Text Size
Domenica, Dicembre 15, 2019
Scienza e Futuro La sostanza dell'isola di Pasqua che ci permetterà di vivere a lungo

Gli alieni sono buoni o cattivi? Una piccola analisi

Gli alieni sono buoni o cattivi? Da quando nel 1946 a Roswell è avvenuto quel famoso incidente il caso degli alieni è divenuto popolare, come se la razza umana avesse ricevuto uno scossone e si fosse...

I Grigi tipo 1

Grigio "Classico"Altezza: 1.20 circaProvenienza: Sistema Stellare Zeta ReticuliPelle : grigio chiaro, liscia come quella di un delfino. In alcuni casi può apparire grinzosa o più bitorzoluta.Muscolatu...

Il mistero della colonna di Ashoca

La cosiddetta Colonna di Ferro (o colonna di Ashoka), situata a Delhi (in India), è una colonna in ferro423ruggine nonostante sia rimasta esposta per 1600 anni al clima monsonico. alta 7 metri e 21 ...

Costruire l'arca sulla Luna per salvare l'umanità

«Guardiamo alla Luna, potrebbe diventare la nostra arca di Noè e garantirci un futuro». Bernard Foing sorride raccontandoci la sua idea al telefono, precisando però «che al momento opportuno bisognerà...

La misteriosa origine dei monoliti di Asuka in Giappone

Asuka affonda le sue origini nel periodo della storia giapponese definito Jidai Kofun (250-552 d.C.), caratterizzato dalla realizzazione di numerosi tumuli funerari. La zona è conosciuta anche...

Il futuro oscuro del nostro Universo

Se il modello standard della fisica delle particelle è corretto, e se la massa del Bosone di Higgs è quella misurata grazie agli esperimenti del Large Hadron Collider (LHC) del CERN di Ginevra, allo...

La sostanza dell'isola di Pasqua che ci permetterà di vivere a lungo

 

E' il sogno dell'umanità da sempre. Un elisir di lunga vita, una sostanza cioè che faccia vivere a lungo, anzi a lunghissimo, meglio se si evita anche l'invecchiamento. Dalla lontana e misteriosa Isola di Pasqua potrebbe arrivare la risposta



RAPAMYCIN - La notizia risale a un paio di anni fa. Sull'Isola di Pasqua, al largo della costa cilena nel bel mezzo dell'Oceano pacifico, terra di misteri e segreti mai rivelati del tutto, alcuni ricercatori hanno trovato una sostanza dai poteri apparentemente magici. No, non è una favola, ma una realtà scientifica. Sebbene l'Isola celi misteri ancor irrisolti, come quello della sua antica popolazione che innalzò le caratteristiche e un po' inquietanti statue ciclopiche e poi sparì nel nulla, qui alcuni scienziati hanno individuato una sostanza chimica trovata in alcuni batteri del terreno. Si chiama rapamycin e ha un potere unico, quello di allungare la vita ringiovanendo le cellule del corpo umano di almeno dieci anni. Test condotti sui topi hanno dimostrato un aumento della vita del 28% in più per i maschi e del 38% per le femmine. Tradotto sugli esseri umani vorrebbe dire che gli uomini potrebbero vivere fino a 101 anni e le donne anche fino a 116 anni e mezzo.


Ecco bambini di 6, 8 anni che fisicamente sembrano dei vecchietti di 70 anni. Ma non solo: la patologia scatenata è talmente dannosa che quasi nessuno dei bambini colpiti da questa sindrome vive per più di 12, 13 anni. Ed ecco la possibile salvezza, il rapamycin, già soprannominato farmaco dell'eterna giovinezza. Esso infatti per le proprietà che abbiamo visto prima, potrebbe eliminare questa proteina dalle cellule. Di fatto, negli Stati Uniti, si è già cominciato a testare l'effetto del farmaco su malati di  Hutchinson-Gilford Progeria. E i risultati si sono visti. Testata su tre bambini affetti dalla patologia, si è potuto verificare che le cellule malate invertivano  la loro situazione, rendendo loro nuovamente uno stato di salute accettabile. Va detto che il farmaco oggigiorno si usa per evitare il rigetto in caso di trapianti.


PER SEMPRE GIOVANI - I risultati positivi dei primi test a base di rapamycin ovviamente hanno immediatamente scatenato la speranza che la sostanza possa essere usata da tutti, non solo i malati della sindrome di invecchiamento precoce, ma da ogni essere umano che desideri rimandare morte e vecchiaia il più possibile. Dimitri Krainc, studioso della Harvard Medical School, ha spiegato che una piccola attivazione del farmaco, "che funziona esercitando una azione di rimozione che contrasta l'accumulo della progerina, potrebbe avere un significativo effetto sulla salute e sulla durata delle nostre cellule e organi. Potrebbe anche aggiungere all'uomo oltre dieci anni di vita".

Secondo lo studioso, è dimostrato che alla base dell'invecchiamento degli esseri umani è un difettoso funzionamento del sistema di eliminazione scorie delle cellule. Il rapamycin potrebbe agire proprio a questo scopo: aiutare le cellule a eliminare queste tossine. Se funziona per i malati della sindrome di Hutchinson-Gilford Progeria, dovrebbe funzionare per tutti, no? Krainc però ci tiene a sottolineare che il medicinale prima di pensare ad allungare la vita delle persone vada usato per chi ha seri problemi di salute. Ad esempio chi è colpito da tumori, malattia su cui il medicinale prodigioso potrebbe avere effetto curativo agendo sulel cellule colpite dalla malattia.




LA SINDROME DELL'INVECCHIAMENTO PRECOCE - Prima di perdersi in sogni di questo tipo, però, è bene pensare a chi una sostanza come questa potrebbe usarla per sopravvivere, piuttosto che per allungarsi la vita a dismisura. Esiste infatti una terribile patologia, la sindrome di Hutchinson-Gilford Progeria che ha effetti terribili sulle persone che ne sono colpite. Si tratta di una condizione genetica che causa un processo chimico dannoso scatenando una proteina (la progerina) che colpisce le cellule del corpo umano causando un invecchiamento precoce.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit