Text Size
Sabato, Giugno 06, 2020
Oopart Archeomisteri Le antiche e misteriose grotte di Mustang costruite a diversi metri da terra da antichi popoli in Nepal

Il mistero della Caverna dei Cristalli

Alcuni di voi avranno già sentito parlare della Caverna dei Cristalli, un luogo sotterrano dalle temperature estreme, formazioni cristalline di dimensioni ciclopiche e un perfetto terreno di studi...

La fusione dei buchi neri nati dalla stessa stella, la posizione stimata per il Pianeta X nel nostro Sistema Solare ed i primi piani per mandare un lander sulla luna Europa

I due buchi neri, la cui fusione (coalescenza, come dicono gli addetti ai lavori) ha dato origine alla brevissima onda gravitazionale rilevata da LIGO il 14 settembre 2015, potrebbero essersi origin...

La battaglia Ufo avvenuta nel 1561 a Norimberga

Rappresentazione grafica dell'evento realizzata da un testimone dell'epoca Ciò che accadde sopra i cieli della città di Norimberga è stata probabilmente una grande battaglia tra flo...

I due Ufo che decollavano dalla Luna durante l'eclissi solare

Durante l'eclissi solare, avvenuta parzialmente anche in Italia, molti hanno deciso di filmare l'evento raro. In uno di questi video sono state notate diverse anomalie, infatti durante l'eclissi sol...

Gli enigmatici petroglifi della Roccia di Judaculla. Tra antichi giganti e codici preistorici

Viaggiando ad ovest di Asheville, nella Carolina del Nord e attraversando la frontiera con la Conta di Jackson, si giunge nella piccola comunità di Tuckasegee, uno dei luoghi inseriti nel National...

Ultime ipotesi sulla materia oscura, l'anello più grande e la storia di un asteroide

La materia oscura diventa ancora più oscura. Se prima si discuteva quale potesse essere la sua vera natura, non ultima l’ipotesi che si tratti di un mare di microscopiche particelle, ora se ne mette i...

  • Il mistero della Caverna dei Cristalli


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La fusione dei buchi neri nati dalla stessa stella, la posizione stimata per il Pianeta X nel nostro Sistema Solare ed i primi piani per mandare un lander sulla luna Europa


    Publish In: News Astronomia
  • La battaglia Ufo avvenuta nel 1561 a Norimberga


    Publish In: Le Prove
  • I due Ufo che decollavano dalla Luna durante l'eclissi solare


    Publish In: Le Prove
  • Gli enigmatici petroglifi della Roccia di Judaculla. Tra antichi giganti e codici preistorici


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Ultime ipotesi sulla materia oscura, l'anello più grande e la storia di un asteroide


    Publish In: News Astronomia

Le antiche e misteriose grotte di Mustang costruite a diversi metri da terra da antichi popoli in Nepal


Nascoste tra le cime dell’Himalaya, esiste un luogo con circa 10 mila grotte artificiali scavate nella roccia viva a circa 60 metri d’altezza, in una gola così grande da superare di gran lunga il Gran Canyon.

L’impressionante numero di grotte si trova nel nord del Nepal, nel Distretto di Mustang, e rappresenta uno dei più grandi misteri archeologici del mondo.

Alcune di esse sono uniche, con un solo ingresso aperto su un vasto fronte di rocce frastagliate. Altre, invece, sono state realizzate in gruppo, una sull’altra, presentando accatastamenti verticali anche su nove livelli.

Gli archeologici non sanno chi le abbia costruite, né quale fosse la loro funzione. Inoltre, non si riesce a comprendere come facessero le persone a salire verso queste cavità realizzate a diversi metri dal suolo.


A metà degli anni ’90, archeologi provenienti dal Nepal e dall’Università di Colonia hanno cominciato ad esplorare l’interno delle grotte, trovando una dozzina di corpi umani, tutti antichi di almeno 2 mila anni.

Da allora, gruppi di ricercatori hanno continuato ad indagare le ‘Grotte di Mustang’. Coloro che hanno avuto la fortuna di visitare le misteriose grotte hanno raccontato di aver avuto l’impressione di trovarsi di fronte ad un gigantesco castello di sabbia.

Uno di questi è Cory Richards, un fotografo d’avventura, che insieme all’archeologo Mark Aldenderfer, allo scalatore Pete Athans e ad una squadra di esploratori, si è recato sul sito alla ricerca di reliquie nascoste e grotte inesplorate. “Onestamente, quando sono arrivato mi sono reso conto che il sito è più grande di qualsiasi cosa abbia mai potuto immaginare”, racconta Richards.

In alcune cavità sono stati rinvenuti diversi murales e manoscritti che illustrano la storia buddista. I ricercatori pensano che l’utilizzo delle grotte di Mustang sia divisibile in almeno tre periodi.


Le grotte venivano utilizzate già nel 1000 a.C. come camere funerari. Ma non si esclude che le cavità siano state utilizzate successivamente dalle antiche popolazioni locali come rifugio in caso di attacco. La maggior parte delle grotte, infatti, risulta essere vuota, anche se in alcune di esse sono stati trovati segni di vita domestica: focolari, attrezzi e contenitori.

Richards è entusiasta dell’esperienza vissuta. Come egli stesso afferma, cercherà di trasmettere la bellezza delle Grotte di Mustang con la sua attività di fotografo: “Essenzialmente, alla fine di questa esperienza, ciò che per me è stato illuminante è il connubio tra scienza, esplorazione e cultura”, conclude il foto-esploratore.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit