Text Size
Mercoledì, Gennaio 27, 2021
Scienza e Futuro Quelle fotocelle che si assemblano sa sole

La misteriosa origine dei monoliti di Asuka in Giappone

Asuka affonda le sue origini nel periodo della storia giapponese definito Jidai Kofun (250-552 d.C.), caratterizzato dalla realizzazione di numerosi tumuli funerari. La zona è conosciuta anche...

Giove

Giove orbita attorno al Sole ad una distanza media di 5,20 unità astronomiche e compie una rivoluzione in 11,8565 anni siderali. L'orbita del pianeta è inclinata di 1,305° rispetto all'eclittica e d...

La galassia J2240 eccezionalmente luminosa, la formazione di pianeti rocciosi attorno alle Nane Brune e le molecole organiche di Marte

Una galassia lontana e di un verde brillante: è questo oggetto che ha catturato l’attenzione di un gruppo internazionale di astronomi mentre analizzavano immagini dell’Universo profondo. A 3,7 mili...

L'incontro tra il buco nero e la grande nube,la cometa Lovejoy e gli astromateriali persi della Nasa

  Per il buco nero gigante al centro della nostra Galassia è tempo di risvegliarsi e prepararsi per un pasto inatteso. Una grande nube di gas ci sta finendo dentro ma prima sarà ridotta in tanti l...

L'evoluzione dei telescopi, dal cannocchiale allo Spitzer

Lo strumento usato da Galileo per osservare il cielo era un oggetto semplice. Si trattava di un telescopio rifrattore che aveva due lenti ai due estremi di due tubi, di cui uno entrava nell'altro. ...

La città di Angkor,il popolo khmer e il 2012

L'impero Khmer ha avuto vita breve: nel XIV secolo è iniziato il suo declino e nel XV si è dissolto; eppure in questo tempo migliaia di edifici sono stati costruiti, con una precisione architettonica ...

Quelle fotocelle che si assemblano sa sole

Le piante com’è noto sono un ottimo modello dei “dispositivi” di conversione dell’energia luminosa, non solo il termini di efficienza ma anche di affidabilità.

Ora, dopo decenni di ricerche in questa direzione, i ricercatori del MIT di Boston sono riusciti per la prima volta a riprodurre artificialmente questi aspetti in un dispositivo fotovoltaico.

Uno dei problemi nello sfruttamento della luce solare è che i raggi del Sole possono essere altamente distruttivi per molti materiali. La luce solare porta infatti a una graduale degradazione di molti sistemi sviluppati per sfruttarne l’energia. Per superare questo ostacolo, le piante hanno evoluto una strategia estremamente interessante: scindono e riassemblano perpetuamente le molecole che catturano la luce, che così in sostanza risultano sempre nuove.

Il processo è stato ora riprodotto da Michael Strano, professore di ingegneria chimica e dal suo team che hanno realizzato un inedito insieme di molecole in grado di autoassemblarsi e di convertire la luce in elettricità. Esse possono essere continuamente disgregate e riassemblate semplicemente con l’aggiunta di un solvente.

Come riferito in un articolo sulla rivista Nature Chemistry, Strano e colleghi hanno prodotto "dischi" di natura fosfolipidica che costituiscono un supporto strutturale per altre molecole in grado di reagire alla radiazione luminosa formando strutture chiamate centri di reazione, che rilasciano elettroni una volta investite dalla luce.

I dischi sono posti in una soluzione in cui si legano spontaneamente a nanotubi di carbonio che li tengono in un allineamento uniforme in modo che i centri di reazione possano essere esposti alla luce uno alla volta e fungano anche da cavi in grado di raccogliere e incanalare il flusso di elettroni emessi dalle molecole reattive.

Il sistema di Strano e colleghi è costituito da sette differenti composti, inclusi i nanotubi di carbonio, i fosfolipidi e le proteine che costituiscono i centri di reazione e che sotto le opportune condizioni si assemblano in una struttura in grado di raccogliere la luce e produrre una corrente elettrica. Quando viene aggiunto un surfattante, questi sette composti si separano gli uni dagli altri.

Rimuovendo il surfattante con una membrana, i composti tornano ad assemblarsi spontaneamente in una fotocella perfettamente rinnovata.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit