Text Size
Lunedì, Maggio 29, 2017
Scienza e Futuro L'arca di Noah,uno dei più avanzati progetti al mondo di urbanistica ecosostenibile

Ecco la foto che dimostra che i fantasmi esistono

Questa volta nemmeno lo zaino protonico dell’Acchiappafantasmi Dan Aykroyd avrebbe potuto fare qualcosa di fronte alla figura in abito di corte apparsa come per magia dietro alle sbarre di una fin...

La nebulosa a riflessione Toby Jug, la strana risonanza di Mercurio e la pioggia di diamanti su Saturno e Giove

Il Very Large Telescope (VLT) dell’ESO ha ripreso un’immagine notevolmente dettagliata della Nebulosa della caraffa (chiamata Toby Jug in inglese), una nube di gas e polvere che circonda una stella...

Cristopher Robinson il veggente dei nostri giorni

Christopher Robinson è nato in Inghilterra nell’ aprile del 1951. Durante i suoi primi 10 anni di vita si dice che abbia avuto gravi problemi al cuore. Durante un intervento chirurgico gli  è stata pe...

Il Display multiview 3D autostereoscopico: un altro passo in avanti verso gli schermi 3D senza lenti

Non servono gli occhiali per vedere le immagini tridimensionali prodotte da un nuovo schermo descritto sulle pagine di “Nature” in un articolo firmato da David Fattal, dei Laboratori Hewlett-Packard ...

Le Sacre Reliquie: la Lancia di Longino

La Lancia del Destino o Lancia di Longino (in latino Lancea Longini) è la lancia con cui Gesù sarebbe stato trafitto al costato dopo essere stato crocefisso. Viene talvolta anche indicata con l'es...

Venere è ancora attivo, la tempesta geomagnetica causata dal Sole e la missione Rover sulla Luna

Venere non si è spento ma è rimasto attivo. La notizia ci giunge dalla Venus Express, la sonda europea che da anni sta orbitando attorno al pianeta. Grazie al suo strumento Virtis, realizzato in ...

  • Ecco la foto che dimostra che i fantasmi esistono


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La nebulosa a riflessione Toby Jug, la strana risonanza di Mercurio e la pioggia di diamanti su Saturno e Giove


    Publish In: News Astronomia
  • Cristopher Robinson il veggente dei nostri giorni


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il Display multiview 3D autostereoscopico: un altro passo in avanti verso gli schermi 3D senza lenti


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Le Sacre Reliquie: la Lancia di Longino


    Publish In: La Nostra Storia
  • Venere è ancora attivo, la tempesta geomagnetica causata dal Sole e la missione Rover sulla Luna


    Publish In: News Astronomia

L'arca di Noah,uno dei più avanzati progetti al mondo di urbanistica ecosostenibile

Un team di architetti e designer americani rivisita il concetto di Arca di Noè e progetta un’immensa città galleggiante, ecologica autosufficiente e dotata di ogni comfort, in grado di mettere in salvo fino a 40.000 persone in caso di uragani e altri cataclismi.

Immaginate una gigantesca struttura galleggiante capace di ospitare al suo interno tutti gli abitanti di una cittadina come Lodi e così solida da resistere agli uragani più violenti: insomma, un’arca della salvezza. L’ha recentemente progettata E. Kevin Schopfer, un architetto americano che nel 2005 aveva assistito alle devastazioni inflitte dall’uragano Katrina alla città di New Orleans.

L'arcologia della salvezza
NOAH, acronimo di New Orleans Arcology Habitat ma anche traduzione anglosassone di "Noè", secondo i suoi ideatori più che un’arca è un’arcologia, neologismo composto dalle parole "architettura" ed "ecologia" coniato negli anni '60 dall'architetto italiano Paolo Soleri per descrivere un grande edificio capace di mantenere un'ecologia interna e una densità abitativa estremamente alta.
E in effetti questa enorme costruzione alta 350 metri, larga 600 e con una superficie calpestabile di oltre 9 milioni di metri quadri può dare riparo, con tutti i comfort o quasi, a oltre 40.000 persone. 20.000 appartamenti, 3 alberghi, scuole, ospedali e l’immancabile e americanissimo casinò sono solo alcune delle strutture che trovano spazio al suo interno. (Clicca qui per vedere altre spettacolari immagini 3D di NOAH)
Nell’idea di Schopfer e dei suoi colleghi NOAH dovrebbe essere costruita nei pressi di New Orleans, lungo le sponde del Mississipi, con l’obiettivo di offrire agli abitanti della città la sicurezza fisica e psicologica necessarie alla rinascita post catastrofe.

Il triangolo... sì
La struttura è costituita da tre torri che convergono alla sommità dando vita a un gigantesco tetraedro vuoto all’interno: la scelta di questa forma non è stata dettata solo da motivi di design ma da precise esigenze costruttive.
Il triangolo è una delle forme più rigide utilizzabili nella progettazione mentre lo spazio aperto al centro consente a NOAH di resistere senza problemi a venti da oltre 200 km/h come quelli che nel 2005 hanno spazzato la città. Non solo: «l’utilizzo dell’acqua al posto delle fondazioni tradizionali mette al riparo NOAH e i suoi abitanti dal rischio di inondazioni e allagamenti» spiega Schopfer.
Ma NOAH è anche uno dei più avanzati progetti al mondo di urbanistica ecosostenibile: l’energia necessaria al suo funzionamento è prodotta da turbine eoliche e idriche, mentre speciali depuratori si occupano del trattamento delle acque nere.
Nel video qui sotto un suggestivo giro panoramico di NOAH.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit