Text Size
Lunedì, Luglio 24, 2017
Oopart Archeomisteri Yonaguni e la piramide sommersa

Yonaguni e la piramide sommersa

L'isola divenne famosa all'inizio del 20° secolo per una grande costruzione in pietra e roccia conosciuto come Monumento di Yonaguni che circonda l'isola. È stato detto che potrebbe essere di costruzione umana. Robert Schoch dopo essersi immerso suggerisce che è più probabile una formazione naturale dopo la modifica da mani umane.

I subacquei si trovano nell'isola di inverno per la grande popolazione di squali martello nelle acque vicine. È stato per immersione di avvistamento di squali che è stato trovato il "monumento", una parte del quale è stretta in due pilastri che si innalzano a otto metri dalla superficie. Lo studio delle rovine dipende anche dalla corrente oceanica, sufficiente a trascinare via gli esausti nuotatori.


Situata nell'arco delle Isole Ryukyu che separa il (marginale) Mar Cinese orientale dal Oceano Pacifico, Yonaguni sarebbe stata molto più grande quando l'oceano era 39 m (100 piedi) come circa 10,000 a.C. dalla fine dell'ultima era glaciale.

I fondali marini contengono quella che sembra essere le rovine di un'era precedente a quella glaciale, con tracce di flora, fauna e stalattiti che si formano solo in superficie. La loro somiglianza con il mondo antico ha portato qualcuno a teorizzare che potrebbero essere i resti di un'antica civiltà. Dove le loro creazioni umane sarebbero le più antiche strutture, avendo circa 10.000 anni.

La fama di Yonaguni inizia nel 1980, quando un esploratore marino giapponese, Kihachiro Aratake, scoprì per caso una serie di strutture architettoniche. Poco dopo, un gruppo di scienziati diretti da Masaaki Kimura, dell'Universita di Ryūkyūs, confermò l'esistenza delle vestigia. Essi appaiono, almeno superficialmente, simili alle piramidi. Alcuni sostengono che molte delle caratteristiche naturali potrebbero avere origine umana, come la scoperta di quella che qualcuno chiama "faccia" sulla parte di uno dei monumenti. Per adesso non ci sono prove archeologiche a conferma di questa teoria.

Il 4 maggio, 1998, venne distrutta da un terremoto sottomarino.

Diverse analisi indicano che una certa struttura, che misura 120 m in lunghezza, 40 m in ampiezza e 20–25 m in altezza, vecchia di 8000 anni. Diversi noti scrittori, incluso John Anthony West e il geologo Robert Schoch ipotizzano che le "rovine" possono essere causate dall'erosione dell'oceano e dalla barriera corallina. Il professor Kimura ancora mantiene l'idea che le strutture sono di origine umane.

Al tempo che Kimura disse ciò che avrebbe trasformato in un mito, l'area dove ora esiste Yonaguni era composta da un ponte continentale tra le isole di Taiwan, Ryūkyū, e il Giappone con l' Asia nei giorni dell'era glaciale. il livello dei mari era più basso del presente a causa del ghiaccio che si accumulava nelle zone temperate. il Geologo Teruaki Oshii suggerisce che potrebbero essere costruite prima della fine dell'era glaciale.

Kimura ora sostiene che Yonaguni era il sito di una città vecchia di 5.000 anni che sprofondò 2.000 anni fa, mentre Robert Schoch dice che "sono tutte naturali... è geologia di base e classica statigrafia per le rocce arenarie, che tendono a rompere i piani e dare l'effetto di bordi molto particolari, specialmente in un'area con forte attività sismica." Kimura sostiene di aver trovato almeno 15 strutture fuori da Yonaguni e Okinawa incluso un castello, collegamenti di strade e acquedotti. Kimura opta per l'età di 5.000 anni della città dall'età delle stalattiti nelle acque giacenti nelle grotte sottomarine. Kimura inoltre sostiene di aver trovato immagini di animali e persone, mentre secondo Schoch sono graffi naturali sulle rocce.

 

video 2

 

Video 3

 

Video 4

 

Video 5

 


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit