Text Size
Sabato, Luglio 22, 2017
News Astronomia La banda larga anche nello spazio, il pianeta extrasolare ricco di acqua ed il cambiamento del vento interstellare

Il misterioso osservatore su Marte che segue il Mars Curiosity

Un’altra scoperta misteriosa è stata appena fatta sulla superficie del pianeta Marte. Una recente immagine catturata dal Mars Rover Curiosity, mostra ciò che appare come una figura soprannomin...

Il possibile meteorite di Mercurio, il pianeta extrasolare dalle strane caratteristiche e gli acceleratori naturali dell'Universo

E’ un piccolo sasso di appena 100 grammi. Cosa ha di speciale? Potrebbe essere un piccolo frammento della superficie di Mercurio, il primo pianeta del sistema Solare. Il che lo renderebbe una vera...

I primi passi verso il raggio traente

Il raggio traente, un pezzo forte della fantascienza, potrebbe essere un po’ più vicino alla realtà. In un articolo pubblicato a inizio primavera, alcuni fisici hanno proposto un dispositivo che p...

Il teologo che già nel medioevo ipotizzava gli Universi paralleli

Chi l’avrebbe detto che in pieno Medioevo, periodo storico non certo aperto alla scienza, sarebbero stati gettati, seppur involontariamente, i semi di una delle teorie oggi più avanzata e dibattut...

Vuoi cambiare davvero il colore dei tuoi occhi? Da oggi è possibile

Chi ha sempre sognato gli occhi azzurri presto potrà cambiare il colore della propria iride grazie al laser. La tecnica del dottore Gregg Homer, al lavoro su questa tecnologia da 10 anni, viene il...

Benjamin Solari Parravicini. L'uomo che disegnava il futuro

L'11 Settembre del 2001 l'umanità rimase commossa per un avvenimento inaspettato dalle caratteristiche orrende. In un attentato, le torri gemelle di New York furono colpite da aerei di l...

  • Il misterioso osservatore su Marte che segue il Mars Curiosity


    Publish In: Le Prove
  • Il possibile meteorite di Mercurio, il pianeta extrasolare dalle strane caratteristiche e gli acceleratori naturali dell'Universo


    Publish In: News Astronomia
  • I primi passi verso il raggio traente


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il teologo che già nel medioevo ipotizzava gli Universi paralleli


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Vuoi cambiare davvero il colore dei tuoi occhi? Da oggi è possibile


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Benjamin Solari Parravicini. L'uomo che disegnava il futuro


    Publish In: Profezie passate e future

La banda larga anche nello spazio, il pianeta extrasolare ricco di acqua ed il cambiamento del vento interstellare


La banda larga sta per raggiungere anche la Luna. In questi giorni è previsto il lancio di LADEE, uan sonda della NASA capace di trasmettere verso la Terra un segnale laser molto speciale. Il laser può trasportare informazioni alla velocità di 622 Megabit al secondo, in poche parole può trasmettere una quantità di informazioni sei volte superiore a quelle trasmesse dalle classiche comunicazioni radio. Per questo si può parlare di un vero e proprio passaggio dalle trasmissioni lente alle trasmissioni in banda larga. Il passo successivo sarà dotare tutte le sonde di questo nuovo sistema di comunicazione. Così le future missioni spaziali ci potranno inviare video in alta risoluzione, immagini mai viste prima oltre a una quantità di dati ancora più precisi e numerosi. E c’è chi già pensa che con tutti quei dati sarà possibile realizzare, in pochi secondi con i computer a terra, una ricostruzione virtuale in tre dimensioni della regione nella quale è scesa la sonda.

ATMOSFERA UMIDA PER GJ 1214 b


GJ 1214 b è uno dei tanti pianeti extrasolari ad oggi conosciuti: orbita intorno alla propria stella a 40 anni luce dalla Terra e lo si conosce già da un po’, da 2009 anno in cui fu scoperto. Ci sono tuttavia alcune interessanti novità che lo riguardano, frutto di osservazioni effettuate da un gruppo di astronomi giapponesi utilizzando il telescopio Subaru, alle Hawaii. Classificato come “super Terra”, perché supera il nostro pianeta sia per massa che per dimensioni senza tuttavia raggiungere le proporzioni di Urano o Nettuno, è avvolto da una atmosfera sulla cui composizione il gruppo di astronomi ha scelto di indagare, effettuando osservazioni con uno speciale filtro blu. Quando il pianeta passa davanti alla propria stella, ne eclissa la radiazione luminosa ma una piccola percentuale di essa passa attraverso lo strato atmosferico, rivelando preziose informazioni. A seconda che la luce, dopo aver attraversato lo strato gassoso, risulti più o meno arrossata, è possibile capire se abbia incontrato una maggiore quantità di idrogeno che devia in varie direzioni la componente blu, oppure una ricca presenza di vapore acqueo, che non produce lo stesso effetto. La conclusione è che nell’atmosfera di GJ 1214 b prevale quest’ultimo, vapore d’acqua. L’atmosfera rende quindi il pianeta senz’altro interessante, ma per il momento non è possibile trarre altre conclusioni, del resto rimane ancora da stabilire se questo mondo sia più simile a una “grande Terra” o a un “piccolo Urano”!

Video

IL CAMBIAMENTO DEL VENTO INTERSTELLARE


C’è qualcosa di nuovo nell’aria (è una licenza poetica, perché di aria lì non ce n’è proprio) che il Sole, trascinandosi dietro il sistema planetario di cui anche noi facciamo parte, attraversa nel suo movimento all’interno della galassia. Confrontando i dati raccolti da diverse missioni nel corso di 40 anni sul vento interstellare che attraversa l’eliosfera (la bolla al cui interno si fa sentire il campo magnetico solare), Priscilla Frisch dell’Università di Chicago e i suoi colleghi si sono convinti che la direzione di quel vento stia cambiando costantemente, indizio a sua volta di cambiamenti nell’ambiente galattico che il Sole sta attraversando.

La chiave della loro analisi, che raccontano sull’ultimo numero di Science, sono i dati raccolti dal satellite IBEX (Interstellar Boundary Explorer), messa in orbita dalla NASA proprio per raccogliere dati sul flusso di particelle generate dall’interazione tra vento solare e mezzo interstellare. I ricercatori hanno studiato i dati raccolti tra il 2009 e il 2011 da IBEX, e li hanno confrontati con quelli di missioni precedenti in particolare Ulysses (una missione NASA/ESA lanciata nel 1990 per studiare il Sole) ma anche le missioni Mariner 10, SOLRAD 11B e Prognoz 6. Nel complesso, i dati storici coprono i periodi dal 1972 al 1978 e tra il 1992 e il 2002.

Il tutto per cercare differenze nella velocità e nella direzione del “vento” creato dal flusso di gas neutro interstellare che attraversa l’eliosfera mentre essa si muove all’interno della Nube Interstellare Locale, una regione della nostra Galassia che si estende per circa 30 anni luce. Durante i 40 anni trascorsi da quando l’uomo ha iniziato a misurare direzione e velocità di quel vento, il Solo ha attraversato circa l’1 per cento della distanza che lo separa dai confini della Nube Interstellare Locale, e la Terra ha attraversato circa 200 Unità Astronomiche di polvere interstellare e gas neutro.

Il dato più utile da studiare per capire come sia cambiato quel vento in questi 40 anni è il flusso di elio interstellare: l’elio è abbondante, poco influenzato dai fenomeni magnetici che avvengono ai margini dell’eliosfera, e la gravità del Sole tende a concentrarlo in un cono che segue la nostra Stella nel suo movimento lungo la Nube Interstellare Locale. Bene, la direzione del flusso di elio sembra essersi spostata costantemente in questi ultimi 40 anni: più precisamente è cambiata costantemente la sua longitudine eclittica, cioè l’angolazione rispetto al piano dell’eclittica (il percorso apparente del Sole sullo sfondo della sfera celeste).

Impossibile indicare una causa, ma se confermati (l’analisti statistica è complicata e presenta ancora diverse incertezze) i dati indicherebbero che sta cambiando qualcosa nel pezzettino di galassia in cui si trova il nostro sistema solare; e qualunque cosa sia, si fa sentire proprio nel vento interstellare che attraversa il Sole e i suoi pianeti.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit