Text Size
Domenica, Gennaio 21, 2018
Scienza e Futuro Quelle fotocelle che si assemblano sa sole

Il mistero dei 31 messaggi extraterrestri pubblicati dall'NSA

Sì, avete letto bene. Sembrerebbe ufficiale: Gli alieni esistono! L' NSA (National Security Agency) ha rilasciato un file che non lascia dubbi e che rilancia l'ufficilità di altre civiltà aliene nel...

L'Ufo a forma di anello filmato sul vulcano Fuji

Altri dettagli non sono stati resi pubblici, ma comunque è interessante come avvistamento per cui vale la pena di pubblicarlo. Questo oggetto non identificato si trova immobile nel cielo e prese...

I primi due pianeti scoperti da casa,il pianeta gigante scomparso e la fine del progetto MARS500

Prima doppietta segnata dai Planet Hunters, i cacciatori domestici di pianeti. Sono i 40.000 navigatori del web che comodamente seduti a casa, davanti ai loro computer hanno analizzato la luce emes...

Le misteriose sfere metalliche di Klerksdorp

Le sfere metalliche di Klerksdorp sono sfere dall'aspetto metallico di diametro variabile da 1 a 2 centimetri, ritrovate dei primi anni ottanta nelle cave di pirofillite presso la cittadina di Ottosda...

I tre più strani avvistamenti Ufo di questo mese

Nel video seguente vengono riportati ben tre avvistamenti di Ufo. Il primo è visibile in Google Earth nella costa ovest americana dove un Ufo di forma triangolare sembra spostarsi sottacqua (visibil...

Il mistero irrisolto delle cupole in metallo sotterranee in Siberia

La Repubblica di Yakutia (conosciuta anche come Jakutia o Sakha), si trova nella Russia nord-orientale (Siberia), a sud della tundra artica in Russia ed è conosciuta come il luogo abitato più fred...

  • Il mistero dei 31 messaggi extraterrestri pubblicati dall'NSA


    Publish In: Le Prove
  • L'Ufo a forma di anello filmato sul vulcano Fuji


    Publish In: Le Prove
  • I primi due pianeti scoperti da casa,il pianeta gigante scomparso e la fine del progetto MARS500


    Publish In: News Astronomia
  • Le misteriose sfere metalliche di Klerksdorp


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • I tre più strani avvistamenti Ufo di questo mese


    Publish In: Le Prove
  • Il mistero irrisolto delle cupole in metallo sotterranee in Siberia


    Publish In: Uomini e Misteri

Quelle fotocelle che si assemblano sa sole

Le piante com’è noto sono un ottimo modello dei “dispositivi” di conversione dell’energia luminosa, non solo il termini di efficienza ma anche di affidabilità.

Ora, dopo decenni di ricerche in questa direzione, i ricercatori del MIT di Boston sono riusciti per la prima volta a riprodurre artificialmente questi aspetti in un dispositivo fotovoltaico.

Uno dei problemi nello sfruttamento della luce solare è che i raggi del Sole possono essere altamente distruttivi per molti materiali. La luce solare porta infatti a una graduale degradazione di molti sistemi sviluppati per sfruttarne l’energia. Per superare questo ostacolo, le piante hanno evoluto una strategia estremamente interessante: scindono e riassemblano perpetuamente le molecole che catturano la luce, che così in sostanza risultano sempre nuove.

Il processo è stato ora riprodotto da Michael Strano, professore di ingegneria chimica e dal suo team che hanno realizzato un inedito insieme di molecole in grado di autoassemblarsi e di convertire la luce in elettricità. Esse possono essere continuamente disgregate e riassemblate semplicemente con l’aggiunta di un solvente.

Come riferito in un articolo sulla rivista Nature Chemistry, Strano e colleghi hanno prodotto "dischi" di natura fosfolipidica che costituiscono un supporto strutturale per altre molecole in grado di reagire alla radiazione luminosa formando strutture chiamate centri di reazione, che rilasciano elettroni una volta investite dalla luce.

I dischi sono posti in una soluzione in cui si legano spontaneamente a nanotubi di carbonio che li tengono in un allineamento uniforme in modo che i centri di reazione possano essere esposti alla luce uno alla volta e fungano anche da cavi in grado di raccogliere e incanalare il flusso di elettroni emessi dalle molecole reattive.

Il sistema di Strano e colleghi è costituito da sette differenti composti, inclusi i nanotubi di carbonio, i fosfolipidi e le proteine che costituiscono i centri di reazione e che sotto le opportune condizioni si assemblano in una struttura in grado di raccogliere la luce e produrre una corrente elettrica. Quando viene aggiunto un surfattante, questi sette composti si separano gli uni dagli altri.

Rimuovendo il surfattante con una membrana, i composti tornano ad assemblarsi spontaneamente in una fotocella perfettamente rinnovata.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit