Text Size
Giovedì, Dicembre 12, 2019
Oopart Archeomisteri La mappa più antica ritrovata dall'uomo? Ha 120 milioni di anni

Le misteriose rocce trovate nel villaggio Sarakseevo in Russia che mostrano i segni di una cività tecnologica prima della nostra

Sul nostro pianeta esistono oggetti che sfidano la logica e che non dovrebbero esistere. Questi misteriosi artefatti, denominati Oopart, sono “fuori posto”, in quanto presentano tecnologie che ...

Io, Papa Francesco, salvato da un angelo custode

Invisibili, luminosi, potenti. Gli angeli custodi non vanno in vacanza, non fanno sciopero, non si allontanano. In ogni momento della giornata, in ogni luogo, non importa dove, se al lavoro, per s...

Rinvenuta una testa di bronzo a San Francisco di 6000 anni fa con fattezze aliene

E' La più antica statua in bronzo al mondo sinora ritrovata. Una misteriosa testa californiana... Un artefatto di bronzo risalente a oltre 6000 anni fa è stato recentemente scoperto nel Golden ...

Il mistero ancora irrisolto del "Gigante di Atacama"

Il Deserto di Atacama è situato nel Cile settentrionale, nella regione di Antofagasta e la parte settentrionale della regione di Atacama. È un paesaggio aspro e brullo, noto come il deserto più ar...

Il più grande ammasso di Galassie che mette in difficoltà gli astronomi,il panorama simile alla Terra di Titano e il modulo spaziale gonfiabile "beam" realizzato dalla Nasa

E’ il più grande insieme di galassie mai individuato finora e mette in dubbio uno dei fondamenti della cosmologia moderna: il principio cosmologico. Andiamo con ordine: il gruppo è molto lontano e...

Le misteriose sorgenti energetiche rilevate dal telescopio spaziale Fermi della Nasa

L’occhio umano è lo strumento per eccellenza dell’astronomia. Senza la sua capacità di percepire la luce, non potremmo ammirare stelle, pianeti e galassie. Tuttavia, gli astronomi non possono ...

  • Le misteriose rocce trovate nel villaggio Sarakseevo in Russia che mostrano i segni di una cività tecnologica prima della nostra


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Io, Papa Francesco, salvato da un angelo custode


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Rinvenuta una testa di bronzo a San Francisco di 6000 anni fa con fattezze aliene


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Il mistero ancora irrisolto del "Gigante di Atacama"


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Il più grande ammasso di Galassie che mette in difficoltà gli astronomi,il panorama simile alla Terra di Titano e il modulo spaziale gonfiabile "beam" realizzato dalla Nasa


    Publish In: News Astronomia
  • Le misteriose sorgenti energetiche rilevate dal telescopio spaziale Fermi della Nasa


    Publish In: Uomini e Misteri

La mappa più antica ritrovata dall'uomo? Ha 120 milioni di anni

La mappa del creatore (detta anche pietra di Daška) è una lastra di pietra su cui sarebbe incisa, secondo il ricercatore russo Aleksandr Čuvyrov, una mappa della regione degli Urali come appariva 120 milioni di anni fa. L'unica fonte relativa a tale scoperta è un articolo che comparso sul giornale russo Pravda nel 2002. Nessun resoconto scientifico è mai stato pubblicato, e lo stesso Čuvyrov dichiarò in seguito di non avere mai autorizzato la pubblicazione dell'articolo della Pravda.

L'articolo della Pravda ebbe una enorme eco internazionale, e secondo questa fonte, l'equipe del professor Aleksandr Čuvyrov, dell'Università della Repubblica Russa di Baškiria, impegnata a studiare la migrazione cinese in Siberia avrebbe scoperto nel 1999 una pietra su cui era raffigurata la carta della Siberia in tre dimensioni.

Questa pietra, di 1,48 m di altezza per 1,06 m di larghezza, peserebbe circa una tonnellata e sarebbe costituita di tre strati. Secondo l'articolo, la pietra sarebbe di origine artificiale, forse lavorata con attrezzi di alta precisione e rappresenterebbe in modo dettagliato la regione della Bashkiria di 120 milioni di anni fa con sistemi di irrigazione molto sviluppati (da cui si ricaverebbe che l'attuale fiume Belaja sarebbe di origine artificiale).

Nell'articolo della Pravda si affermava che alcuni elementi della pietra di Dashka erano stati studiati dal Centro di Cartografia Storica del Wisconsin e che secondo questo istituto solo dei rilievi aerei avrebbero potuto permettere la stesura della mappa. Tuttavia, non esiste nel Wisconsin nessun "Centro di Cartografia Storica". L'unico istituto di cartografia esistente in Wisconsin è il "The History of Cartography Project". Inoltre, questo istituto ha recentemente affermato di non aver mai visionato la pietra di Daska.

Map of the Creator

 


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit