Text Size
Venerdì, Ottobre 18, 2019
Scienza e Futuro Quelle fotocelle che si assemblano sa sole

La memoria complessiva dell'umanità

RADIO e televisioni diffondono ogni anno 1,9 zettabyte di informazioni. Cosa vuol dire questa cifra? Che ogni essere umano, neonati inclusi, ha a disposizione un numero di parole equivalente a 1...

Le sorprese astronomiche rivelate dalla sonda Genesis,l'oceano di lava della luna IO e la scelta del progetto spaziale al Discovery Program

Sole e pianeti rocciosi come il nostro sono più diversi di quanto credevamo. Ce lo dicono le analisi di alcune particelle emesse dal Sole raccolte dalla sonda Genesis. Analisi che hanno rivelato un...

Il Vulcano Popocatepetl torna a far parlare di sè con una intensa attività Ufo

Ancora una volta, il famoso Vulcano Popocatepetl è tornato a far parlare di sé, per via di una straordinaria attività UFO-Orbs registrata il 17 giugno 2016 attraverso una telecamera a infrarossi, ...

Quattro Ufo in formazione vengono fotografati dallo spazio dalla Nasa

Una delle ultime testimonianze sulla presenza Ufo nel nostro pianeta, viene direttamente dalla Nasa che, involontariamente, ha fotografato 4 Ufo che volavano in formazione. La foto in questione, (vi...

I suoni di stelle, galassie e pianeti

La musica nello spazio è importante per tenere alto il morale degli equipaggi che affrontano mesi di missione. Lo raccontano gli astronauti che a bordo delle navicelle hanno portato brani dalla Te...

Un altro piccolo passo in avanti verso il Teletrasporto

Volendo interpretare gli eventi in termini di competizione internazionale, si potrebbe dire che la Cina si sta facendo sotto ma la vecchia Europa non ha  intenzione di cedere il suo primato. Vis...

  • La memoria complessiva dell'umanità


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Le sorprese astronomiche rivelate dalla sonda Genesis,l'oceano di lava della luna IO e la scelta del progetto spaziale al Discovery Program


    Publish In: News Astronomia
  • Il Vulcano Popocatepetl torna a far parlare di sè con una intensa attività Ufo


    Publish In: Le Prove
  • Quattro Ufo in formazione vengono fotografati dallo spazio dalla Nasa


    Publish In: Le Prove
  • I suoni di stelle, galassie e pianeti


    Publish In: L'Universo e il Sistema Solare
  • Un altro piccolo passo in avanti verso il Teletrasporto


    Publish In: Scienza e Futuro

Quelle fotocelle che si assemblano sa sole

Le piante com’è noto sono un ottimo modello dei “dispositivi” di conversione dell’energia luminosa, non solo il termini di efficienza ma anche di affidabilità.

Ora, dopo decenni di ricerche in questa direzione, i ricercatori del MIT di Boston sono riusciti per la prima volta a riprodurre artificialmente questi aspetti in un dispositivo fotovoltaico.

Uno dei problemi nello sfruttamento della luce solare è che i raggi del Sole possono essere altamente distruttivi per molti materiali. La luce solare porta infatti a una graduale degradazione di molti sistemi sviluppati per sfruttarne l’energia. Per superare questo ostacolo, le piante hanno evoluto una strategia estremamente interessante: scindono e riassemblano perpetuamente le molecole che catturano la luce, che così in sostanza risultano sempre nuove.

Il processo è stato ora riprodotto da Michael Strano, professore di ingegneria chimica e dal suo team che hanno realizzato un inedito insieme di molecole in grado di autoassemblarsi e di convertire la luce in elettricità. Esse possono essere continuamente disgregate e riassemblate semplicemente con l’aggiunta di un solvente.

Come riferito in un articolo sulla rivista Nature Chemistry, Strano e colleghi hanno prodotto "dischi" di natura fosfolipidica che costituiscono un supporto strutturale per altre molecole in grado di reagire alla radiazione luminosa formando strutture chiamate centri di reazione, che rilasciano elettroni una volta investite dalla luce.

I dischi sono posti in una soluzione in cui si legano spontaneamente a nanotubi di carbonio che li tengono in un allineamento uniforme in modo che i centri di reazione possano essere esposti alla luce uno alla volta e fungano anche da cavi in grado di raccogliere e incanalare il flusso di elettroni emessi dalle molecole reattive.

Il sistema di Strano e colleghi è costituito da sette differenti composti, inclusi i nanotubi di carbonio, i fosfolipidi e le proteine che costituiscono i centri di reazione e che sotto le opportune condizioni si assemblano in una struttura in grado di raccogliere la luce e produrre una corrente elettrica. Quando viene aggiunto un surfattante, questi sette composti si separano gli uni dagli altri.

Rimuovendo il surfattante con una membrana, i composti tornano ad assemblarsi spontaneamente in una fotocella perfettamente rinnovata.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit