Text Size
Venerdì, Agosto 23, 2019
Scienza e Futuro I microprocessori dei computer del futuro

L'Ufo gigantesco che fa preoccupare la popolazione cilena a Santiago

Secondo un servizio del telegiornale locale i recenti avvistamenti di UFO nella città di Santiago stanno creando paura tra la popolazione infatti il 30 novembre 2012, un disco grande e  luminoso seg...

La materia programmabile è diventata realtà

La lastra di materia programmabile                   Un team di ricercatori del MIT ha messo a punto una lastra di materiale sintetico capace di assumere da sola le f...

Il cargo incenerito, il nuovo rover Curiosity e i 13 segnali dallo spazio

Riempito di spazzatura e lasciato bruciare nel suo rientro in atmosfera. E’ stata questa la fine del cargo giapponese della serie HTV: una fine ingloriosa solo in apparenza perché in realtà tutto si è...

Gary McKinnon, l'uomo che riuscì ad hackerare i server della Nasa e trovò le prove degli alieni sulla Terra

Chi non ha mai sentito, almeno una volta, il nome di Gary McKinnon? Diventato famoso per essersi introdotto anni fa nei database della NASA, ha combattuto per oltre 10 anni contro l’estradizione ne...

Ripreso in Alaska un nuovo "mostro di Lochness"

La leggenda di Loch Ness si trasferisce nelle terre selvagge dell’Alaska. Un gruppo di pescatori ha filmato nel 2009 una creatura lunga da 6 a 9 metri, con varie gobbe sulla schiena, mentre nuotava...

L'Ufo e l'alieno fotografati su Marte dalla sonda Curiosity

Che cosa cerca di nascondere ancora la Nasa? Nel video seguente vengono mostrate due immagini scattate dallo stesso Mars Rover Curiosity dove in una viene fotografato un ufo classico a disco ed in u...

  • L'Ufo gigantesco che fa preoccupare la popolazione cilena a Santiago


    Publish In: Le Prove
  • La materia programmabile è diventata realtà


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il cargo incenerito, il nuovo rover Curiosity e i 13 segnali dallo spazio


    Publish In: News Astronomia
  • Gary McKinnon, l'uomo che riuscì ad hackerare i server della Nasa e trovò le prove degli alieni sulla Terra


    Publish In: La Nostra Storia
  • Ripreso in Alaska un nuovo "mostro di Lochness"


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'Ufo e l'alieno fotografati su Marte dalla sonda Curiosity


    Publish In: Le Prove

I microprocessori dei computer del futuro

Chip realizzati con dipoli magnetici di dimensioni nanoscopiche dissiperebbero solo 18 millielettronvolt di energia per ogni operazione a temperatura ambiente, il minimo consentito dalla seconda legge della termodinamica

I computer del futuro potranno fare affidamento su microprocessori magnetici che consumano la minima quantità di energia concessa dalle leggi della fisica, grazie a una nuova analisi condotta da un gruppo di ingegneri elettronici dell’Università della California, a Berkeley.

Gli attuali chip per microprocessori al silicio funzionano grazie al flusso di correnti elettriche che generano un’enorme dispersione di energia in forma di calore. L’inconveniente potrebbe però essere evitato con microprocessori che impieghino dipoli magnetici di dimensioni nanoscopiche per le operazioni logiche, la memorizzazione e lo switching che teoricamente non richiederebbero elettroni in movimento.

Simili chip dissiperebbero solo 18 millielettronvolt di energia per ogni operazione a temperatura ambiente, un valore pari al minimo consentito dalla seconda legge della termodinamica, noto anche come limite di Landauer. Si tratta di un valore un milione di volte inferiore rispetto all’energia per operazione consumata dagli attuali computer.

"Attualmente i computer funzionano grazie all'elettricità: muovendo elettroni lungo un circuito è possibile elaborare l'informazione"; ha spiegato Brian Lambson, ricercatore del Dipartimento di ingegneria elettronica e computer science dell'UCB. "Un computer magnetico, per contro, non implicherebbe il moto di elettroni. Si potrebbe elaborare l'informazione utilizzando i magneti; e se questi ultimi possono essere realizzati in dimensioni nanoscopiche possono anche essere posti in interazione e riprodurre in tal modo tutte le funzioni di cui abbiamo bisogno".

"In linea di principio si potrebbero realizzare circuiti reali in grado di funzionare appena al di sopra del limite di Landauer", ha agiunto Jeffrey Bokor, codirettore del Center for Energy Efficient Electronics Science (E3S), parte della National Science Foundation degli Stati Uniti. "Anche rimanendo un ordine di grandezza oltre tale limite si otterrebbe un'enorme riduzione del consumo di energia nei dispositivi elettronici: si tratterebbe di una vera rivoluzione".


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit