Text Size
Lunedì, Maggio 29, 2017
News Astronomia I nomi delle lune di Plutone, il mistero dei potenti lampi radio e cosa succede attorno ai buchi neri giganti

Il corpo di un alieno e un velivolo discoidale fotografati su Marte dal rover Curiosity

Come riferisce Tercermilenio TV, in un servizio televisivo condotto dall’investigatore Fernando Correa, ci sarebbero tutti i presupposti che in alcune immagini fotografate dal Rover Curiosity nell...

Le foto scattate da google earth che mostrano una base aliena in Antartide ed un Ufo sotterrato nei ghiacci

Nelle foto scattate dal satellite dal colosso mondiale Google, le sorprese non cessano. In un foto satellitare di google earth sull'antartide si vedono delle specie di boccaporti di entrata e di usc...

Gas intergalattico, le nuove fotocamere spaziali e l'ultimo saluto allo Shuttle

Materia oscura ed energia oscura: insieme costituiscono il 95% dell’Universo.Solo il rimanente 5% è dato da protoni, neutroni ed elettroni, la cosiddetta materia ordinaria di cui sono fatti stelle ...

Usare il suono per far lievitare gli oggetti. La nuova frontiera degli ologrammi acustici

UN GRUPPO di ricercatori del Max Planck Institute è riuscito a muovere oggetti a distanza con particolari onde sonore. Spostare oggetti senza toccarli è un traguardo per il quale da tempo lavorano...

La misteriosa malattia dell'uomo di pietra

Felice come lo sono i bambini di quattro anni, Sophie è apparentemente una bambina come tutte le altre. A colazione, le canzonette per bambini si mescolano al profumo della cioccolata. Ma Soph...

Vision for Space Exploration: la strategia di esplorazione spaziale avanzata

La Vision for Space Exploration è una strategia di esplorazione spaziale degli Stati Uniti d'America, annunciata il 14 gennaio 2004 dal Presidente degli Stati Uniti George W. Bush. Essa è stata interp...

  • Il corpo di un alieno e un velivolo discoidale fotografati su Marte dal rover Curiosity


    Publish In: Le Prove
  • Le foto scattate da google earth che mostrano una base aliena in Antartide ed un Ufo sotterrato nei ghiacci


    Publish In: Le Prove
  • Gas intergalattico, le nuove fotocamere spaziali e l'ultimo saluto allo Shuttle


    Publish In: News Astronomia
  • Usare il suono per far lievitare gli oggetti. La nuova frontiera degli ologrammi acustici


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La misteriosa malattia dell'uomo di pietra


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Vision for Space Exploration: la strategia di esplorazione spaziale avanzata


    Publish In: Tecnologia Spaziale

I nomi delle lune di Plutone, il mistero dei potenti lampi radio e cosa succede attorno ai buchi neri giganti


Nessuna delle lune di Plutone verrà chiamata Vulcano, con buon pace dei fan di Star Trek. Ma andiamo con ordine: Plutone è uno dei pianeti nani del nostro sistema solare. Sino a due anni fa si conoscevano tre lune in orbita attorno a Plutone. Poi la scoperta di due altre lune che vennero chiamate in via provvisoria P4 e P5. A febbraio il lancio di un sondaggio per assegnare la denominazione definitiva. La scelta era tra 12 nomi presi dalla mitologia greco romana lasciando però aperte le porte ad altre proposte. I fan di Star Trek, forti del’appoggio dell’attore William Shatner, il capitano Kirk dell’astronave Enterprise, avevano allora votato in massa per Vulcano, il nome del pianeta natale di Spock. Ma Vulcano è già stato utilizzato per indicare un ipotetico pianeta tra il Sole e Mercurio e così è stato scartato. Stessa sorte per l’altra scelta che aveva riscosso grande favore tra i votanti: Cerbero. Il nome del cane a tre teste a guardia degli Inferi è infatti già stato utilizzato per un asteroide scoperto nel 1971. In questo caso però l’Unione Astronomica Internazionale ha trovato un compromesso: utilizzare il nome in greco Kerberos. Per quanto riguarda l’altra luna sarà denominata Stige, come veniva chiamato il fiume degli Inferi nella mitologia greca. E’ comunque probabile che nei prossimi anni si apriranno nuovi sondaggi: le ultime scoperte ci dicono che Plutone è circondato da una miriade di frammenti rocciosi. Tutte lune in attesa di avere un nome.

LAMPI RADIO: UN CASO DIFFICILE


E adesso anche i radioastronomi hanno i loro lampi cosmici da studiare. Segnali brevissimi e isolati nella banda delle onde radio, della durata di appena qualche millisecondo, che appaiono senza preavviso nel cielo. A osservare questi enigmatici impulsi radio provenienti dallo spazio profondo è stato un team internazionale di scienziati, tra cui quattro ricercatori dell’INAF-Osservatorio Astronomico di Cagliari e dell’Università di Cagliari sfruttando il radiotelescopio australiano di Parkes del  Commonwealth Scientific and Industrial Research Organization (CSIRO). Anche se gli autori della ricerca, guidata da Dan Thornton dell’Università di Manchester nel Regno Unito, avanzano l’ipotesi che tra i responsabili di queste emissioni impulsive potrebbero esserci oggetti celesti estremi, come stelle di neutroni o buchi neri, la natura ultima delle sorgenti che hanno prodotto questi lampi-radio è ancora al momento sostanzialmente sconosciuta. Sembra questa una storia già rivista, quando negli anni ’70 del secolo scorso, gli astrofisici si imbatterono in misteriosi segnali nei raggi gamma (denominati poi Gamma-Ray Burst, o GRB) che di fatto aprirono un nuovo capitolo nell’avvincente storia dello studio dell’universo.

Tante sono le domande che si affollano nei ricercatori guardando a questi segnali, ma nello studio, pubblicato nell’ultimo numero della rivista Science, c’è già qualche fondamentale certezza. I lampi radio arrivano a Terra scaglionati in tempi diversi, in ragione della lunghezza d’onda di osservazione su cui si sintonizza il radiotelescopio. Questo fenomeno è noto come dispersione ed è dovuto agli effetti del gas elettricamente carico che le onde radio attraversano nel loro tragitto. Più lungo è il cammino percorso, più grande è lo sparpagliamento con cui percepiamo gli impulsi. “Dalla misura dello sparpagliamento – spiega Marta Burgay, una delle ricercatrici INAF coinvolte nella scoperta – è stato possibile risalire alle distanze da cui sono giunti i quattro impulsi osservati, che arrivano fino a 8 miliardi di anni luce. Dunque i lampi-radio sono stati emessi quando l’Universo aveva un’età che era circa la metà di quella attuale”. Una proprietà che permetterà di utilizzare questi segnali come sonde naturali per indagare direttamente cosa c’è lungo lo sterminato percorso che i lampi-radio effettuano prima di arrivare fino a noi: certamente materia ordinaria, ovvero gas e polveri, ma forse anche tracce della presenza di materia oscura.

Ad aggiungere ulteriore interesse sull’individuazione dell’origine di questi remoti lampi-radio c’è il loro numero, che deve essere elevatissimo. Infatti per osservare uno di questi eventi bisogna puntare il radiotelescopio nella direzione giusta proprio nel brevissimo intervallo di tempo in cui il lampo-radio sta arrivando. “Dal fatto che abbiamo registrato 4 eventi stimiamo che devono verificarsi circa 10.000 lampi-radio al giorno in tutto il cielo, come dire un lampo-radio ogni 10 secondi” sottolinea Andrea Possenti, direttore dell’Osservatorio Astronomico INAF di Cagliari, che ha partecipato alla ricerca. “Questa frequenza è oltre 1.000 volte più grande di quella tipica degli studiatissimi lampi di raggi gamma”.

POLVERE E BUCHI NERI


Le osservazioni effettuate grazie all’interferometro del Very Large Telescope, in Cile, hanno gettato nuova luce su quanto avviene nei dintorni di uno di quei buchi neri di taglia extra large annidati nel centro delle galassie. Che i buchi neri di questo tipo attirino verso di sé il materiale circostante e che obbligassero la polvere delle zone limitrofe a circondarli formando una sorta di ciambella, era cosa nota. I nuovi risultati, però, mostrano che la polvere si trova anche altrove, nelle zone polari, dove forma una sorta di vento. Al di sopra e al di sotto della regione a forma di ciambella, la polvere ha una temperatura nettamente inferiore e viene soffiata via dalla radiazione emessa nelle regioni sottostanti. Il buco nero studiato in questo caso si trova al centro della galassia NGC 3783, a circa 137 milioni di anni luce da noi, nella costellazione del Centauro.

Video



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit