Text Size
Mercoledì, Agosto 12, 2020
Scienza e Futuro Gli ologrammi colorati in luce bianca

Il nuovo satellite Nasa chiamato IRIS in orbita, la sonda Voyager 1 oltre il sistema solare e un'insolita stella pulsante

Alle 4:37 del mattina ora italiana, come da programma, è iniziata l’avventura dell’Interface Region Imaging Spectrograph, detto anche IRIS, della NASA, creato per studiare in dettaglio l’atmosfera...

Il video preoccupante sugli Ufo in Australia

Durante una ripresa notturna avvenuta a Moonee Ponds in Australia si vedono diversi Ufo che attraversano il cielo indisturbati. La cosa preoccupante è il numero di questi Ufo. Si stanno forse prepar...

Lo strano Ufo fotografato nei cieli di New York city

Un oggetto volante non identificato è stato fotografato in America a New York. Il testimone riporta che stava facendo delle foto turistiche assieme alla sua ragazza quando, al momento di visionare l...

Le misteriose morti dei ricercatori di vita aliena

A questa conclusione è giunto Timothy Hood, ex consigliere del governo degli Stati Uniti e astronomo amatoriale, il quale ha divulgato la sua idea in una conferenza internazionale tenutasi ad Ams...

Possibile vita sotto i ghiacci di Europa,i parametri di ricerca della vita e la caduta del satellite russo PHOBOS-GRUNT

Hanno guardato dentro i vulcani islandesi per carpire i segreti nascosti sopra e sotto la crosta ghiacciata di Europa. Sono i geologi, fisici e astronomi di un gruppo di ricerca dedicato allo st...

Usa Preparano Difesa Intergalattica

NEW YORK. Gli Ufo volano da oltre mezzo secolo in totale libertà sui cieli del nostro pianeta, il governo degli Stati Uniti sviluppa armi segrete per fronteggiare possibili attacchi provenienti dal co...

  • Il nuovo satellite Nasa chiamato IRIS in orbita, la sonda Voyager 1 oltre il sistema solare e un'insolita stella pulsante


    Publish In: News Astronomia
  • Il video preoccupante sugli Ufo in Australia


    Publish In: Le Prove
  • Lo strano Ufo fotografato nei cieli di New York city


    Publish In: Le Prove
  • Le misteriose morti dei ricercatori di vita aliena


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Possibile vita sotto i ghiacci di Europa,i parametri di ricerca della vita e la caduta del satellite russo PHOBOS-GRUNT


    Publish In: News Astronomia
  • Usa Preparano Difesa Intergalattica


    Publish In: Preparativi 2012

Gli ologrammi colorati in luce bianca

Una nuova tecnica consente di produrre ologrammi multicolori in cui i colori restano gli stessi anche cambiando direzione di vista, come nell'oggetto originale

Una nuova tecnica che sfrutta la luce normale invece di quella laser per produrre ologrammi tridimensionali a colori è stata messa a punto da un gruppo di ricercatori giapponesi delle Università di Tokyo e di Osaka che la descrivono in un articolo pubblicato su Science. Miyu Ozaki e colleghi descrivono in particolare un metodo per produrre ologrammi multicolori in cui i colori restano gli stessi anche cambiando direzione di osservazione, come nell'oggetto originale.

Secondo l'approccio attuale, la luce laser riflessa da un oggetto viene intercettata da una lastra fotografica che registra le informazioni relative a fase e ampiezza delle onde luminose sotto forma di schemi d'interferenza. Quando la luce passa attraverso la lastra olografica interferisce con questi schemi in modo da riprodurre l'oggetto, solitamente però in un solo colore. Gli ologrammi arcobaleno, come quelli utilizzati sulle carte di credito appaiono in più colori sotto la luce bianca, ma a prezzo della perdita di alcune informazioni, così che il colore dell'ologramma cambia a seconda dell'angolo di osservazione.

La nuova tecnica si basa sulla diffrazione dei plasmoni, stati di eccitazione elettronica, che si propagano sulla superficie di un film metallico sottile. I ricercatori hanno deposto il film metallico su un materiale fotoresist contenente un ologramma prodotto con fasci laser rossi, verdi e blu, a sua volta collocato su una lastra di vetro. I plasmoni di superficie del film metallico vengono eccitati con luce bianca proveniente da diverse possibili angolazioni. L'angolo della luce incidente determina quali plasmoni vengono eccitati e diffratti dall'ologramma ricostruendo le immagini.

La nuova tecnologia, osservano i ricercatori, è sufficientemente semplice per per poter essere tradotta, - in un tempo relativamente breve, in applicazioni tecnologiche di uso comune, come monitor in 3D che non richiedano il ricorso a particolari tipi di occhiali.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit