l’astro più luminoso del cielo. Solo ora però arriva...

La Lockheed presenta i primi progetti per i primi mini reattori nucleari a fusione

WASHINGTON - Piccoli reattori a fusione nucleare, che occupano solo pochi metri e che tra una decina d'anni potranno essere utilizzati come fonte di energia. Dopo quattro anni di lavoro segretiss...

Il video stupendo della Terra ripresa dalla ISS realizzato dalla NASA

Questo video presenta una serie di sequenze time lapse fotografati da parte dell'equipaggio Expedition 30 a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.Il brano musicale si intitola "Walking in the ...

Il misterioso morbo di Morgellons, quando la pelle produce strane fibre

Sembra una storia uscita dai nostri peggiori incubi, eppure è vera, e sta facendo ammattire i ricercatori in tutto il mondo, alle prese con un morbo tanto sconosciuto, quanto inquietante.Si tratta...

Le pareti interattive ed il futuro senza chiavi secondo Intel

Avremo ancora bisogno di monitor quando ogni superficie delle nostre case o dei nostri uffici potrebbe trasformarsi in un display interattivo che interpreta i nostri gesti?  Tom Cruise nel film Mi...

Il lato oscuro dell'Universo

La grande danza dello spazio alla ricerca della parte oscura dell’universo. I buchi neri, la materia oscura, l’energia oscura non saranno piú grandi misteri grazie alla ricerca che avanza e a telescop...

  • La supernova esplosa nel 1006 che illuminò la Terra, la quasi luna di Plutone e la cometa in avvicinamento scoperta da due russi


    Publish In: News Astronomia
  • La Lockheed presenta i primi progetti per i primi mini reattori nucleari a fusione


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il video stupendo della Terra ripresa dalla ISS realizzato dalla NASA


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • Il misterioso morbo di Morgellons, quando la pelle produce strane fibre


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Le pareti interattive ed il futuro senza chiavi secondo Intel


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il lato oscuro dell'Universo


    Publish In: L'Universo e il Sistema Solare

La fotocamera più piccola del mondo


La nuova camera potrebbe essere integrata in qualunque sistema elettronico a basso costo o in dispositivi per la rilevazione dell’angolo d’incidenza dei raggi solari o ancora in micro-robot

Non prevede né lenti né parti in movimento la nuova microfotocamera realizzata da Patrick Gill, ricercatore della Cornell University che potrebbe rivoluzionare diversi campi della ricerca scientifica, dalla chirurgia alla robotica.

Il dispositivo, che è stato battezzato Planar Fourier Capture Array (PFCA) perché il suo funzionamento è basato sui principi della trasformata di Fourier, viene descritto sull’ultimo numero della rivista Optics Letters. Con uno spessore di un centesimo di millimetro e una superficie di un quadrato di un millimetro e mezzo di lato, la camera è in grado di risolvere immagini di circa 20 pixel per lato, non certo adatta a ottenere immagini di alta qualità ma sufficiente per applicazioni particolari.

In effetti, Gill, che è impegnato anche in ricerche su come vengono attivati i neuroni in risposta ad alcuni stimoli, ha dato il via allo studio della fotocamera come progetto a latere di una ricerca più ampia per sviluppare sistemi impiantabili per l’imaging dell’attività cerebrale. Questo tipo di sistema di imaging potrebbe essere utile come parte di una sonda impiantabile per ottenere immagini  di specifici neuroni modificati per essere luminescenti quando sono attivati.

Per quanto riguarda il materiale di costruzione, la camera di Gill è solo un sottile strato di silicone dopato e visivamente appare come un minuscolo CD. Per questo costa solo pochi centesimi di dollaro.

I ricercatori della Cornell continueranno a lavorare per migliorare la risoluzione e l’efficienza della camera, ma ritengono che il suo principio di funzionamento potrà rivelarsi utile in molte applicazioni. Potrebbe essere integrata in qualunque sistema elettronico a basso costo, o in dispositivi per la rilevazione dell’angolo d’incidenza dei raggi solari o in micro-robot che necessitano di rudimentali sistemi di visione per muoversi autonomamente.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit