Text Size
Lunedì, Ottobre 14, 2019
Oopart Archeomisteri Astroanuta di Palenque

Akakor, l'antica città degli Dei

Antichissime città perdute nel cuore delle foreste brasiliane custodiscono segreti legati alla discesa di esseri di altri mondi. L’avventura del giornalista tedesco Karl Brugger ha inizio in un bar ...

I nomi delle lune di Plutone, il mistero dei potenti lampi radio e cosa succede attorno ai buchi neri giganti

Nessuna delle lune di Plutone verrà chiamata Vulcano, con buon pace dei fan di Star Trek. Ma andiamo con ordine: Plutone è uno dei pianeti nani del nostro sistema solare. Sino a due anni fa si cono...

Lo straordinario video dell'Orb ripreso in pieno giorno

In questo video realizzato a sant'Antonio viene ripreso un Orb in pieno giorno, di seguito la testimonianza della signora Garcia autrice del video "Durante le riprese in lontananza ho visto quello ...

Il Toro di Stanford, un sistema per colonizzare lo spazio

Un Toro di Stanford è un progetto di habitat spaziale proposto nel 1975 da uno studio della NASA presso la Stanford University, capace di ospitare approssimativamente 10.000 residenti permanenti. Ha l...

La tecnologia futuristica usata dagli antichi vichinghi che sorprende gli scienziati

Le cronache raccontano che chi brandiva una spada Ulfberht aveva un vantaggio significativo rispetto ai nemici. Anche se di dimensioni e forma simili ad una comune spada vichinga, la Ulfberht e...

La misteriosa orma (umana?)di 600 milioni di anni fa

Nell'estate del 1968, William J. Meister, stava cercando fossili per la sua collezione vicino ad Antelope Spring, 43 miglia da ovest di Delta, Utah. Era accompagnato da sua moglie e due figlie, e da ...

  • Akakor, l'antica città degli Dei


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • I nomi delle lune di Plutone, il mistero dei potenti lampi radio e cosa succede attorno ai buchi neri giganti


    Publish In: News Astronomia
  • Lo straordinario video dell'Orb ripreso in pieno giorno


    Publish In: Le Prove
  • Il Toro di Stanford, un sistema per colonizzare lo spazio


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • La tecnologia futuristica usata dagli antichi vichinghi che sorprende gli scienziati


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La misteriosa orma (umana?)di 600 milioni di anni fa


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Astroanuta di Palenque

Una scoperta avvenne in Messico, nel 1952, a Palenque, all'interno di una piramide nota come "Il Tempio delle Iscrizioni". Una lastra monolitica copriva il sarcofago contenente i resti di un uomo dal volto coperto da una maschera di giada, le cui caratteristiche differivano dalla media e dalle usanze della popolazione, con i suoi 173 centimetri di altezza (20 cm in più della media) e per la forma "normale" del cranio invece di essere "allungato" (vedi foto) come si conveniva ai nobili di quel popolo. Il monarca Pacal, l'uomo sotto la maschera di giada, sembrava essere stato un uomo robusto, tra i 40 e i 50 anni. I suoi denti, sebbene dipinti di rosso, erano normali, e non erano né appuntiti né adornati, cosa inusuale per un maya adulto di alto rango.

Ma la cosa più sorprendente è la scultura in altorilievo che adornava la lastra tombale, oggi conosciuta col nome di "Astronauta di Palenque". Molto si è scritto sui Maya, ma in massima parte i trattati hanno avuto carattere "tecnico", cioè rivolto ad altri archeologi o specialisti, o "giornalistico" dove si sacrifica la "verità" per far risaltare gli aspetti convenzionali, suggestivi o mistici, come la prima descrizione della suddetta lastra incontrata dall'Autore nel corso dei suoi studi:

"La figura umana al centro della scultura si trova inserita in una sorta di abitacolo suddiviso in vari compartimenti, con a poppa grossi apparati simili alle parti meccaniche di un motore, in cui si possono identificare numerosi tubi. L'idea della propulsione a getto si suppone dall'immagine della fiammata che fuoriesce dalla parte posteriore del veicolo. L'idea del volo è rafforzata dall'immagine di un pappagallo in volo al di fuori della cabina e dall'immagine del Sole, della Luna, Venere e la stella Polare. Due glifi riportavano la data degli anni 603 e 633 dell'era cristiana. In quanto all'uomo, egli risulterebbe seduto e circondato da una cintura che pare assicurarlo al sedile stesso, ed è intento a manovrare, con entrambe le mani, delle leve o pomelli facenti parte della struttura del veicolo mentre una specie di inalatore gli penetra nelle narici. Anteriormente al veicolo si possono identificare delle prese d'aria, da cui si deduce il volo atmosferico. Infine, la capigliatura dell'enigmatico personaggio protesa verso l'alto fa pensare a qualche misteriosa forma di antigravità, ma ciò non può essere ancora detto in quanto l'uomo del ventesimo secolo non è giunto a questo punto e l'antigravità non può esservi riconosciuta in mezzi volanti atmosferici".

Video Astroanuta di Palenque


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit