Text Size
Sabato, Marzo 06, 2021
Scienza e Futuro Gli ologrammi colorati in luce bianca

Le misteriose luci di Cerere registrate dalla sonda Dawn

E’ una vicenda avvolta da un po’ di mistero e in questi giorni ha tenuto banco nella rete Internet. Ma tra poco, per la precisione dal 6 marzo in poi, potremmo saperne di più. Mi riferisco alle du...

La dama del Mali, l'incredibile statua di 150 metri di almeno 20.000 anni fa costruita da una civiltà sconosciuta

La “Dama del Mali” è una gigantesca scultura femminile alta 150 metri che domina la vetta inaccessibile di un monte in Guinea, alto tra l’altro ben 1500 m scoperta dal geologo Angelo Pitoni. ...

Le prime Galassie dell'Universo osservate da Hubble,la simulazione computerizzata dell'Universo e la stella che si avvicina ad un buco nero

Un team di ricercatori si è avvalso del cosiddetto effetto delle lente gravitazione per osservare con l’Hubble Space Telescope della NASA e dell’ESA per rivelare il più grande campione  delle più ...

Platone aveva ragione, trovati i resti di Atlantide tramite Google Ocean

Un rettangolo perfetto nascosto nei fondali dell'oceano Atlantico, a pochi chilometri dalla costa settentrionale dell'Africa e non lontano dalle isola Canarie. E' qui, secondo l'inge...

Le molecole organiche complesse create dalle stelle,l'immenso campo magnetico dei buchi neri e l'assenza di civiltà aliene su 100.000 galassie

Un recente studio ha dimostrato che le molecole organiche complesse, che sono alla base delle cellule e quindi anche della vita sulla Terra, si sono create nella fase di formazione stellare, sopra...

Le tecnologie segrete sperimentali basate sugli UFO

Il controllo della gravità e della propulsione avanzata e’ ritenuto attualmente appannaggio della fantascienza o della tecnologia di un futuro ancora molto lontano. L’autore della collana di libr...

  • Le misteriose luci di Cerere registrate dalla sonda Dawn


    Publish In: Le Prove
  • La dama del Mali, l'incredibile statua di 150 metri di almeno 20.000 anni fa costruita da una civiltà sconosciuta


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Le prime Galassie dell'Universo osservate da Hubble,la simulazione computerizzata dell'Universo e la stella che si avvicina ad un buco nero


    Publish In: News Astronomia
  • Platone aveva ragione, trovati i resti di Atlantide tramite Google Ocean


    Publish In: Continente Perduto Mu
  • Le molecole organiche complesse create dalle stelle,l'immenso campo magnetico dei buchi neri e l'assenza di civiltà aliene su 100.000 galassie


    Publish In: News Astronomia
  • Le tecnologie segrete sperimentali basate sugli UFO


    Publish In: Le Prove

Gli ologrammi colorati in luce bianca

Una nuova tecnica consente di produrre ologrammi multicolori in cui i colori restano gli stessi anche cambiando direzione di vista, come nell'oggetto originale

Una nuova tecnica che sfrutta la luce normale invece di quella laser per produrre ologrammi tridimensionali a colori è stata messa a punto da un gruppo di ricercatori giapponesi delle Università di Tokyo e di Osaka che la descrivono in un articolo pubblicato su Science. Miyu Ozaki e colleghi descrivono in particolare un metodo per produrre ologrammi multicolori in cui i colori restano gli stessi anche cambiando direzione di osservazione, come nell'oggetto originale.

Secondo l'approccio attuale, la luce laser riflessa da un oggetto viene intercettata da una lastra fotografica che registra le informazioni relative a fase e ampiezza delle onde luminose sotto forma di schemi d'interferenza. Quando la luce passa attraverso la lastra olografica interferisce con questi schemi in modo da riprodurre l'oggetto, solitamente però in un solo colore. Gli ologrammi arcobaleno, come quelli utilizzati sulle carte di credito appaiono in più colori sotto la luce bianca, ma a prezzo della perdita di alcune informazioni, così che il colore dell'ologramma cambia a seconda dell'angolo di osservazione.

La nuova tecnica si basa sulla diffrazione dei plasmoni, stati di eccitazione elettronica, che si propagano sulla superficie di un film metallico sottile. I ricercatori hanno deposto il film metallico su un materiale fotoresist contenente un ologramma prodotto con fasci laser rossi, verdi e blu, a sua volta collocato su una lastra di vetro. I plasmoni di superficie del film metallico vengono eccitati con luce bianca proveniente da diverse possibili angolazioni. L'angolo della luce incidente determina quali plasmoni vengono eccitati e diffratti dall'ologramma ricostruendo le immagini.

La nuova tecnologia, osservano i ricercatori, è sufficientemente semplice per per poter essere tradotta, - in un tempo relativamente breve, in applicazioni tecnologiche di uso comune, come monitor in 3D che non richiedano il ricorso a particolari tipi di occhiali.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit