Text Size
Domenica, Novembre 19, 2017
News Astronomia Il più grande ammasso di Galassie che mette in difficoltà gli astronomi,il panorama simile alla Terra di Titano e il modulo spaziale gonfiabile "beam" realizzato dalla Nasa

Leonardo Da Vinci e i misteri dell'ultima cena

Leonardo di ser Piero da Vinci (Vinci, 15 aprile 1452 – Amboise, 2 maggio 1519) è stato un artista e scienziato italiano. Uomo d'ingegno e talento universale del Rinascimento italiano, incarnò in pien...

L'ufo fotografato a Cerro in New Messico in America

Un Ufo dalla forma particolare è stato fotografato a Cerro in New Messico in America. Questo stesso Ufo sembra essere lo stesso avvistato un anno prima a Colorado Forest e sembra avere delle apertur...

Le nuove immagini ad alta risoluzione di Mercurio, i pianeti abitabili attorno alle nane bianche e l'enigma del'asteroide Vesta

Mercurio ci mostra tutti i dettagli grazie alle immagini ravvicinate della Messenger. La sonda della NASA ha cominciato a studiare il primo pianeta del Sistema solare, e in poco tempo ha già fornit...

L'Ufo filmato vicino al Sole che ne causa una tremenda eruzione solare

Sempre più avvistamenti vengono fatti dai satelliti che monitorano il Sole. L'ultimo avvistamento avvenuto l'1 Novembre ha però filmato una strana particolarità, infatti, come potrete vedere nel vid...

Il possibile meteorite di Mercurio, il pianeta extrasolare dalle strane caratteristiche e gli acceleratori naturali dell'Universo

E’ un piccolo sasso di appena 100 grammi. Cosa ha di speciale? Potrebbe essere un piccolo frammento della superficie di Mercurio, il primo pianeta del sistema Solare. Il che lo renderebbe una vera...

Il video dell'alieno del tipo grigio filmato in Brasile

  POTREBBE questa foto scattata nella foresta amazzonica essere la più chiara prova ancora che gli alieni esistono? Lo scatto - tratto da un video girato da due turisti britannici - sembra mostrare u...

  • Leonardo Da Vinci e i misteri dell'ultima cena


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'ufo fotografato a Cerro in New Messico in America


    Publish In: Le Prove
  • Le nuove immagini ad alta risoluzione di Mercurio, i pianeti abitabili attorno alle nane bianche e l'enigma del'asteroide Vesta


    Publish In: News Astronomia
  • L'Ufo filmato vicino al Sole che ne causa una tremenda eruzione solare


    Publish In: Le Prove
  • Il possibile meteorite di Mercurio, il pianeta extrasolare dalle strane caratteristiche e gli acceleratori naturali dell'Universo


    Publish In: News Astronomia
  • Il video dell'alieno del tipo grigio filmato in Brasile


    Publish In: Le Prove

Il più grande ammasso di Galassie che mette in difficoltà gli astronomi,il panorama simile alla Terra di Titano e il modulo spaziale gonfiabile "beam" realizzato dalla Nasa

E’ il più grande insieme di galassie mai individuato finora e mette in dubbio uno dei fondamenti della cosmologia moderna: il principio cosmologico. Andiamo con ordine: il gruppo è molto lontano ed è costituito da un insieme di 73 galassie primordiali che nel loro insieme si estendono per ben 4 miliardi di anni luce. Un valore enorme se consideriamo che la nostra galassia è grande appena 100mila anni luce. Se da una parte la scoperta di un gruppo così esteso segna un nuovo record, dall’altra apre uno  scontro con il cosiddetto principio cosmologico. Secondo questo principio, l’Universo deve essersi evoluto allo stesso modo in qualsiasi direzioni si osservi, a patto di considerare grandi porzioni di spazio a grandi distanze. Affinché il principio resti valido si dovranno trovare altri supergruppi come questo anche in altre direzioni di osservazione. Il problema è che per quanto estesi miliardi di anni luce questi ammassi sono anche molto lontani e quindi difficili da individuare. E così mentre una piccola parte di scienziati ritiene che il principio cosmologico vada rivisto, la maggior parte dei cosmologi preferisce aspettare, sicuri che con i futuri strumenti presto scopriremo anche gli altri supergruppi.

A PROPOSITO DI TITANO


Sono trascorsi 8 anni da quando la sonda Cassini, in missione intorno a Saturno, si separò dal modulo Huygens, lasciandolo scendere fra le nubi della maggiore delle sue lune: Titano. Più grande della nostra Luna, e anche del pianeta Mercurio, Titano è un mondo roccioso, avvolto da una densa atmosfera che, fino all’arrivo di Cassini e Huygens lasciava trapelare davvero poco. Grazie all’impresa di Huygens, appoggiatosi sulla superficie, e allo sguardo di Cassini, da allora conosciamo decisamente meglio questa luna lontana.
Sappiamo che ci sono laghi di etano e metano. Questi idrocarburi si trovano anche in forma di ghiaccio ma, poiché il metano solido è più denso di quello liquido, non galleggia. Secondo uno studio recente della Cornell University, sembra invece che in particolari condizioni anche questo tipo di ghiaccio possa restare a galla offrendo panorami che, pur diversi nella sostanza, ricordano quelli terrestri. Questa eventualità potrebbe avere delle ripercussioni a lungo termine sul clima di Titano. Altre osservazioni recenti, sempre opera della Cassini, riguardano invece l’età della luna di Saturno, ritenuta relativamente giovane perché mostra pochi crateri da impatto. I crateri invece sono presenti, ma nascosti dalla sabbia che li ricopre. Quindi Titano potrebbe essere più vecchio di quanto si pensasse: né atmosfera, né sabbia riescono a nascondere tutti i segreti.

UN PALLONE GONFIATO PER LA NASA
Quasi 18 milioni di dollari per un pallone gonfiato: è questa la nuova spesa, tutt’altro che folle, della NASA. Si chiama BEAM (Bigelow Expandable Activity Module) ed è un modulo abitabile:  lo si porta in orbita, lo si applica alla Stazione Spaziale e poi lo si gonfia. Lungo 4 metri e largo 3, il pallone offrirà alloggio agli astronauti che lo testeranno per due anni, monitorando temperatura e livelli di radiazioni. L’idea di abitare nello spazio dentro a strutture di questo tipo, leggere e quindi economiche dal punto di vista della messa in orbita, risale al 1958. Poterla realizzare ha richiesto fondi e anni di studi focalizzati su una questione della massima importanza: la sicurezza. La struttura abitabile deve resistere alla grossa minaccia di micrometeoriti o frammenti di spazzatura spaziale che viaggiano come proiettili. Costituito di vari strati di materiale simile al kevlar, BEAM è stato ampiamente testato in laboratorio, passando tutti gli esami. Per completare anche il test finale, quello dello spazio, non resta che aspettare il 2015, quando verrà lanciato alla volta della Stazione orbitante.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit