Text Size
Giovedì, Novembre 23, 2017
Oopart Archeomisteri I reperti di Hueyatlaco e l'uomo di 300.000 anni fa che non dovrebbe esistere

Verso il controllo della mente: creati e impiantati i primi ricordi artificiali ed il mimetismo fotonico dei camaleonti

Durante il sonno è possibile creare ricordi artificiali, utilizzando una stimolazione transcranica di alcune aree cerebrali in una particolare fase di attività dell'ippocampo: lo ha dimostrato uno s...

La possessione che scioccò l'Inghilterra: il caso del poltergeist di Enfield

I fatti si svolsero in casa di Peggy Hodgson, una donna divorziata che viveva con i suoi 4 figli (Margaret, Janet, Pete e Jimmy) in una casa popolare al 284 di Green Street. In particolare, i feno...

Le vecchie galassie ellittiche continuano a formare stelle, la vita nell'arsenico e le caratteristiche dei pianeti abitabili

Saranno anche vecchie ma le galassie ellittiche continuano a formare stelle. Lo ha stabilito l'intramontabile telescopio spaziale Hubble, che ha studiato quattro galassie ellittiche, lontane 40 mil...

L'enigma della materia non visibile, la rapida formazione di Marte e la conclusione della missione di Spirit

Un altro giallo spaziale ha trovato soluzione. Al centro del caso: la luce delle stelle. Analizzandola, gli astronomi ottengono numerose informazioni. Compresa la certezza che in molti casi, lungo ...

La macchina del tempo

Anche se per molti sembrerà fantascienza è stata davvero costruita una macchina in grado di viaggiare nel tempo, facendo vedere in una televisione i fatti successi in questo pianeta dall'inizio dei te...

A seconda della forma la velocità della luce cambia e l'alfabeto usato dai nostri neuroni per le future protesi robotiche

Una delle certezze dei fisici è la velocità della luce nel vuoto, pari a quasi 300.000 chilometri al secondo. Deve essere stata una grande soddisfazione, quindi, quella provata da un gruppo di ric...

  • Verso il controllo della mente: creati e impiantati i primi ricordi artificiali ed il mimetismo fotonico dei camaleonti


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La possessione che scioccò l'Inghilterra: il caso del poltergeist di Enfield


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Le vecchie galassie ellittiche continuano a formare stelle, la vita nell'arsenico e le caratteristiche dei pianeti abitabili


    Publish In: News Astronomia
  • L'enigma della materia non visibile, la rapida formazione di Marte e la conclusione della missione di Spirit


    Publish In: News Astronomia
  • La macchina del tempo


    Publish In: Uomini e Misteri
  • A seconda della forma la velocità della luce cambia e l'alfabeto usato dai nostri neuroni per le future protesi robotiche


    Publish In: Scienza e Futuro

I reperti di Hueyatlaco e l'uomo di 300.000 anni fa che non dovrebbe esistere

 

Nei primi anni Settanta, alcuni archeologi statunitensi scoprirono alcuni strumenti ed armi in pietra in località Hueyatlaco, in Messico. Fra questi reperti figuravano punte di freccia e di lancia. Era chiaro fin dall’inizio per gli archeologi che le avevano scoperte che tali armi erano state usate da uomini come noi, e non certo da uomini-scimmia. Ma a che epoca risalivano esattamente?

In genere in questi casi la risposta la danno i geologi, in funzione degli strati geologici in cui sono i reperti. Nel caso specifico fu coinvolta Virginia Steen-McIntyre che, utilizzando i quattro più recenti metodi di datazione geologica con i colleghi dello "United States Geological Survey", determinò che gli strati in cui si trovavano i reperti risalivano a 300.000 anni fa!

Quando il dato fu comunicato al capo degli archeologi, la sua risposta fu immediata quanto seccata ed incredula: "Impossibile! Non esistevano uomini 300.000 anni or sono in nessun luogo del mondo!". Quanto al Nord America, le odierne teorie indicano la comparsa dell’uomo non prima di 30.000 anni a. C., com’è noto. E allora cosa fecero gli archeologi?

In primis, rifiutarono di pubblicare la data di 300.000 anni fa. In secundis, vi sostituirono invece una datazione più "logica": 20.000 anni or sono. Ciò in quanto un pezzo di conchiglia rinvenuto a ben 5 chilometri dal sito in cui i reperti furono rinvenuti aveva fornito una datazione al Carbonio 14 riferita, appunto, a 20.000 anni fa!


Ma la Dott.sa Virginia Steen-McIntyre (scopritrice dei manufatti nella foto sopra) non si dette per vinta, ribadendo i dati rilevati. Solo che ciò le comportò una pessima reputazione a livello professionale nonché la perdita dell’insegnamento universitario, mentre tutte le possibilità di avanzamento acquisite con la sua precedente attività presso l’"United States Geological Survey" furono bloccate. La scienziata ne fu così disgustata che si ritirò in una cittadina delle Montagne Rocciose, in Colorado, rimanendo in silenzio per anni. Finché io non venni a sapere del suo caso e lo menzionai in , "Forbidden Archaeology: the hidden history of the human race", conferendo al suo lavoro l’attenzione che merita. È anche grazie a ciò che oggi il sito di Hueyatlaco in Messico viene studiato da archeologi dalla mente più aperta, e c’è da sperare che le conclusioni della Steen-McIntyre trovino presto ulteriore conferma.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit