Text Size
Lunedì, Ottobre 14, 2019
Scienza e Futuro Primi passi per costruire strutture nanoscopiche

Una nuova stella nova in cielo, il prolungamento della missione del satellite Fermi e l'inversione polare del Sole

È apparsa il 14 agosto, lì dove prima non era possibile distinguere nulla: una “nuova stella”, una nova. A individuarla è stato un astronomo dilettante giapponese, Koichi Itagaki, mentre osservava...

L'Ufo filmato vicino al Sole che ne causa una tremenda eruzione solare

Sempre più avvistamenti vengono fatti dai satelliti che monitorano il Sole. L'ultimo avvistamento avvenuto l'1 Novembre ha però filmato una strana particolarità, infatti, come potrete vedere nel vid...

Il generale Miller degli Stati Uniti dichiara la minaccia di uno scontro con eserciti ibridi ed omini verdi

Come riportato dal sito web di informazione OpenMinds, in una conferenza organizzata poche settimane fa presso l’Università di Norwich, il generale Mark A. Milley, capo di stato maggiore dell’Eserc...

La galassia gigante immersa nel gelo, le nuove ipotesi sulle origini di Plutone e l'osservazione dei transiti planetari extrasolari visti da Terra

Gli astronomi l’hanno ribattezzata Spiderweb, ovvero ragnatela, ed è una galassia gigante in formazione che si trova al centro di un ammasso di galassie molto distanti, lontane da noi 10 miliardi...

I lanci spaziali russi falliti, le nuove scoperte di Opportunity e le prime rivendicazioni lunari

Anche i russi possono sbagliare. E' accaduto con il cargo Progress lanciato il 24 agosto con a bordo i rifornimenti per l'equipaggio della Stazione Spaziale. Il malfunzionamento del razzo di lancio...

L'immortalità sempre più vicina: individuate i tre elementi chiave per "spegnere" l'invecchiamento

ROMA - Se in natura vi sono animali che invecchiano pochissimo e vivono molto più a lungo dell'uomo, la causa sta nella stabilità delle reti genetiche, cioè tutta la catena di azioni regolata dai...

  • Una nuova stella nova in cielo, il prolungamento della missione del satellite Fermi e l'inversione polare del Sole


    Publish In: News Astronomia
  • L'Ufo filmato vicino al Sole che ne causa una tremenda eruzione solare


    Publish In: Le Prove
  • Il generale Miller degli Stati Uniti dichiara la minaccia di uno scontro con eserciti ibridi ed omini verdi


    Publish In: Le Prove
  • La galassia gigante immersa nel gelo, le nuove ipotesi sulle origini di Plutone e l'osservazione dei transiti planetari extrasolari visti da Terra


    Publish In: News Astronomia
  • I lanci spaziali russi falliti, le nuove scoperte di Opportunity e le prime rivendicazioni lunari


    Publish In: News Astronomia
  • L'immortalità sempre più vicina: individuate i tre elementi chiave per "spegnere" l'invecchiamento


    Publish In: Scienza e Futuro

Primi passi per costruire strutture nanoscopiche

Tra le applicazioni possibili, vi sono la realizzazione di membrane nanoporose o di strutture a qubit per computer quantistici

L'antico sogno di realizzare strutture tridimensionali con una precisione atomica in un ambiente artificiale potrebbe non essere così lontano dalla realtà secondo quanto annunciato da John Randall, vice presidente di Zyvex Labs, una società che ha sede a Richardson, in Texas, nel corso del AVS 57th International Symposium & Exhibition, in corso ad Albuquerque, nel New Mexico.

I ricercatori di questa società privata hanno infatti dimostrato un processo che sfrutta la tecnica di microscopia a scansione a effetto tunnel per rimuovere uno alla volta gli atomi di idrogeno dalla superficie di un campione di silicio e, contemporaneamente, per aggiungere strati di di silicio solo nelle zone precedentemente liberate.

Finora la velocità del processo non ha superato i 50 atomi al secondo, ma Randall spera che con l'esperienza e con l'innovazione si possa arrivare a risultati notevolmente superiori.

"Esistono diverse possibilità per ottenere dei miglioramenti uno dei quali consiste nel procedere lungo direzioni parallele diverse”, ha spiegato il ricercatore. "Un incremento di un fattore mille nella velocità potrebbe presto essere alla nostra portata.”

Il processo Zyvex viene attualmente utilizzato solo su superfici di silicio che sono tipicamente rivestite da atomi d'idrogeno che si legano agli atomi esposti all'aria. Il processo avviene in due passi: nel primo, la sonda di un microscopio a scansione a effetto tunnel posto in una camera il cui è praticato uno vuoto molto spinto viene utilizzata come uno scalpello per rimuovere i singoli atomi di idrogeno da quei siti in cui successivamente si vuole aggiungere altri atomi di silicio.

Nel secondo, si introduce un gas idruro: un singolo strato di queste molecole si lega agli atomi di silicio. In seguito a questa fase di deposizione, viene rimosso il gas e il processo viene ripetuto fino a ottenere il numero voluto di strati tridimensionali di atomi di silicio.

Entro sette anni, Randall progetta di iniziare la produzione di strumenti in grado di rimuovere più di un milione di atomi di idrogeno al secondo utilizzando 10 sonde in parallelo al prezzo di 2000 dollari per micron cubici di silicio aggiunto, corrispondenti a 48 miliardi di atomi.

Tra le possibili applicazioni, vi sono la realizzazione di membrane nanoporose o di le strutture a qubit per computer quantistici.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit