Text Size
Giovedì, Luglio 20, 2017
News Astronomia La futura morte del nostro pianeta, come si formano i pianeti attorno alle stelle e lo studio della cometa Lovejoy

I Grigi tipo 2

Grigio "Orange"Altezza: 1.50 circaPelle: dorata, nelle femmine è arancione (da qui il nome), un pò ruvida.Muscolatura: esile e asciutta.Capelli: assenti, la testa ha la forma di un cuore (incavata al ...

Ufo nei cieli inglesi ripreso da Paul Sinclair

                      Il tabloid britannico The Sun ha pubblicato oggi sul suo sito web un video, amatoriale, girato a Scarborough, nel nord dell'Inghilterra. La clip, finita subito...

Ultime ipotesi sulla materia oscura, l'anello più grande e la storia di un asteroide

La materia oscura diventa ancora più oscura. Se prima si discuteva quale potesse essere la sua vera natura, non ultima l’ipotesi che si tratti di un mare di microscopiche particelle, ora se ne mette i...

Alpha Centauri B e gli 11 pianeti nella fascia abitabile, la formazione ed esplosione delle prime galassie e gli 11 minisatelliti lanciati direttamente dalla ISS

Alpha Centauri B, così lontano, così vicino Gli astronomi sono sempre alla ricerca di nuove prove che confermino la remota possibilità che su altri pianeti sia possibile vivere. Quasi ogni giorno...

La strana concentrazione di avvistamenti Ufo in Missouri

Oggetti mastodontici con luci verdi, sfere infuocate, luci in formazione triangolare, velivoli non paragonabili ad aerei commerciali. Non è un film, nè tantomeno, come sono pronti a giurare in pa...

  • I Grigi tipo 2


    Publish In: Razze Aliene
  • Ufo nei cieli inglesi ripreso da Paul Sinclair


    Publish In: Le Prove
  • Ultime ipotesi sulla materia oscura, l'anello più grande e la storia di un asteroide


    Publish In: News Astronomia
  • Internet arriverà anche sulla Luna grazie ai laser


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Alpha Centauri B e gli 11 pianeti nella fascia abitabile, la formazione ed esplosione delle prime galassie e gli 11 minisatelliti lanciati direttamente dalla ISS


    Publish In: News Astronomia
  • La strana concentrazione di avvistamenti Ufo in Missouri


    Publish In: Le Prove

La futura morte del nostro pianeta, come si formano i pianeti attorno alle stelle e lo studio della cometa Lovejoy

Nella nostra galassia ci sono innumerevoli stelle simili al Sole ma con età molto diverse. Attorno alle stelle più giovani girano pianeti giganti fatti di gas, come il nostro Giove. Ma attorno alle più vecchie il numero dei pianeti cala drasticamente. Perché? Ricercatori americani hanno studiato 142 stelle che si ritiene essere state simili al Sole. Le più vecchie si sono gonfiate diventando stelle subgiganti. E a quanto pare in questa fase la loro attrazione avrebbe esercitato sui pianeti forze così intense da farli a pezzi. Accadrà anche alla Terra? Per ora sappiamo che quando il Sole giungerà verso la fine dell’evoluzione, diverrà una gigante rossa. Secondo alcuni calcoli il Sole avrebbe dovuto crescere abbastanza da inglobare la Terra riducendola in polvere. Secondi altri calcoli più recenti il Sole non diverrà così grande da toccare il nostro pianeta che quindi potrebbe salvarsi. Ora i risultati dello studio delle 142 stelle simili al Sole aprono un terzo scenario: quando il Sole inizierà a crescere la Terra verrà fatta a pezzi. Chissà cosa accadrà veramente. Anche perché non è detto che la Terra esista ancora quando tutto questo avverrà. Ci sono infatti da attendere oltre 5 miliardi di anni.

POLVERE IN TRAPPOLA


Concentrando la propria attenzione sul disco di polvere e gas che circonda una giovane stella, la grande rete di radiotelescopi ALMA, ha fornito gli elementi decisivi per far luce su una vecchia questione. Come possono formarsi comete, asteroidi e pianeti a partire da semplici granelli di polvere? Avvicinandosi, scontrandosi, due o più granelli possono restare uniti, dando origine a frammenti più grandi. Ma questi, in seguito a ulteriori scontri, possono tornare a disintegrarsi per non parlare del fatto che i grani più grandi tendono a spostarsi verso la stella, venendone irrimediabilmente attratti. L’ipotesi era che intorno alla stella dovessero esistere delle regioni dove la polvere potesse restare confinata in condizioni di relativa tranquillità, così da permettere ai granelli di aggregarsi e crescere…un po’ come succede alla polvere sotto il letto. Le osservazioni di ALMA hanno confermato la presenza di questa zona-trappola nel disco che circonda la stella in esame. Si tratta di una sorta di sacca, in realtà un vortice di gas all’interno del disco che si stima possa persistere per centinaia di migliaia di anni. Quando il vortice si dissolverà, la polvere non sarà più intrappolata, ma impiegherà milioni di anni per disperdersi, un tempo sufficiente perché i granelli possano raggiungere dimensioni tali da assicurarsi una crescita continua, fino a raggiungere le dimensioni di nuclei cometari.


COMETA CHE SCODINZOLA


Nel 2011, la cometa Lovejoy si era spinta a 140’000 km dalla superficie del Sole: un avvicinamento temerario che poteva significare la vaporizzazione completa del pezzo di ghiaccio e roccia di soli 200 metri di diametro. Superando ogni aspettativa, invece, la Lovejoy riuscì non solo a completare il pericoloso giro di boa, ma anche a dare agli astronomi preziose informazioni. Durante il passaggio ravvicinato, le osservazioni hanno evidenziato un particolare comportamento della sua coda, come se la cometa scodinzolasse. I cambiamenti di direzione del getto cometario sono dovuti all’interazione con il campo magnetico solare nella regione della corona e possono essere usati per tracciarne la struttura e le evoluzioni. Poiché le eruzioni e il vento solare sono fenomeni legati al campo magnetico, i dati ottenuti osservando la coda della cometa sono estremamente preziosi. Ora si attendono altre comete, altrettanto temerarie.

Video


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit