Text Size
Sabato, Giugno 23, 2018
Scienza e Futuro La mucca transgenica cinese che può produrre latte umano

Secondo lo scienziato russo Andrei Finkelstein, incontreremo gli alieni nel 2031

Lo scienziato russo Andrei Finkelstein, uno dei maggiori studiosi del Paese, è sicuro: nel 2031 scatterà l'incontro con forme di vita extraterrestre. C'è la vita su altri pianeti, e sicuramente in ...

Dalle previsioni di 56 futurologi ecco le destinazioni che cambieranno la geografia turistica nei prossimi dieci anni

DI VIAGGI nello Spazio se ne stanno progettando fin troppi. Basti guardare alle promesse del miliardario Richard Branson e ai profumati biglietti che ha già staccato per un giretto a 100 chilometri...

La Cassini e il campo magnetico di Titano, nuove scoperte del telescopio Kepler e l'acqua della Luna

Stavolta per la sonda Cassini la missione era davvero pericolosa. Per scoprire se Titano, il più grande satellite di Saturno, possiede un campo magnetico, si è tuffata nella sua atmosfera, con tutti i...

L'avvistamento Ufo di massa avvenuto in Australia nel 1966. Il caso di Westall School

  La mattina del 6 aprile 1966 alle 11 circa i ragazzi di una classe della Westall High School (ora Westall Secondary College) si trovavano nel cortile della scuola, dove stavano completando la le...

Il mistero del vaso di una civiltà sconosciuta. Forse Atlantide?

Sul forum di David Tayler, famoso presentatore canadese, nonche conduttore di trasmissioni sui misteri è apparsa una richiesta molto strana su un oggetto ritrovato in America. Gli veniva chiesto se po...

Il susseguirsi di avvistamenti a San Pietroburgo in Russia

Un secondo avvistamento si è verificato a San Pietroburgo, in Russia questa settimana. Il primo avvistamento si è verificato il 9 aprile 2012 ed è stato registrato in video da più testimoni provenie...

  • Secondo lo scienziato russo Andrei Finkelstein, incontreremo gli alieni nel 2031


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Dalle previsioni di 56 futurologi ecco le destinazioni che cambieranno la geografia turistica nei prossimi dieci anni


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La Cassini e il campo magnetico di Titano, nuove scoperte del telescopio Kepler e l'acqua della Luna


    Publish In: News Astronomia
  • L'avvistamento Ufo di massa avvenuto in Australia nel 1966. Il caso di Westall School


    Publish In: Le Prove
  • Il mistero del vaso di una civiltà sconosciuta. Forse Atlantide?


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Il susseguirsi di avvistamenti a San Pietroburgo in Russia


    Publish In: Le Prove

La mucca transgenica cinese che può produrre latte umano

Mucca transgenica dalla Cina "Può produrre latte umano"

LONDRA - Un Frankenstein con le corna, la coda e che fa "mouuu". Una mucca-mamma che produce latte "umano", buono per i poppanti, alternativa perfetta al latte materno e a quello artificiale. L'hanno creata scienziati cinesi e tra una decina d'anni il prodotto delle sue prodigiose mammelle potrebbe arrivare sugli scaffali dei supermercati di tutto il mondo. Ma gli oppositori dei cibi transgenici gridano allo scandalo, come se appunto il mostro Frankenstein fosse rinato, stavolta nella stalla, per fini alimentari, e promettono battaglia per fermare questa nuova frontiera delle modifiche genetiche.

Le vacche transgeniche hanno lo stesso aspetto di quelle "comuni". La differenza sta nel latte che producono, contenente proteine umane come il lisozima, che protegge i neonati dalle infezioni, o la lattoferrina, che rafforza il sistema immunitario. E' stato inoltre modificato il quantitativo di grasso, aumentandolo di circa il 20 per cento. Insieme ad altre proprietà, la nuova bevanda "potrebbe essere un'alternativa all'allattamento al seno e ai vari latti artificiali che sono spesso criticati perché insufficienti dal punto di vista nutritivo per i bebè", scrive il Sunday Telegraph di Londra, che ha messo oggi la notizia in prima pagina.
In Cina le regole sui cibi geneticamente modificati sono più permissive che in Europa. Ed è lì appunto che i scienziati dei laboratori statali della China Agricultural University hanno introdotto con successo geni umani in circa 300 mucche per produrre latte con le stesse proprietà di quello materno. Un latte, assicurano i ricercatori cinesi, "altrettanto sicuro di quello prodotto dalle donne che sono appena diventate mamme". Dice Ning Li, il direttore dell'esperimento, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Public Library of Science One: "E' un latte che ha un sapore dieci volte più forte del latte normale. Tra una decina d'anni lo troveremo in tutti i supermercati e negozi di generi alimentari".

Ma in Gran Bretagna, patria di Dolly, la prima pecore clonata, la notizia ha scatenato ferme proteste. "Ci sono milioni di interrogativi sul fatto che il latte di queste mucche sia sicuro per gli esseri umani ed è difficile verificarlo se non si fanno test su larga scala", commenta Helen Wallace di GeneWatch, un'associazione per il controllo degli sviluppi delle biotecnologie. Esprime dubbi anche la Reale Società per la Protezione degli Animali: "La prole degli animali clonati soffre spesso di gravi problemi di salute, abbiamo veramente bisogno di questo latte per i nostri neonati?". Anche se poi, quando sono un po' più grandi, è il latte delle mucche che tutti bevono, dai bambini agli adulti, con i cereali e col cappuccino.

Fonte:Repubblica.it


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit