Text Size
Giovedì, Dicembre 12, 2019
Oopart Archeomisteri Le incredibili statuine di 12.000 anni fa raffiguranti esseri rettiliani

Armi moderne: nEUROn dassault, il nuovo drone stealth europeo

Il nEUROn è un programma europeo, cominciato dalla francese Dassault, per la progettazione di un aeromobile da combattimento a pilotaggio remoto (APR) dalle accentuate caratteristiche stealth. Ques...

L'incredibile foto storica del cavallo col buco

Questa storia ha dell'incredibile: è stata pubblicata sul numero 195 di Focus, ma la riprendiamo qui, per chi se la fosse persa.Questa fotografia, tratta dall'Archivio Gallino, è stata inviata alla re...

Le memorie dell'acqua di Masaru Emoto

Masaru Emoto è lo scienziato giapponese che ha dimostrato la capacità dell'acqua di memorizzare le informazioni che riceve dall'ambiente dando forma a cristalli diversi per ogni tipo di "messaggio".Ma...

La scoperta della 14ma luna di Nettuno, la nube che incontra un buco nero e la breve 2da passeggiata di Parmitano nello spazio

Piccola e sfuggente era sempre passata inosservata anche se, come ha ironicamente dichiarato Mark Showlter del SETI Institute “Chiunque avrebbe potuto scoprirla”. È un piccolo oggetto in orbita in...

La prima stampante 3D che crea i tessuti umani artificiali

Una stampante in 3D potrà essere utilizzata per ricreare tessuti umani artificiali capaci di sostituire le cellule danneggiate. La stampante – costruita su misura da Gabriel Villar, autore princi...

Marte stupisce ancora, fotografata dal Mars Curiosity una vera statua...marziana

Da Rocknest, il rover Nasa Curiosity ha eseguito una serie di foto panoramiche di Marte che opportunamente assemblate hanno permesso di ottenere una successiva panoramica a 360° con una definizion...

  • Armi moderne: nEUROn dassault, il nuovo drone stealth europeo


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'incredibile foto storica del cavallo col buco


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Le memorie dell'acqua di Masaru Emoto


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La scoperta della 14ma luna di Nettuno, la nube che incontra un buco nero e la breve 2da passeggiata di Parmitano nello spazio


    Publish In: News Astronomia
  • La prima stampante 3D che crea i tessuti umani artificiali


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Marte stupisce ancora, fotografata dal Mars Curiosity una vera statua...marziana


    Publish In: Le Prove

Le incredibili statuine di 12.000 anni fa raffiguranti esseri rettiliani

figurine-di-nomoli

Tra i molti reperti antichi che sicuramente minacciano le tradizionali scuole di pensiero dell’archeologia classica ci sono le Statuine Nomoli.

Si tratta di piccole sculture in pietra alte dai 40 ai 70 centimetri che raffigurano in maniera accurata misteriosi esseri umanoidi deformi, spesso dall’aspetto rettile.

Le statuine furono scoperte tra gli anni ’80 e ’90 dalle popolazioni locali del Sierra Leone, durante la corsa ai diamanti nell’Africa occidentale.

L’origine delle figurine, denominate “Nomoli” dalla gente del luogo, è avvolta nel mistero, dato che non sembrano appartenere a nessuna cultura africana nota. Alcune statuine sono state rinvenute alla profondità di 50 metri, nello strato geologico che corrisponde all’età compresa tra gli 11 mila e i 12 mila anni fa.

Questo dato ha lasciato gli archeologi molto perplessi, dato che tale datazione non è conferme alle conoscenze attuali dell’archeologia classica, dal momento che le civiltà più antiche della regione si fanno risalire al 4 mila a.C. Da dove vengono, dunque, questi misteriosi manufatti?

Come spiegano i ricercatori John H. Atherton and Milan Kalous in un articolo comparso sulla rivista The Journal of African History, i Nomoli sono stati realizzati e utilizzati nella zona in cui si trovano. Dunque non sono stati importati.

Ma c’è di più! Come spiega Rossano Segalerba, pare che in una cavità all’interno di alcuni Nomoli vi siano delle palline metalliche e pietre provenienti dallo spazio. Le analisi svolte dal Museo di Storia Naturale di Vienna hanno mostrato che sono fatte di una strana mescolanza di cromo e acciaio.

Alcuni studiosi hanno, oltretutto, trovato tracce di una sostanza chiamata iridio nelle pietre, ma non c’è praticamente iridio nelle rocce del nostro pianeta, a meno che non sia portato dall’esterno, per esempio da un meteorite.

Chi mise lì dentro questi piccoli oggetti? E, cosa ancora più importante, come è stata prodotta la lega metallica di cui sono composti?

Le cosiddette “pietre di colore blu provenienti dal cielo” sono un ulteriore enigma nell’enigma. Una leggenda del posto dice: “La parte di cielo in cui Nomoli visse si trasformò in una pietra, che si scheggiò rotolando sulla terra”.

Tra l’altro, è interessante notare come la parola “Nomoli” abbia un’assonanza con“Nommo”, ovvero come, sempre nell’Africa occidentale, i Dogon del Mali chiamano gli esseri che in un lontano passato, secondo certi miti ancestrali, piovvero sulla Terra dalla stella Sirio.

Una leggenda africana narra che costoro “hanno vagato senza alcun impedimento in luoghi dove nessuno uomo era mai stato prima. Uno non li poteva guardare in faccia perchè i loro occhi erano così luminosi che provocavano cecità in chi li guardava: era come guardare il sole. A queste creature venne vietato l’ingresso nell’impero divino e inviate a Terra”. Quest’ultima parte ci riporta al mito della “caduta degli angeli”, di cui si parla in diverse culture, compresa quella giudeo-cristiana.

Secondo le popolazioni locali, le statuine Nomoli sarebbero un ricordo di queste creature divine esiliate sulla Terra. Esse hanno delle caratteristiche tipiche: sono realizzate in diversi tipi di pietra, presentano grandi nasi come quello di un rapace con le narici, grandi bocche, mostrando talvolta i denti. I loro crani sono piatti.

Alcune figurine ritraggono rettili dall’aspetto antropomorfo.

Altre rappresentazioni mostrano che i Nomoli, agli occhi di chi li ha prodotti, dovevano avere dimensioni considerevoli, tali da poter cavalcare tranquillamente un elefante.

Dunque, cosa rappresentano i Nomoli? Entità partorite dall’immaginazione religiosa di una cultura perduta di 12 mila anni fa, oppure sono la documentazione di una Antichi Astronauti extraterrestri entrati in contatto con i nostri antenati?

I ricercatori sono ancora lontani dal comprendere tutte le caratteristiche sconcertanti dei Nomoli. Certo è, che rappresentano l’ennesimo capitolo acnora non chiaro del passato dell’umanità.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit