Text Size
Domenica, Ottobre 21, 2018
Oopart Archeomisteri Astroanuta di Palenque

Un nuovo segreto scoperto nel quadro della Gioconda di Da Vinci

Il mistero della Gioconda, uno dei più celebri dipinti di ogni tempo, probabilmente resterà tale fino alla fine dei tempi. E come tale continuerà a scatenare una continua ridda di ipotesi più o me...

Real mistery: lo strano essere (un elfo?) ripreso nel bosco

Una famiglia, padre edi i 2 figli, vanno nel bosco vicino ad un parco giochi quando ad un certo punto vedono uno strano insetto e vanno per filmarlo. Nel video si vede che non era esattamente un ins...

Il mistero dei sarcofagi giganti a Saqqara in Egitto

Situato sulla riva ovest del Nilo, a circa 30 km a sud de Il Cairo, si trova il sito di Saqqara, una delle aree funerarie più antiche e vaste di tutto l’antico Egitto. Sull’immensa necropoli t...

La futura interazione tra macchina e cervello

La fantascienza cyberpunk degli anni ottanta raccontava di «impianti neurali» che connettevano il cervello a un dispositivo informatico. L’attore Keanu Reeves, protagonista di Johnny Mnemonic (1995)...

Mauro Biglino spiega la Bibbia, Ufo e Alieni

L'Ufologia è costantemente impegnata nella complessa attività di verificare, ogni giorno, l'attendibilità del materiale relativo ad avvistamenti di presunti UFO che giunge da ogni parte del globo...

Trovato un meteorite da Marte di 2,4 miliardi di anni, i dati pubblici sulle tempeste solari e la soluzione al mistero della polvere cosmica

Alcuni dei vulcani più longevi del Sistema solare si trovano su Marte. L’ipotesi, già presa in considerazione dai ricercatori impegnati in questo tipo di studi, è stata confermata grazie all’anali...

  • Un nuovo segreto scoperto nel quadro della Gioconda di Da Vinci


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Real mistery: lo strano essere (un elfo?) ripreso nel bosco


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il mistero dei sarcofagi giganti a Saqqara in Egitto


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • La futura interazione tra macchina e cervello


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Mauro Biglino spiega la Bibbia, Ufo e Alieni


    Publish In: Le Prove
  • Trovato un meteorite da Marte di 2,4 miliardi di anni, i dati pubblici sulle tempeste solari e la soluzione al mistero della polvere cosmica


    Publish In: News Astronomia

Astroanuta di Palenque

Una scoperta avvenne in Messico, nel 1952, a Palenque, all'interno di una piramide nota come "Il Tempio delle Iscrizioni". Una lastra monolitica copriva il sarcofago contenente i resti di un uomo dal volto coperto da una maschera di giada, le cui caratteristiche differivano dalla media e dalle usanze della popolazione, con i suoi 173 centimetri di altezza (20 cm in più della media) e per la forma "normale" del cranio invece di essere "allungato" (vedi foto) come si conveniva ai nobili di quel popolo. Il monarca Pacal, l'uomo sotto la maschera di giada, sembrava essere stato un uomo robusto, tra i 40 e i 50 anni. I suoi denti, sebbene dipinti di rosso, erano normali, e non erano né appuntiti né adornati, cosa inusuale per un maya adulto di alto rango.

Ma la cosa più sorprendente è la scultura in altorilievo che adornava la lastra tombale, oggi conosciuta col nome di "Astronauta di Palenque". Molto si è scritto sui Maya, ma in massima parte i trattati hanno avuto carattere "tecnico", cioè rivolto ad altri archeologi o specialisti, o "giornalistico" dove si sacrifica la "verità" per far risaltare gli aspetti convenzionali, suggestivi o mistici, come la prima descrizione della suddetta lastra incontrata dall'Autore nel corso dei suoi studi:

"La figura umana al centro della scultura si trova inserita in una sorta di abitacolo suddiviso in vari compartimenti, con a poppa grossi apparati simili alle parti meccaniche di un motore, in cui si possono identificare numerosi tubi. L'idea della propulsione a getto si suppone dall'immagine della fiammata che fuoriesce dalla parte posteriore del veicolo. L'idea del volo è rafforzata dall'immagine di un pappagallo in volo al di fuori della cabina e dall'immagine del Sole, della Luna, Venere e la stella Polare. Due glifi riportavano la data degli anni 603 e 633 dell'era cristiana. In quanto all'uomo, egli risulterebbe seduto e circondato da una cintura che pare assicurarlo al sedile stesso, ed è intento a manovrare, con entrambe le mani, delle leve o pomelli facenti parte della struttura del veicolo mentre una specie di inalatore gli penetra nelle narici. Anteriormente al veicolo si possono identificare delle prese d'aria, da cui si deduce il volo atmosferico. Infine, la capigliatura dell'enigmatico personaggio protesa verso l'alto fa pensare a qualche misteriosa forma di antigravità, ma ciò non può essere ancora detto in quanto l'uomo del ventesimo secolo non è giunto a questo punto e l'antigravità non può esservi riconosciuta in mezzi volanti atmosferici".

Video Astroanuta di Palenque


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit