Text Size
Domenica, Ottobre 20, 2019
News Astronomia La scoperta della 14ma luna di Nettuno, la nube che incontra un buco nero e la breve 2da passeggiata di Parmitano nello spazio

Il centro della nostra galassia, novità dalla Luna e il test della MARS500

Il centro della nostra galassia non ha ancora svelato tutti i suoi segreti. Sappiamo che quasi certamente c’è un gigantesco buco nero, con una massa 4 milioni di volte quella del Sole. Ma solo con ...

Il misterioso ritrovamento di un dito gigante in Egitto

In Egitto è stato ritrovato un dito gigante di 40 cm, ma le foto sono state rilasciate per la prima volta soltanto adesso. Le immagini di questo dito sono state scattate da un ricercatore di nome...

Trovato un tunnel segreto a Teotihuacan

Nel sito archeologico di Teotihuacan un gruppo di archeologi ha scoperto un tunnel che potrebbe rivelare molti indizi su una delle più importanti civiltà antiche della regione. La prima indicaz...

Edgar Cayce - Il Profeta Dormiente

Edgar Cayce (Hopkinsville, 18 marzo 1877 – Virginia Beach, 3 gennaio 1945) è stato un fotografo statunitense, ma molto piu famoso come chiaroveggente e taumaturgo. Abbandonato il mondo della fotograf...

La nuova generazione di transistor scoperta al MIT

L'enorme capacità osservata nel nuovo semiconduttore sembra essere frutto di un nuovo fenomeno quantistico o di una caratteristica sconosciuta del materiale Negli anni ottanta e no...

Il cargo incenerito, il nuovo rover Curiosity e i 13 segnali dallo spazio

Riempito di spazzatura e lasciato bruciare nel suo rientro in atmosfera. E’ stata questa la fine del cargo giapponese della serie HTV: una fine ingloriosa solo in apparenza perché in realtà tutto si è...

  • Il centro della nostra galassia, novità dalla Luna e il test della MARS500


    Publish In: News Astronomia
  • Il misterioso ritrovamento di un dito gigante in Egitto


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Trovato un tunnel segreto a Teotihuacan


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Edgar Cayce - Il Profeta Dormiente


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La nuova generazione di transistor scoperta al MIT


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il cargo incenerito, il nuovo rover Curiosity e i 13 segnali dallo spazio


    Publish In: News Astronomia

La scoperta della 14ma luna di Nettuno, la nube che incontra un buco nero e la breve 2da passeggiata di Parmitano nello spazio

Piccola e sfuggente era sempre passata inosservata anche se, come ha ironicamente dichiarato Mark Showlter del SETI Institute “Chiunque avrebbe potuto scoprirla”. È un piccolo oggetto in orbita intorno al pianeta Nettuno, una luna della cui esistenza non ci si era ancora accorti e la cui scoperta è avvenuta quasi per caso. Showlter stava studiando immagini d’archivio dei sottili anelli di Nettuno, ottenute grazie al telescopio Hubble nel 2009. Accortosi della presenza di un piccolo punto chiaro, ha esaminato anche immagini del 2004 e del 2005, tutte di pubblico dominio, trovando conferma ai suoi sospetti. S/2004 N 1, questa la sigla identificativa, è quindi la 14esima luna di Nettuno, ora in attesa di un nome più consono alla famiglia di cui fanno parte anche Tritone, Nereide, Larissa. Secondo le prime stime, sarebbe la piccola delle 14: il suo diametro non misurerebbe più di 20 Km.

LA NUBE E IL BUCO NERO


Il Very Large Telescope, in Cile, ha osservato cosa succede nelle vicinanze del buco nero gigante annidato nel centro della nostra Galassia. È stata così registrata la drammatica deformazione subita da una nube di gas trovatasi a passare da quelle parti. I dati del VLT mostrano che la nube è stata stirata come fosse un enorme elastico: la parte frontale ha superato il punto di massimo avvicinamento a una distanza appena sufficiente a non farsi inghiottire, e ora, sottoposta a una sorta di enorme effetto fionda , si muove a una velocità impressionante, più di 10 milioni di chilometri all’ora, circa l’1% della velocità della luce. La possibilità di seguire le fasi di questo evento fornisce dati senza precedenti sugli effetti della gravità estrema.

RIENTRO ANTICIPATO
La seconda passeggiata spaziale di Luca Parmitano è stata più breve del previsto. Il rientro anticipato per lui e Chris Cassidy, dopo solo un’ora e 32 minuti contro le 6 ore e mezza previste, è stato deciso in seguito alla segnalazione, da parte di Parmitano, della presenza di acqua all’interno del casco. Nessun allarme, ma le anomalie richiedono attenzione e la sicurezza passa in primo piano: le operazioni extraveicolari possono attendere, nel frattempo gli ingegneri cercano l’origine della perdita.

Video


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit