Text Size
Venerdì, Agosto 23, 2019
Scienza e Futuro I 14 robot più strani e innovativi creati finora dagli scienziati

Ariel Sharon il rabbino profeta e la sua ultima profezia

E' da poco tempo che il mondo ha dato l’ultimo addio ad Ariel Sharon, che si è spento a 85 anni dopo gli otto mesi trascorsi in coma  in seguito ad un ictus. Un eroe, per gli Israeliani; un assassino,...

Come rendersi visibili in tutta la galassia, la firma della materia oscura e la scoperta di nuove stelle più vicine a noi

Siamo sicuri al 100 percento che se mai esistesse una civiltà aliena vorremmo essere trovati? Molto probabilmente sì, visto che uno dei principali obiettivi della comunità scientifica è quella di c...

I 10 aspetti sull'evoluzione dell'essere umano che rimangono ancora un mistero

Quali sono state le tappe del lungo processo che ha portato alla comparsa dell’Homo Sapiens sul pianeta Terra? E quale il loro ordine cronologico? Perchè ci siamo evoluti in questo modo e non ...

La prima fotocamera digitale da 50.000 megapixel

Un prototipo di fotocamera in grado di creare immagini con un dettaglio senza precedenti grazie alla sincronizzazione di 98 piccole telecamere è stato realizzato da ingegneri della Duke University e...

Il poderoso vento emesso dal buco nero supermassivo al centro della galassia, la stella che attraversò il Sistema Solare ed il sottomarino futuristico della Nasa per Titano

Un vento poderoso fuoriesce incessantemente dal buco nero supermassiccio di una galassia, il quasar denominato PDS 456. A studiarne le proprietà con un dettaglio mai raggiunto prima è stato il te...

L'origine degli anelli di Saturno,il vulcano di Titano e astronauti italiani nello spazio

Come si sono formati gli anelli di Saturno? Ce lo chiediamo da quando per la prima volta li abbiamo visti al telescopio. Ora un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature ci offre la risposta al ...

  • Ariel Sharon il rabbino profeta e la sua ultima profezia


    Publish In: Profezie passate e future
  • Come rendersi visibili in tutta la galassia, la firma della materia oscura e la scoperta di nuove stelle più vicine a noi


    Publish In: News Astronomia
  • I 10 aspetti sull'evoluzione dell'essere umano che rimangono ancora un mistero


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La prima fotocamera digitale da 50.000 megapixel


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il poderoso vento emesso dal buco nero supermassivo al centro della galassia, la stella che attraversò il Sistema Solare ed il sottomarino futuristico della Nasa per Titano


    Publish In: News Astronomia
  • L'origine degli anelli di Saturno,il vulcano di Titano e astronauti italiani nello spazio


    Publish In: News Astronomia

I 14 robot più strani e innovativi creati finora dagli scienziati

Umani, disumani, super umani: comunque "bestiali", come appena usciti dalle pagine di un catalogo di creature immaginarie, eppure già in mezzo a noi. Ecco i robot del terzo millennio, macchine costruite a immagine e somiglianza dell'uomo (e della donna) che hanno fratelli a forma di insetti e di serpenti. Hanno cervello. Avranno anche l'anima?

A CHI HAI DETTO "ROBOT"? Dimenticatevi le bambole gonfiabili da sexy shop. Il futuro del sesso è high-tech. Ne è convinto David Levy, studioso di intelligenza artificiale all'Università di Maastricht (Olanda), che prevede che entro il 2050 un qualche Stato americano (il Massachusetts, secondo lui) legalizzerà i matrimoni misti. Tra umani e robot. Staremo a vedere. Per intanto, per fare solo sesso c'è già tutto quello che serve. Assurdo? Forse no, almeno a vedere Andy, questa sensuale umanoide prodotta dalla tedesca First Androids. In pratica, una "bestia" che è un po' bambola, un po' donna, un po' robot. Andy ha un corpo che si scalda nei punti strategici, un respiro che si adegua alla circostanza, un cuore artificiale che batte al ritmo delle passioni al silicone e tutte le secrezioni che ti aspetti. Insomma, è ben equipaggiata, ed è in vendita al prezzo di una utilitaria.


Metà robot, metà scienziato: Albert Hubo è un ibrido tecnologico nato dalla fantasia di un gruppo di ricercatori americani coordinati da David Hanson, visionario studioso di intelligenza artificiale. Einstein in versione robotica si muove e interagisce con i suoi interlocutori grazie a un "motore caratteriale", un software che simula diverse tipologie di personalità. Capisce quello che gli viene detto e interpreta le espressioni del viso di chi gli parla, e lui stesso sa riprodurre un certo numero di espressioni grazie al volto ricoperto da una pelle "quasi umana" realizzata in un materiale chiamato frubber (dall'inglese flesh, carne, e rubber, gomma). Ma che farsene di un fisico col corpo di robot? «I nostri umanoidi», spiegano dalla Hanson Robotics, «sono utili nell'industria dell'intrattenimento e nelle applicazioni mediche.» Sembra infatti che ai bambini in ospedale giocare con un androide faccia bene…


Un'auto parcheggiata. Al ritmo martellante di una canzone la carrozzeria si scompone per ricomporsi sotto i nostri occhi nelle sembianze di un enorme robot... Così qualche tempo fa una nota marca automobilistica presentava in uno spot l'ultimo modello di ruggente utilitaria. Non tutti sanno che quel robot esiste davvero: a tre giovani cinesi - Sui Lulu, Zhang Yiming e Li Wei - sono serviti circa 8.000 dollari per assemblare questo umanoide di quattro metri e mezzo partendo dai pezzi di una vera auto. Certo non diventeranno mai così, però anche le normali automobili si stanno sempre più "robotizzando" e magari un giorno non avranno più bisogno di noi. Un esempio? Boss, una Chevrolet che ricercatori della Carnegie Mellon University di Pittsburgh (Usa) hanno equipaggiato con sofisticate strumentazioni, ha vinto una competizione per auto robotiche percorrendo senza conducente le strade di una città appositamente ricostruita, evitando ostacoli e auto vere.


Tra terra e acqua si muove un serpente marino dalle squame metalliche e con un solo inquietante occhio che risplende di una luce blu, scivola sinuosamente sul suo stesso corpo e si fa strada tra ostacoli di ogni tipo. Ma per quanto impressionante a vedersi, il serpente meccanico Acm-R5 non è né un velenoso nemico né un seducente tentatore. Il prototipo creato dai ricercatori del Tokyo Institute of Technology aiuterà infatti i vigili del fuoco a recuperare le vittime dei terremoti intrappolate tra le macerie. Il rettile d'acciaio non teme le condizioni estreme: entra un po' dappertutto e grazie al suo occhio-telecamera luminoso mostra tutto ciò che vede agli umani che lo comandano a distanza. Acm-R5 ha molti fratelli. Rettili high-tech che come lui ci faranno vivere meglio: per esempio i-Snake, una biscia-chirurgo che entra nel nostro cuore per curarlo dall'interno.



Sembra più intelligente un robot-cane che gioca a calcio o un calciatore quando parla ai cronisti? Difficile dirlo, certo è che questi cagnolini sono abbastanza svegli per cavarsela egregiamente in campo, tra assist e cross, sotto gli occhi severi di un arbitro umanoide. L'immagine viene da RoboCup, il campionato di calcio per robot che dal 1993 mette in campo squadre di automi e androidi di vario tipo. L'obiettivo degli organizzatori è ambizioso: realizzare entro il 2050 un'intera squadra di androidi in grado di sfidare, e magari battere, una squadra umana campione del mondo. Naturalmente i robot non sono tutti uguali e pertanto RoboCup prevede - proprio come nei veri campionati - diverse categorie: quella per robot di piccola taglia, di media taglia, per i robot quadrupedi e per gli androidi.



Prendete un peluche a forma di orsetto ma con un paio di orecchie e un musetto che ricordino quelli dei gremlin, i mostriciattoli dell'omonimo film di fantascienza che si duplicavano quando venivano bagnati. Copritelo con una bella peluria lunga e folta e riempitelo delle diavolerie elettroniche necessarie a dargli vita. Quello che otterrete è Leonardo, uno dei più curiosi robot che la tecnologia degli ultimi anni ha sfornato. Leo è un robot "sociabile", costruito cioè per dimostrare le possibilità dell'interazione uomo/macchina: è in grado infatti di riconoscere i volti, di comprendere le parole dei suoi interlocutori e di prodursi in numerose espressioni del volto. Creato da Cynthia Breazeal, del Massachusetts Institute of Technology, Leonardo può contare su un cervello ben più grande di lui: la sua anima è di fatto una serie di computer che gli danno intelligenza, personalità e memoria.


Gli insetti hanno sempre suscitato nell'uomo curiosità, ribrezzo e in alcuni casi anche stupore. Agli insetti sono stati attribuiti poteri magici o virtù mistiche, come nel caso dello scarabeo stercoraro, sacro per gli egizi. Anche tra i nuovi mostri della tecnologia non mancano gli insetti, come questa carica di scarafaggi robotizzati, non certo sacri ma almeno più colorati e decisamente meno disgustosi di quelli veri. Li vende come giocattoli l'azienda giapponese Bandai, quella del celebre Tamagotchi, l'esserino virtuale formato portachiavi. Gli scarafaggi giocattolo hanno una (minima) forma di intelligenza artificiale: scappano quando vedono la luce e fuggono dai rumori improvvisi, proprio come i loro modelli biologici. Ben più avanzata è l'intelligenza di Rise, uno scorpione meccanico che dall'animale vero ha copiato la forma e la capacità di arrampicarsi.


D'accordo, questo scarafaggio gigante (un esemplare di gromphadorhina portentosa) non è un bel vedere. Però è bravo alla guida, nonostante il cervello poco sviluppato. Grazie a uno "scienziato pazzo" canadese lo scarafaggio può infatti andarsene in giro con questa appendice robotica a quattro ruote che fa avanzare, indietreggiare e sterzare muovendo le zampette pelose. In pratica il robot è equipaggiato con una normale pallina da ping pong libera di ruotare in ogni direzione e collegata a circuiti elettrici che azionano le ruote del veicolo. Appoggiato su di essa, l'insetto la aziona ad ogni suo movimento, che mette in moto così il robot. Ma perché realizzare un cyborg metà macchina e metà animale? Per dimostrare che uno scarafaggio, con il suo piccolo cervello, può fare più o meno quello che fa il processore in un computer. Elettronica e biologia non sono mai state così vicine.



Per muoversi le macchine usano i motori, agli esseri viventi bastano i muscoli, che da soli convertono l'energia chimica degli alimenti in energia meccanica. Ma siccome la natura insegna, non c'è voluto molto perché qualcuno inventasse muscoli bionici. All'edizione 2006 del Design Life Now, a New York, ha fatto bella mostra di sé la versione perfezionata di RoboLobster, un'aragosta robotica che si muove senza motori. Messa a punto nel 2002 da Joseph Ayers, biologo alla Northeastern University di Boston (Usa), il crostaceo di metallo e plastica (60 cm di lunghezza per circa 3 kg) ha muscoli di nitinol, una lega di nickel, titanio e cobalto che gli garantisce tutta la sicurezza richiesta dal suo "lavoro". Che consiste nel recuperare mine sommerse lungo le coste oceaniche. RoboLobster segna una nuova tendenza: la robotica "biomimetica", cioè che imita il mondo naturale.


Verso la fine del Settecento Luigi Galvani conduceva strani (per l'epoca) esperimenti sezionando rane e studiandone le reazioni muscolari indotte dall'elettricità. Oggi Garnet Hertz, artista concettuale canadese, inventa "mostri" che un po' richiamano quegli studi pionieristici e che sono il frutto di esperimenti a cavallo tra biologia, robotica e arte concettuale. Questa rana-cyborg è un esempio: presentato al Festival di Arti Elettroniche a Rotterdam (Olanda) nel 2007, l'esperimento prevedeva che il corpo dell'animale (morto) fosse collegato a dispositivi elettromeccanici collegati a una rete informatica. Attraverso quest'ultima, i visitatori di un apposito sito potevano comandare a loro piacimento il movimento delle zampe dell'animale. «Un riferimento agli esperimenti di Galvani e ai nuovi mezzi di comunicazione», così Hertz definisce il suo progetto "artistico". Che naturalmente non ha mancato di suscitare polemiche.



E se un giorno per davvero i robot entrassero nella nostra vita quotidiana? Forse li porteremmo a spasso al parco, oppure andremmo a vederli allo zoo. Così deve aver pensato un artista portoghese, Leonel Moura, che non lontano da Lisbona ha realizzato il primo zoo per robot. Il Robotarium è una grande campana di vetro collocata in un parco pubblico che ospita al suo interno 45 robot appositamente realizzati. Come i pesci di un acquario, anche le "bestie" sono di varie specie, ognuna con un suo nome scientifico (inventato), dai due esemplari di acrorhinomorpho dalla testa pelosa, alimentati con cellule solari, al ragno araneax dalle lunghe zampe (foto) che, grazie a sensori, "vede" i visitatori



Robocop, il famoso cyborg metà robot metà poliziotto, si difendeva con armi tecnologiche. Questo androide metà robot e metà casalinga, forse, ha come unica arma un ferro da stiro bollente. Un importante filone di ricerca si è dato l'obiettivo di insegnare agli umanoidi a sbrigare faccende tipicamente umane (e decisamente noiose, anche). E se la presenza dei robot nell'industria e lungo le catene di montaggio è ormai consolidata, è arrivato il momento di pensare ai pavimenti da lucidare, alle camicie da stirare e ai piatti da lavare. Questo umanoide, sviluppato all'Università di Tokyo proprio per aiutarci nelle faccende domestiche, riesce a sollevare da solo una cesta di biancheria da 30 kg. E ci mancherebbe altro, visti i "muscoli"! Dello stesso filone fanno parte i tanti robottini aspirapolvere che ci possono girare tra i piedi in totale autonomia, e... Monty. Apparecchia, sparecchia, carica la lavastoviglie, la mette in funzione e aspetta il giusto per ritirare i piatti puliti e riordinare la cucina... Per adesso solamente con stoviglie di plastica, ma, insomma, c'è speranza!



È possibile ridare la vita a una "creatura"? E a un cantante deceduto per indigestione? Dopo Frankenstein, Elvis: un produttore americano di androidi ha infatti "ridato vita" al re del rock'n'roll. O, almeno, al suo busto e alla sua voce. Presentata la scorsa estate, la testa animata, pensante, parlante e "cantante" di Elvis Presley dovrebbe, secondo le aspettative dei suoi finanziatori, entrare in tutti i locali dove si suona la musica del cantante di Memphis. Basta dare corrente al marchingegno e la testa del redivivo interagisce col pubblico (grazie alla vista a infrarossi) e canta le canzoni più note, da solo o in duetto. Ancora più chiacchierone di Elvis, il rocker Joey Chaos - la sua testa - è un altro redivivo, messo a punto dal mago della robotica David Hanson. In questa versione Joey non canta, in compenso risponde alle domande che gli vengono rivolte e si produce in lunghe (e noiosissime) dissertazioni politiche anticapitalistiche e antiamericane.


Bello e luccicante come un personaggio di un cartone animato, questo pesce dalle squame color argento e blu elettrico se la sguazza allegramente nelle vasche del London Aquarium sotto gli occhi (increduli?) dei pesci veri. Uno tra i pochi robot ispirati al mondo marino, RoboFish è stato messo a punto dal dipartimento di robotica dell'Università dell'Essex (Inghilterra) per dimostrare la possibilità di realizzare un sistema di navigazione analogo a quello dei pesci veri, basato cioè sul movimento ondulatorio anziché sulla propulsione generata da turbine o eliche. «L'osservazione dei pesci dimostra che questa tecnica è molto più efficace, oltre che decisamente più silenziosa», spiegano i ricercatori. E nell'attesa che un geniale inventore riesca a creare un transatlantico a moto ondulatorio, i RoboFish sono già i pionieri di una nuova era di esplorazioni nelle profondità oceaniche.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit