Text Size
Martedì, Gennaio 28, 2020
Scienza e Futuro La prima integrazione tra circuiti nervosi ed elettronici

Gli astronomi: troveremo gli alieni cercando tracce di inquinamento nei pianeti; il successore del James Webb Space Telescope e come è nata la stella più vecchia della nostra galassia

C’è qualcuno lì fuori? È la domanda che tutti da sempre ci facciamo, ma più di tutti gli astronomi e gli appassionati di vita extraterrestre. Se cerchiamo forme di vita aliena nell’Universo sem...

I geroglifici egizi trovati in Australia

Stupefacenti geroglifici si trovano in Australia, sulle rocce nella foresta del Parco Nazionale della Hunter Valley, cento chilometri a nord di Sydney. Secondo il ricercatore Paul White essi sono ...

Il ritorno sulla Luna e l'esplorazione umana di Marte

L’amministrazione Obama ha deciso: per ora inutile tornare sulla Luna, meglio investire su nuove tecnologie. Il budget da 19 miliardi di dollari stanziato per la Nasa non basta infatti a realizzare ...

La pericolosa crescita della presenza aliena sulla Terra

Nella sequenza di immagini che vedrete nel video sotto, sono riportati alcuni avvistamenti che ci sono stati solo nella scorsa settimana da un capo all'altro nel Mondo, e non sono neanche tutti, tan...

Memoto, la mini macchina fotografica che registra la nostra vita

Si chiama 'Memoto', micro macchina fotografica in grado di registare quasi ogni singolo istante della nostra esistenza. Con immagini scattate ogni 30 secondi si potrà così "rivivire" la propria v...

L'origine degli anelli di Saturno,il vulcano di Titano e astronauti italiani nello spazio

Come si sono formati gli anelli di Saturno? Ce lo chiediamo da quando per la prima volta li abbiamo visti al telescopio. Ora un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature ci offre la risposta al ...

  • Gli astronomi: troveremo gli alieni cercando tracce di inquinamento nei pianeti; il successore del James Webb Space Telescope e come è nata la stella più vecchia della nostra galassia


    Publish In: News Astronomia
  • I geroglifici egizi trovati in Australia


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Il ritorno sulla Luna e l'esplorazione umana di Marte


    Publish In: News Astronomia
  • La pericolosa crescita della presenza aliena sulla Terra


    Publish In: Le Prove
  • Memoto, la mini macchina fotografica che registra la nostra vita


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'origine degli anelli di Saturno,il vulcano di Titano e astronauti italiani nello spazio


    Publish In: News Astronomia

La prima integrazione tra circuiti nervosi ed elettronici

Una ricerca  mostra che è possibile far crescere i neuriti delle cellule nervose all'interno di sottili nanotubi in materiale semiconduttore a base di silicio e germanio

Creare un embrione di circuito neuronale-elettronico facendo crescere i prolungamenti di cellule nervose all'interno di sottili nanotubi in materiale semiconduttore a base di silicio e germanio: l'impresa è riuscita a un gruppo di ricercatori dell'università del Wisconsin a Madison diretti da Minrui Yu, che la illustra in un articolo ("Semiconductor Nanomembrane Tubes: Three-Dimensional Confinement for Controlled Neurite Outgrowth") pubblicato sulla rivista ACS Nano.

La speranza di questo tipo di ricerche è quella di poter riuscire a mettere in connessione un chip a specifici gruppi di cellule per ristabilire connessioni che erano state interrotte. Finora i tentativi di integrazione fra neuroni e circuiti artificiali è stata sperimentata con il ricorso a microrlettrodi posti in connessione con le membrane delle cellule, una procedura che però a lungo andare può determinare un danneggiamento della cellula nervosa.

Lo studio era partito dalla considerazione che la grande maggioranza degli studi sulla formazione dei neuriti viene condotta in colture realizzate su superfici piatte e aperte, che non riflettono la struttura del micro-ambiente tridimensionale in cui la crescita neuronale si realizza in vivo. Si sa infatti da molto tempo che le cellule nervose quando crescono hanno un comportamento "di ricerca" ma non si sa se l'andamento dei loro prolungamenti sia dettato effettivamente dalla ricerca di qualcosa di specifico, o proceda in modo casuale.

Per creare una condizione più simile a quella reale, i ricercatori hanno così creato una rete di nanotubi di varia grandezza e forma di dimensioni tali da costituire una sorta di griglia di riferimento al cui interno hanno collocato delle cellule nervose di corteccia cerebrale di topo per osservare come esse reagissero.

In questo modo hanno però potuto constatare che i neuroni invece di sviluppare i neuriti in maniera casuale nelle aree lasciate libere dalla griglia, tendevano ad aderire ai nanotubi e a crescere preferenzialmente lungo di essi anche se sulla loro superficie non era presente alcun fattore di adesione. Inoltre, se venivano collocati in prossimità delle estremità dei nanotubi delle dimensioni adatte, i neuroni iniziavano a sviluppare il loro assone all'interno del nanotubo.

Il nanotubo, osservano i ricercatori, presenta in effetti caratteristiche fisiche ed elettriche che ricordano quelle della mielina.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit