Text Size
Domenica, Dicembre 15, 2019
Scienza e Futuro Primi passi per costruire strutture nanoscopiche

La formazione dei pianeti, le stelle compagne e la voragine scoperta su Marte

I pianeti si formano in modo ordinato o confusionario? Sino a pochi anni fa si pensava che la  formazione avvenisse sempre in modo ordinato, all’interno di grandi nubi di gas e polveri in rotazione...

Il mistero della Sfinge

Per quanto i vari egittologi riconosciuti ufficialmente dal governo Egiziano neghino questa realtà, a differenza di quanto sostengono molti egittologi indipendenti (sicuramente più attendibili perch...

La nuova frontiera dei biomateriali ibridi in 3D

ROMA - La ricetta si basa su due ingradienti, le applicazioni sono moltissime. I primi biomateriali in 3D sono stati sviluppati con acqua e proteine. Materiali al confine tra mondo vivente e inan...

Buchi neri, superstringhe e gravità,l’esplosione in diretta di una stella gigante e la missione Nasa Insight per Marte pronta già nel 2016

Conciliare fisica classica e fisica quantistica partendo dallo spazio. È la proposta di uno studio appena pubblicato su Science, che ha sviluppato una simulazione in grado di dimostrare la natura qu...

Scoperta con Hubble la supernova più lontana,le forti braccia delle galassie a spirale e la ricostruzione della materia oscura nella storia dell'Universo

Bottino ghiotto, tanto per gli astrofisici che si occupano di supernove quanto per i cosmologi alle prese con l’ineffabile energia oscura. La scoperta della supernova SN UDS10Wil – prontamente ...

Un altro gigantesco monolito scoperto a Baalbek

Nell’estate del 2014, il Dipartimento Orientale del Deutsches Archäologisches Institut ha iniziato un nuovo scavo nel sito megalitico di Baalbek. Come noto da tempo, nel sito di Baalbek fu rit...

  • La formazione dei pianeti, le stelle compagne e la voragine scoperta su Marte


    Publish In: News Astronomia
  • Il mistero della Sfinge


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • La nuova frontiera dei biomateriali ibridi in 3D


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Buchi neri, superstringhe e gravità,l’esplosione in diretta di una stella gigante e la missione Nasa Insight per Marte pronta già nel 2016


    Publish In: News Astronomia
  • Scoperta con Hubble la supernova più lontana,le forti braccia delle galassie a spirale e la ricostruzione della materia oscura nella storia dell'Universo


    Publish In: News Astronomia
  • Un altro gigantesco monolito scoperto a Baalbek


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Primi passi per costruire strutture nanoscopiche

Tra le applicazioni possibili, vi sono la realizzazione di membrane nanoporose o di strutture a qubit per computer quantistici

L'antico sogno di realizzare strutture tridimensionali con una precisione atomica in un ambiente artificiale potrebbe non essere così lontano dalla realtà secondo quanto annunciato da John Randall, vice presidente di Zyvex Labs, una società che ha sede a Richardson, in Texas, nel corso del AVS 57th International Symposium & Exhibition, in corso ad Albuquerque, nel New Mexico.

I ricercatori di questa società privata hanno infatti dimostrato un processo che sfrutta la tecnica di microscopia a scansione a effetto tunnel per rimuovere uno alla volta gli atomi di idrogeno dalla superficie di un campione di silicio e, contemporaneamente, per aggiungere strati di di silicio solo nelle zone precedentemente liberate.

Finora la velocità del processo non ha superato i 50 atomi al secondo, ma Randall spera che con l'esperienza e con l'innovazione si possa arrivare a risultati notevolmente superiori.

"Esistono diverse possibilità per ottenere dei miglioramenti uno dei quali consiste nel procedere lungo direzioni parallele diverse”, ha spiegato il ricercatore. "Un incremento di un fattore mille nella velocità potrebbe presto essere alla nostra portata.”

Il processo Zyvex viene attualmente utilizzato solo su superfici di silicio che sono tipicamente rivestite da atomi d'idrogeno che si legano agli atomi esposti all'aria. Il processo avviene in due passi: nel primo, la sonda di un microscopio a scansione a effetto tunnel posto in una camera il cui è praticato uno vuoto molto spinto viene utilizzata come uno scalpello per rimuovere i singoli atomi di idrogeno da quei siti in cui successivamente si vuole aggiungere altri atomi di silicio.

Nel secondo, si introduce un gas idruro: un singolo strato di queste molecole si lega agli atomi di silicio. In seguito a questa fase di deposizione, viene rimosso il gas e il processo viene ripetuto fino a ottenere il numero voluto di strati tridimensionali di atomi di silicio.

Entro sette anni, Randall progetta di iniziare la produzione di strumenti in grado di rimuovere più di un milione di atomi di idrogeno al secondo utilizzando 10 sonde in parallelo al prezzo di 2000 dollari per micron cubici di silicio aggiunto, corrispondenti a 48 miliardi di atomi.

Tra le possibili applicazioni, vi sono la realizzazione di membrane nanoporose o di le strutture a qubit per computer quantistici.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit