Text Size
Sabato, Giugno 06, 2020
News Astronomia Il più grande ammasso di Galassie che mette in difficoltà gli astronomi,il panorama simile alla Terra di Titano e il modulo spaziale gonfiabile "beam" realizzato dalla Nasa

Il mistero che ancora avvolge il "nono pianeta", il velocissimo sciame meteorico delle Eta Aquaridi ed il buco nero 660 mln più pesante del Sole

Risale a gennaio di quest’anno la notizia della scoperta, da parte di un team di scienziati del Caltech, della possibile esistenza di un nono pianeta, soprannominato appunto Planet Nine. Secondo i ...

I 10 importanti passi avanti nella scienza avvenuti nel 2012

La fine dell’anno è tempo di bilanci e il mondo della scienza non fa eccezione. Mentre "Nature" ha scelto di sottolineare gli eventi più importanti dal punto di vista delle politiche della ricerca e...

Le 5 meraviglie della scienza che ci porteranno nel futuro

Strutture che sembrano provenire da altri mondi, tecnologie surreali, enormi macchinari: alcuni incredibili 'monumenti scientifici' sono stati costruiti per attuare le piu' avanzate ricerche. Ecco 5 t...

Gli ultimi successi della Spacex, i problemi tecnici spaziali dell'India, la sonda Stardust torna operativa e news dell'astronauta Nespoli

SPACEX FA SUL SERIO Importante risultato per la compagnia spaziale privata SpaceX: lo scorso 8 dicembre è riuscita a mandare in orbita una delle sue capsule Dragon e a farla poi ridiscendere con un ...

Usare il suono per far lievitare gli oggetti. La nuova frontiera degli ologrammi acustici

UN GRUPPO di ricercatori del Max Planck Institute è riuscito a muovere oggetti a distanza con particolari onde sonore. Spostare oggetti senza toccarli è un traguardo per il quale da tempo lavorano...

La scoperta del pianeta solitario che viaggia nell'Universo, il mistero dell'assenza di metano su Marte ed il pianeta nella fascia di abitabilità della stella HD40307

La sua identità è ancora in attesa di conferma ma, se le ipotesi sono corrette, l’oggetto denominato  CFBDSIR2149 sarebbe un pianeta solitario che si sposta nello spazio assieme a un gruppo di ...

  • Il mistero che ancora avvolge il "nono pianeta", il velocissimo sciame meteorico delle Eta Aquaridi ed il buco nero 660 mln più pesante del Sole


    Publish In: News Astronomia
  • I 10 importanti passi avanti nella scienza avvenuti nel 2012


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Le 5 meraviglie della scienza che ci porteranno nel futuro


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Gli ultimi successi della Spacex, i problemi tecnici spaziali dell'India, la sonda Stardust torna operativa e news dell'astronauta Nespoli


    Publish In: News Astronomia
  • Usare il suono per far lievitare gli oggetti. La nuova frontiera degli ologrammi acustici


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La scoperta del pianeta solitario che viaggia nell'Universo, il mistero dell'assenza di metano su Marte ed il pianeta nella fascia di abitabilità della stella HD40307


    Publish In: News Astronomia

Il più grande ammasso di Galassie che mette in difficoltà gli astronomi,il panorama simile alla Terra di Titano e il modulo spaziale gonfiabile "beam" realizzato dalla Nasa

E’ il più grande insieme di galassie mai individuato finora e mette in dubbio uno dei fondamenti della cosmologia moderna: il principio cosmologico. Andiamo con ordine: il gruppo è molto lontano ed è costituito da un insieme di 73 galassie primordiali che nel loro insieme si estendono per ben 4 miliardi di anni luce. Un valore enorme se consideriamo che la nostra galassia è grande appena 100mila anni luce. Se da una parte la scoperta di un gruppo così esteso segna un nuovo record, dall’altra apre uno  scontro con il cosiddetto principio cosmologico. Secondo questo principio, l’Universo deve essersi evoluto allo stesso modo in qualsiasi direzioni si osservi, a patto di considerare grandi porzioni di spazio a grandi distanze. Affinché il principio resti valido si dovranno trovare altri supergruppi come questo anche in altre direzioni di osservazione. Il problema è che per quanto estesi miliardi di anni luce questi ammassi sono anche molto lontani e quindi difficili da individuare. E così mentre una piccola parte di scienziati ritiene che il principio cosmologico vada rivisto, la maggior parte dei cosmologi preferisce aspettare, sicuri che con i futuri strumenti presto scopriremo anche gli altri supergruppi.

A PROPOSITO DI TITANO


Sono trascorsi 8 anni da quando la sonda Cassini, in missione intorno a Saturno, si separò dal modulo Huygens, lasciandolo scendere fra le nubi della maggiore delle sue lune: Titano. Più grande della nostra Luna, e anche del pianeta Mercurio, Titano è un mondo roccioso, avvolto da una densa atmosfera che, fino all’arrivo di Cassini e Huygens lasciava trapelare davvero poco. Grazie all’impresa di Huygens, appoggiatosi sulla superficie, e allo sguardo di Cassini, da allora conosciamo decisamente meglio questa luna lontana.
Sappiamo che ci sono laghi di etano e metano. Questi idrocarburi si trovano anche in forma di ghiaccio ma, poiché il metano solido è più denso di quello liquido, non galleggia. Secondo uno studio recente della Cornell University, sembra invece che in particolari condizioni anche questo tipo di ghiaccio possa restare a galla offrendo panorami che, pur diversi nella sostanza, ricordano quelli terrestri. Questa eventualità potrebbe avere delle ripercussioni a lungo termine sul clima di Titano. Altre osservazioni recenti, sempre opera della Cassini, riguardano invece l’età della luna di Saturno, ritenuta relativamente giovane perché mostra pochi crateri da impatto. I crateri invece sono presenti, ma nascosti dalla sabbia che li ricopre. Quindi Titano potrebbe essere più vecchio di quanto si pensasse: né atmosfera, né sabbia riescono a nascondere tutti i segreti.

UN PALLONE GONFIATO PER LA NASA
Quasi 18 milioni di dollari per un pallone gonfiato: è questa la nuova spesa, tutt’altro che folle, della NASA. Si chiama BEAM (Bigelow Expandable Activity Module) ed è un modulo abitabile:  lo si porta in orbita, lo si applica alla Stazione Spaziale e poi lo si gonfia. Lungo 4 metri e largo 3, il pallone offrirà alloggio agli astronauti che lo testeranno per due anni, monitorando temperatura e livelli di radiazioni. L’idea di abitare nello spazio dentro a strutture di questo tipo, leggere e quindi economiche dal punto di vista della messa in orbita, risale al 1958. Poterla realizzare ha richiesto fondi e anni di studi focalizzati su una questione della massima importanza: la sicurezza. La struttura abitabile deve resistere alla grossa minaccia di micrometeoriti o frammenti di spazzatura spaziale che viaggiano come proiettili. Costituito di vari strati di materiale simile al kevlar, BEAM è stato ampiamente testato in laboratorio, passando tutti gli esami. Per completare anche il test finale, quello dello spazio, non resta che aspettare il 2015, quando verrà lanciato alla volta della Stazione orbitante.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit